Il Bolognino

In questo momento, un anno fa, concluse le festività, Stéphane Charbonnier, direttore e disegnatore del Charlie Hebdo riunì la redazione della rivista satirica presso la sede al numero 10 di Rue Nicolas Appert nell'undicesimo arrondissement parigino. Con lui erano presenti i vignettisti Jean Cabut, Georges Wolinski, Bernard Verlhac e Philippe Honoré, il curatore editoriale Mustapha Ourrad, la giornalista Elsa Cayat, l'economista Bernard Maris, Michel Renaud, Frederic Boisseau che era addetto alla manutenzione. 

Pubblicato in Società

Stasera la trasmissione de La7 “Bersaglio mobile” farà vedere ed ascoltare ai telespettatori l'ultima intervista rilasciata da Licio Gelli, di cui il Tg7 ha dato una breve anticipazione. A mio parere è vergognoso che, persino da cadavere, si conceda un megafono ad un tale delinquente.

Pubblicato in Memoria Collettiva

Il colmo della libertà ma sopratutto dell'individualismo a cui siamo arrivati nelle nazioni occidentali è aver cullato e cresciuto generazioni di ignoranti anti-occidentali. Occidentali anti-occidentali, e già questo, se non facesse già abbastanza ridere sarebbe quanto meno un paradosso.

Stavolta non mi riferisco agli stranieri o ai figli di stranieri - che di fatto non sono occidentali - ma ad occidentali che odiano talmente cosa è oggi l'occidente da non capire più quando si tratta di propaganda del potere, e quando, invece si tratta di popolare e umano dolore per le persone scomparse. Mi sto riferendo al fatto increscioso di oggi, accaduto a Parigi, dove I soliti noti dei centri sociali - chiamati "black block" (ma che stavolta coi black block hanno nulla a che vedere) -alla riunione sul clima, hanno "simpaticamente" distrutto il memoriale per le vittime degli attentati terroristici islamici.

 

Pubblicato in Opinioni
Sabato, 25 Aprile 2015 12:06

70 anni dalla Liberazione, l'opinione

Alcuni affermano, in un impeto di rabbia e polemica, che non si capisce da cosa ci saremmo liberati, settanta anni fa. "Liberazione da che?". Per me questa frustrazione è tutt'altro che una posizione assurda, è comprensibile, ma va incanalata all'interno di un ragionamento storico di verità e capita. Qui di seguito offro alcune riflessioni sulla guerra di Liberazione e sul perché, in fondo non ci siamo mai veramente "liberati".

Pubblicato in Opinioni
Mercoledì, 05 Marzo 2014 00:44

L'Italia de "La grande bellezza"

Ho visto "La grande bellezza" di Paolo Sorrentino e devo dire che mi è piaciuto assai, ma non per piaggeria all'Oscar o per nazionalismo cinefilo tristo. Mi piace ancor di più il day after della trasmissione televisiva che vede gran parte del pubblico denigrare questo film, indispettita, quasi incattivita. 

Pubblicato in Opinioni

Il sondaggio online aveva deciso che si doveva andare a discutere con Renzi, alle consultazioni reali. Così sentendosi tagliato fuori Beppe Grillo è intervenuto, e non solo ha accompagnato il capogruppo alla camera e il capogruppo al senato del M5S, Di Battista e Di Maio, ma anzi li ha totalmente oscurati facendosi beffe del loro ruolo istituzionale e della loro dignità di persone senzienti.

Pubblicato in Opinioni
Sabato, 21 Dicembre 2013 00:19

Fuori Tempi Stagione 3 Speciale Forconi

Forconi, fascisti e pure mafiosi o imprenditori e popolo esasperati? Semplici cittadini, nuovi movimenti o ombre di un passato che non vuole cambiare ma vuole riaffermarsi? Da queste domande e da molte altre inizia la puntata speciale sui Forconi, o meglio, sui variegati ed eterogenei movimenti che hanno dato il via al Comitato per il 9 dicembre, che assieme ad alcune associazioni degli autotrasportatori hanno animato vibranti proteste, spesso anche illegali nelle scorse settimane. Fuoritempi non poteva ignorare un fenomeno sociale simile, e lo abbiamo trattato da vari punti di vista, con ben quattro ospiti:

  • Jacopo Zannini (Sel), con il quale abbiamo parlato di movimenti e crisi della rappresentanza, sinistra e destra, crisi e neoliberismo;
  • Simone Pizzi e Antonino Nicita, amici di Ipn con i quali abbiamo ripreso il discorso dallo speciale dell’anno scorso, ci siamo focalizzati sui valori etici e politici della protesta;
  • Sara Spartà, che collabora con la rivista I Siciliani, con la quale abbiamo parlato di forconi e movimento 9 dicembre, protesta e proposta, tempistiche e infiltrazioni mafiose;

Argomenti ampi, nient’affatto lontani dalla protesta; nei quali però ci siamo districati con agevolezza e senza cadere nel giudizio e nel dare etichette, tentando di stimolare il vostro senso critico di ascoltatori e ponendoci delle domande, oltre che delle risposte.
Non vi resta che mettervi comodi, accendere le casse e schiacciare play. Paolo Perini vi augura Buon Natale e FuoriTempi tornerà dopo le vacanze. Buon ascolto.

Pubblicato in Fuori Tempi
Giovedì, 05 Dicembre 2013 20:13

L'8 dicembre si può cambiare veramente

Ho seguito da defilato - come impone il mio istinto e la mia identità politica di ex movimentista - il lungo e affatto scontato percorso delle primarie del Pd. Lo dico subito: le primarie stavolta rappresentano la possibilità concreta di cambiare il Partito Democratico, e perciò un ottima occasione per cambiare il destino della politica italiana, e con essa forse, il destino di tutti noi.

Pubblicato in Opinioni
Martedì, 30 Luglio 2013 18:53

Referendum ignorati, lezioni da apprendere

La lezione da trarre dall'ennesimo referendum ignorato dalla politica, per me è : è inutile che ti sbatti e che organizzi persone, che le convinci, che le porti al seggio se poi non hai un riferimento nelle Istituzioni. Altrimenti può succedere che vinci un referendum, o molti referendum, anche nazionali e poi la politica, che ha idee opposte, a quelle espresse dal referendum, ne ignora l'esito.

Pubblicato in Opinioni

Papa Francesco, il primo Papa gesuita e sudamericano, è un cristiano vero, di quelli a cui non siamo abituati. Non fece in tempo ad essere eletto al soglio di Pietro che già ha marcò la sua netta discontinuità con il passato millenario rifiutando di sedere sul trono d'oro. In soli sei mesi ha già iniziato un opera di eticizzazione dello Ior e del clero, ha cambiato la giustizia vaticana e molto altro, dando per primo l'esempio.

 

Pubblicato in Opinioni
Pagina 2 di 2

Dove ci porta l'UE

Memoria Collettiva

  • Strage di Bologna, il giudice priore e l'ingiustizia a orologeria
    Scritto da

    Basta, non se ne può più. Si dice che, se sbagliare è umano, perseverare sarebbe diabolico. A prima vista non si direbbe che Rosario Priore possieda fattezze luciferine. Eppure l’insistenza di questo magistrato che, da sei anni a questa parte, non perde occasione per ravvivare, a mezzo stampa, il dolore dei familiari delle vittime d ...

    Venerdì, 08 Luglio 2016 16:13 in Memoria Collettiva

La voce di Bologna

  • Vaccini tra paure e realtà, la serata
    Scritto da

    L'iniziativa “Vaccini tra paure e realtà” promossa dall'associazione ‘Minerva Associazione di Divulgazione” e dal blog ‘Bufale un tanto al chilo’, si terrà sabato 21 Marzo alle ore 20.45 presso lasala sala consigliare Cenerini del quartiere Saragozza. Noi de ilbolognino.info segnaliamo ...

    Mercoledì, 18 Marzo 2015 15:31 in Bologna

Multimedia

  • Fuori Tempi 4x20 finale stagione

    Paolo Perini, in collaborazione con Ipn e ilbolognino.info, con questa ultima puntata salutano gli appassionati e gli ascoltatori cogliendo l’occasione per una breve analisi dei fatti politici più importanti che abbiamo seguito in questa Quarta stagione di Fuori Tempi, a cavallo tra la seconda parte del 2014 e il 2015.

    Ho scelto per voi di ricordare e di approfondire, come ...

Questo sito utilizza cookies e tecnologie simili, anche di terze parti. Proseguendo accetti l'utilizzo dei cookies nel tuo browser Voglio saperne di più