Il Bolognino

Giovedì, 20 Settembre 2012 12:31

20 settembre, breccia di Porta Pia

Scritto da  Maurizio Cecconi
breccia di Porta Pia breccia di Porta Pia

Provate a immaginare le truppe italiane del Regno d'Italia da una parte e quelle dello Stato Pontificio dall'altra. Siamo alle porte di Roma. I francesi, fino a ieri protettori del Papa, hanno adesso altri problemi a cui pensare. E' il momento che Cavour aveva tanto atteso e che purtroppo non vide avverarsi. Pio IX mette le mani avanti e fa sapere al re Vittorio Emanuele II e agli italiani che chi imbraccerà le armi contro le truppe papali sarà automaticamente scomunicato.

 

La minaccia funziona, l'esercito italiano è paralizzato: nessuno vuole vedersi quella condanna appesa al collo per il resto della vita. Provate a immaginare la paura, il disorientamento che dovevano provare quei soldati, tutta povera gente, contadini timorosi di Dio e dell'autorità, abituati a venerare il Papa e a temere gli ordini della Chiesa Cattolica. Non si sa chi ebbe l'idea, forse il generale Cadorna, comandante delle forze italiane, forse qualche consigliere del re, forse invece qualcuno si offrì volontario e fu accolto a braccia aperte. Fatto sta che il primo a sparare, lì alle porte della Città Eterna, fu un soldato italiano ebreo; da ebreo, non temeva la scomunica papale. Il suo nome è Giacomo Segre; alla sera, vinta la battaglia, prese carta e penna e scrisse alla sua fidanzata: "Mia amatissima Annetta, Roma è nostra". Roma è nostra. Da intendere: noi ebrei, noi protestanti, noi valdesi, noi laici, noi anticlericali, noi italiani, noi parte di un paese che ha conosciuto il sangue dell'Inquisizione, della repressione, del totalitarismo cattolico, abbiamo infine uno Stato in cui riconoscerci e che ci riconoscerà la libertà d'essere e per il quale stiamo combattendo. E' stato, infatti, grande il contributo che le minoranze religiose hanno dato all'unità d'Italia e che continuano a dare, affinché il nostro sia un paese più laico e più secolare; quella secolarizzazione che invece vediamo tradita ogni giorno dalla moltiplicazione delle ingerenze vaticane. Così oggi, 20 settembre, ultimo giorno d'estate e anniversario della presa di Roma, non facciamoci prendere dall'astio e dall'amarezza nell'osservare il Presidente della Repubblica e quello del Consiglio dei Ministri offendere la storia e andare a braccetto col Papa. Loro sono il passato, noi lavoriamo per un nuovo Risorgimento italiano.

Buona breccia di Porta Pia a tutti.
Letto 1849 volte

Potrebbe interessarti anche:

  • Silvia Romano: non è odio ma odio di classe

    Le reazioni scomposte, esagerate, reazionarie, sguaiate, offensive, retrograde alla visione del ritorno in Patria della cooperante Silvia Romano in abito musulmano non si spiegano secondo un interpretazione superficiale - razzismo e misoginia - fatta propria dalle persone di sinistra. Non è tanto per Silvia che abbiamo gioito o sbavato rabbia, ma per ciò che Silvia rappresenta.

     

  • 25 Aprile Oltre il ponte

    Oggi festeggiamo la liberazione dal nazifascismo con la bellissima poesia di Italo Calvino e Sergio Liberovici, messa in musica dalla MCR. Tutti i diritti sono riservati. (il Bolognino è copyleft)

  • Sanità privata Lombarda e Bologna, il gruppo San Donato

    La Lombardia come sappiamo è la Regione d'Italia e d'Europa che peggio sta subendo l'offensiva di covid-19, da molti osservatori si fa strada anche l'osservazione che la sanità lombarda sia stata ampiamente privatizzata negli scorsi decenni e l'efficienza ed efficacia del sistema sanitario lombardo è sotto gli occhi di tutto il mondo. Una correlazione non è una causalità, ma ci teniamo a mettere i puntini sulle i con il buon lavoro di Riccardo Lenzi, che ci ricorda chi controlla il maggiore gruppo italiano della sanità privata, il gruppo San Donato che annovera ben 17 ospedali inn Lombardia.

Commenti   

 
fabianno
0 #1 fabianno 2020-04-15 19:52
Your website is very nice, i have bookmarked it.
Citazione | Segnala all'amministratore
 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna


Dove ci porta l'UE

  • Esclusi Eurobond sì a MES e Sure
    Scritto da Marco Zuccaro

    Esclusi in modo categorico gli Eurobond e ogni forma di mutualizzazione del debito (come ampiamente previsto), escluso ogni tipo di intervento a fondo perduto. No, il Recovery Fund non sarà composto da sovvenzioni a fondo perduto, altrimenti sarebbe stato approvato oggi stesso.

    Venerdì, 24 Aprile 2020 07:15 in Dove ci porta l'UE

Memoria Collettiva

La voce di Bologna

  • Vaccini tra paure e realtà, la serata
    Scritto da

    L'iniziativa “Vaccini tra paure e realtà” promossa dall'associazione ‘Minerva Associazione di Divulgazione” e dal blog ‘Bufale un tanto al chilo’, si terrà sabato 21 Marzo alle ore 20.45 presso lasala sala consigliare Cenerini del quartiere Saragozza. Noi de ilbolognino.info segnaliamo ...

    Mercoledì, 18 Marzo 2015 15:31 in Bologna

Multimedia

  • Fuori Tempi 4x20 finale stagione

    Paolo Perini, in collaborazione con Ipn e ilbolognino.info, con questa ultima puntata salutano gli appassionati e gli ascoltatori cogliendo l’occasione per una breve analisi dei fatti politici più importanti che abbiamo seguito in questa Quarta stagione di Fuori Tempi, a cavallo tra la seconda parte del 2014 e il 2015.

    Ho scelto per voi di ricordare e di approfondire, come ...

Questo sito utilizza cookies e tecnologie simili, anche di terze parti. Proseguendo accetti l'utilizzo dei cookies nel tuo browser Voglio saperne di più