Il Bolognino

Sabato, 13 Ottobre 2012 20:47

Quando i Carabinieri dissero “no” a fascisti e SS

Scritto da 
Quando i Carabinieri dissero “no” a fascisti e SS 7 ottobre 1943. La deportazione dei Carabinieri romani nei lager nazisti” (Edizioni Studium),

Bologna 2012, tardo pomeriggio di lunedì 8 ottobre, sede dell'Istituto Storico Parri: la presentazione del libro “7 ottobre 1943. La deportazione dei Carabinieri romani nei lager nazisti” (Edizioni Studium), della prof.ssa Anna Maria Casavola, è appena terminata. Alfonso Manzo chiede la parola, si alza in piedi, trattenendo a fatica la commozione per le parole di affetto nei confronti dell'Arma che ha appena ascoltato: impugnato il microfono, il Comandante provinciale dei Carabinieri di Bologna ringrazia l'autrice e gli altri relatori ed esprime il proprio orgoglio per il comportamento di migliaia di “commilitoni” che tra il 1943 e il 1945, coerentemente con la vocazione antitotalitaria dell'Arma, rifiutarono di mettersi al servizio degli occupanti tedeschi e degli illegittimi governanti di Salò: «Essere stati considerati “inaffidabili” da nazisti e fascisti è un titolo di merito».

 

Tra gli applausi dei presenti, forse il più sentito è quello di Renzo Sassi, classe 1921, già comandante della stazione CC di Granarolo Emilia, allora brigadiere in servizio a Roma: uno dei circa 2.500 militari dell'Arma ai quali il ministro della difesa Rodolfo Graziani, con un dispaccio firmato il 6 ottobre 1943, ordinò il disarmo. Disonorandoli e consegnando il loro destino - e quello della popolazione romana - nelle mani delle SS di Kappler. Il 16 ottobre l'esercito nazista potè infatti dedicarsi al suo vero obiettivo, rastrellando 1.024 persone (tra le quali oltre 200 bambini) nelle strade del Portico d'Ottavia: il ghetto degli ebrei romani.


Come ha scritto l'ex sindaco di Roma Walter Veltroni, «sono proprio i Carabinieri, corpo militare, a costituire l’ostacolo principale allo strapotere nazista in una Roma città aperta che è una straziante oasi di pace». Aver reso evidente ed indiscutibile il collegamento tra questi due fatti dimostra di per sé la fecondità della ricerca storica di Anna Maria Casavola, figlia di un maresciallo maggiore dei Carabinieri. Un libro che, uscito nel 2008, continua ad essere divulgato in tutta Italia e si è trasformato progressivamente in un formidabile strumento di verità. Una verità non-solo-storica da opporre, per esempio, all'assordante silenzio estivo che ha accompagnato l'inaugurazione del mausoleo di Affile dedicato, a spese dei contribuenti, al maresciallo Rodolfo Graziani, criminale di guerra e autore del dispaccio che ordinò il disarmo dei Carabinieri romani. Uno schiaffo – non solo mediatico - alla Repubblica “democratica e antifascista” che, in questa calda estate 2012, non è rimasto isolato: la recente sentenza di Stoccarda che vorrebbe lasciare impunita la strage di Sant'Anna di Stazzema (12 agosto 1944) ha ulteriormente rinnovato dolori e ferite. Da questo punto di vista il trascorrere degli anni e il succedersi degli eventi rende sempre più indifendibili gli appelli della politica alla “pacificazione” e i revisionismi storici dei Pansa e dei Violante che, dopo la fine della Prima Repubblica e l'avvento del berlusconismo, hanno contribuito a cancellare dalla memoria della maggioranza degli italiani le responsabilità storicamente accertate e, soprattutto, la loro capacità di distinguere tra servitori dello Stato e servitori di poteri illegali e/o occulti.


Un'ipocrisia che, non a caso, ha recentemente accompagnato anche il 30° anniversario dell'assassinio del generale Carlo Alberto Dalla Chiesa, altro Carabiniere “scomodo”, tradito e abbandonato dalla meschinità dei governanti del suo tempo - Giulio Andreotti in primis - e perciò ucciso per mano mafiosa il 3 settembre 1982. Destino e reputazione diversi da quelli, per esempio, del “commilitone” Francesco Delfino, anch'egli generale dell'Arma e in quegli anni agente del servizio segreto militare, condannato per truffa aggravata per aver chiesto soldi alla famiglia dell’imprenditore sequestrato Giuseppe Soffiantini in cambio della liberazione dell’ostaggio, prima indagante e poi indagato per la strage di Piazza della Loggia.


Eppure, come dice un mio amico, “le cose giuste aprono le porte del Mondo”. Della vicenda dei Carabinieri romani ha scritto in questi giorni anche Gian Antonio Stella sull'ultimo numero di Sette, settimanale del Corriere della Sera, uscito in edicola il 12 ottobre: data che i bolognesi più anziani ricordano bene...

Bologna 1944, tarda mattinata di giovedì 12 ottobre: tra le zone colpite dal più grande bombardamento alleato sulla città, c'è il campo d'internamento delle Caserme Rosse, in zona Corticella. In quel luogo, ex caserma del Regio Esercito, da oltre un anno vivevano ammassati decine di migliaia di italiani, militari e civili. Prigionieri destinati alla deportazione nei lager tedeschi. Quel bombardamento di 68 anni fa distrusse il Lager di Bologna, dove con ogni probabilità erano transitati alcuni di quei 2.500 carabinieri deportati in Germania. E dove, forse, molti di essi furono fucilati: la ricerca della verità prosegue...

Letto 8366 volte Ultima modifica il Lunedì, 15 Ottobre 2012 17:25

Potrebbe interessarti anche:

  • Vorrei un 25 Aprile di tutti

    Il 25 Aprile è purtroppo una festa che ancora oggi divide invece di unire, lo si deve alla nostra storia patria travagliata ma anche e soprattutto al secondo dopoguerra.

  • Blu cancella i suoi murales, no alla privatizzazione dell'arte

    Riportiamo una dichiarazione di Blu, artista autore di murales memorabili a Bologna ed altre città, riconosciuto anche a livello internazionale. Blu sta cancellando i propri disegni, le proprie opere d'arte, e lo sta facendo perché una fondazione bancaria, presieduta dall'ex rettore dell'università Roversi Monaco, ha deciso di organizzare una mostra sulla street art e vuole utilizzare la sua arte e l'arte dei writer a beneficio di alcuni, invece che a beneficio di tutti.

  • Appello a Mentana: stasera niente megafono per Gelli

    Stasera la trasmissione de La7 “Bersaglio mobile” farà vedere ed ascoltare ai telespettatori l'ultima intervista rilasciata da Licio Gelli, di cui il Tg7 ha dato una breve anticipazione. A mio parere è vergognoso che, persino da cadavere, si conceda un megafono ad un tale delinquente.

Commenti   

 
BestLoreen
0 #10 BestLoreen 2018-11-18 14:12
I have noticed you don't monetize your blog, don't waste your traffic, you can earn additional cash every month.
You can use the best adsense alternative for any type of website (they approve all websites), for more details simply search in gooogle:
boorfe's tips monetize your website
Citazione | Segnala all'amministratore
 
 
BestEstelle
0 #9 BestEstelle 2018-11-04 05:11
I have noticed you don't monetize your page, don't waste your traffic,
you can earn extra cash every month. You can use the best adsense alternative for any type of website (they approve all websites), for more info simply search in gooogle: boorfe's tips monetize your website
Citazione | Segnala all'amministratore
 
 
BestMyles
0 #8 BestMyles 2018-10-27 11:12
I have noticed you don't monetize your website, don't waste your traffic, you can earn extra cash
every month. You can use the best adsense alternative for any type of website (they approve all
websites), for more details simply search in gooogle: boorfe's tips monetize your website
Citazione | Segnala all'amministratore
 
 
TabithaBold
0 #7 TabithaBold 2018-05-20 22:04
I have checked your page and i've found some duplicate content,
that's why you don't rank high in google, but
there is a tool that can help you to create 100% unique articles,
search for: SSundee advices unlimited content for your blog
Citazione | Segnala all'amministratore
 
 
ChristianeChief
0 #6 ChristianeChief 2018-03-08 09:21
I have checked your blog and i've found some duplicate content,
that's why you don't rank high in google's search results, but there is a
tool that can help you to create 100% unique
content, search for: Best article rewritwer Ercannou's essential tools
Citazione | Segnala all'amministratore
 
 
AntoniettaSmall
0 #5 AntoniettaSmall 2018-02-09 07:23
I have checked your blog and i've found some duplicate content, that's why you don't rank
high in google's search results, but there is a tool that can help
you to create 100% unique articles, search for; Boorfe's tips unlimited content
Citazione | Segnala all'amministratore
 
 
VickiSmall
0 #4 VickiSmall 2018-01-29 16:06
I have checked your website and i've found some duplicate content, that's why you don't rank high in google's search results, but there is a tool
that can help you to create 100% unique articles, search for; Boorfe's tips unlimited content
Citazione | Segnala all'amministratore
 
 
FirstEugenio
0 #3 FirstEugenio 2017-11-20 07:27
I see you don't monetize your website, don't waste your traffic, you
can earn additional bucks every month because you've got hi
quality content. If you want to know how to make extra money, search for: Boorfe's tips best adsense alternative
Citazione | Segnala all'amministratore
 
 
Paulo Thiago
0 #2 Paulo Thiago 2017-09-10 21:22
Olá , muito interessante o seu blog! Adorei!.
Citazione | Segnala all'amministratore
 
 
Anemonalove
0 #1 Anemonalove 2017-07-19 01:41
Hi guys! Who wants to see me live? I have profile at HotBabesCams.co m, we can chat, you can watch me live for free, my nickname is Anemonalove , here is my photo:

https://3.bp.blogspot.com/-u5pGYuGNsSo/WVixiO8RBUI/AAAAAAAAAFA/JWa2LHHFI2AkHParQa3fwwHhVijolmq8QCLcBGAs/s1600/hottest%2Bwebcam%2Bgirl%2B-%2BAnemonalove.jpg
Citazione | Segnala all'amministratore
 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna


Dove ci porta l'UE

Memoria Collettiva

La voce di Bologna

  • Vaccini tra paure e realtà, la serata
    Scritto da

    L'iniziativa “Vaccini tra paure e realtà” promossa dall'associazione ‘Minerva Associazione di Divulgazione” e dal blog ‘Bufale un tanto al chilo’, si terrà sabato 21 Marzo alle ore 20.45 presso lasala sala consigliare Cenerini del quartiere Saragozza. Noi de ilbolognino.info segnaliamo ...

    Mercoledì, 18 Marzo 2015 15:31 in Bologna

Multimedia

  • Fuori Tempi 4x20 finale stagione

    Paolo Perini, in collaborazione con Ipn e ilbolognino.info, con questa ultima puntata salutano gli appassionati e gli ascoltatori cogliendo l’occasione per una breve analisi dei fatti politici più importanti che abbiamo seguito in questa Quarta stagione di Fuori Tempi, a cavallo tra la seconda parte del 2014 e il 2015.

    Ho scelto per voi di ricordare e di approfondire, come ...

Questo sito utilizza cookies e tecnologie simili, anche di terze parti. Proseguendo accetti l'utilizzo dei cookies nel tuo browser Voglio saperne di più