Il Bolognino

In vista del referendum sulla riforma costituzionale, il bolognino pubblica una serie di speciali che analizzano punto a punto la riforma, su cui il 4 dicembre prossimo saremo tutti tenuti a decidere. A scrivere abbiamo Riccardo Patrian, politologo. Questo primo speciale riguarda il superamento del bicameralismo "perfetto" o paritario.

È importante che il Senato abbia funzioni diverse dalla Camera?

Pubblicato in Italia

La riforma del Senato, o più propriamente la riforma Costituzionale voluta dal governo Renzi, progredisce velocemente. Al governo Renzi viene rimproverato di non avere la legittimità di fare una riforma Costituzionale di tale portata perché è un governo non eletto. Tuttavia dal 48 in poi - per la verità anche prima - in Italia il popolo, cioè voi ed io, non abbiamo mai eletto direttamente un governo e tanto meno un presidente del Consiglio dei Ministri.

Pubblicato in Italia
Martedì, 10 Marzo 2015 13:49

Il Senato renziano

Stamattina la Camera ha approvato in seconda lettura la riforma Costituzionale del Senato, quella che introduce il cosiddetto Senato renziano con 357 favorevoli e 125 contrari. Ora la riforma passerà al Senato per la lettura definitiva, dopo di che la legge potrà essere promulgata, e salvo referendum abrogativo proposto dallo stesso Renzi, diremo addio al Senato e al bicameralismo perfetto, così come lo conosciamo oggi.

Pubblicato in Opinioni

Il recente caso della cacciata di quattro senatori del movimento cinque stelle, riaccende i riflettori su un problema che più volte si è palesato sugli spazi di approfondimento politico di giornali e tv, ovvero la democrazia interna al movimento.

In seguito ad un sondaggio pubblicato sul sito ufficiale del movimento, ovvero il blog di Beppe Grillo, sulla possibilità o meno di andare alle consultazioni con l'attuale presidente del consiglio Renzi, il popolo della rete, o meglio il popolo di Beppe Grillo, decide indipendentemente dall'esito di provare a dialogare con Renzi.

Pubblicato in Italia

Vista l'incapacità o la non volontà dei partiti presenti in Parlamento si tornerà a votare con la vecchia legge elettorale, denominata “Porcellum” che permette ai segretari di partito di inserire nelle liste chi più gli aggrada.

Diventa fondamentale perciò trovare un altra via per scegliere democraticamente i propri rappresentanti se non si vuole ripetere lo sfacelo che abbiamo assistito in questi ultimi 5 anni.

Pubblicato in Italia
Mercoledì, 04 Luglio 2012 16:54

ACTA muore, la democrazia vince.

ACTA è morto. Questa è la frase con cui centinaia di utenti su twitter (e sugli altri social network) oggi festeggiano una vittoria a lungo attesa.

Questa mattina (Mercoledì 4 Luglio) il Parlamento Europeo si è espresso riguardo l'Anti-Counterfeiting Trade Agreement, e il graditissimo risultato è stato un plebiscito di NO: 478 contro, 39 pro, 165 astenuti.

Pubblicato in Società

Il terremoto in Emilia rischia di distrarre gli italiani da quello che sta accadendo a Roma, tra Palazzo Madama e Montecitorio. La Costituzione sancisce i diritti e i doveri dei cittadini italiani, compresi quelli dei parlamentari. Dopo la velocissima e silenziosissima modifica dell'articolo 81 (pareggio di bilancio), che solo Lidia Undiemi ha denunciato tempestivamente, l'anomala situazione istituzionale di questi mesi, che vede il governo Monti sostenuto da una maggioranza bipartisan,
rischia di partorire una pessima riforma costituzionale. Teoricamente l'adozione di un nuovo sistema elettorale - francese, tedesco, australiano o marziano che sia - andrebbe accompagnato da un parallelo, coerente adeguamento del sistema istituzionale. Questo in una situazione normale. Ma l'anormalità della transizione politica in corso dovrebbe rendere evidente a tutti, perlomeno a chiunque abbia a cuore il futuro dell'Italia, che l'unica riforma doverosa per questo Parlamento politicamente delegittimato è quella della legge elettorale. A maggior ragione dopo i risultati delle amministrative, questa Camera e questo Senato non hanno invece alcun diritto di modificare la Costituzione.

Pubblicato in Opinioni

Dove ci porta l'UE

Memoria Collettiva

  • Strage di Bologna, il giudice priore e l'ingiustizia a orologeria
    Scritto da

    Basta, non se ne può più. Si dice che, se sbagliare è umano, perseverare sarebbe diabolico. A prima vista non si direbbe che Rosario Priore possieda fattezze luciferine. Eppure l’insistenza di questo magistrato che, da sei anni a questa parte, non perde occasione per ravvivare, a mezzo stampa, il dolore dei familiari delle vittime d ...

    Venerdì, 08 Luglio 2016 16:13 in Memoria Collettiva

La voce di Bologna

  • Vaccini tra paure e realtà, la serata
    Scritto da

    L'iniziativa “Vaccini tra paure e realtà” promossa dall'associazione ‘Minerva Associazione di Divulgazione” e dal blog ‘Bufale un tanto al chilo’, si terrà sabato 21 Marzo alle ore 20.45 presso lasala sala consigliare Cenerini del quartiere Saragozza. Noi de ilbolognino.info segnaliamo ...

    Mercoledì, 18 Marzo 2015 15:31 in Bologna

Multimedia

  • Fuori Tempi 4x20 finale stagione

    Paolo Perini, in collaborazione con Ipn e ilbolognino.info, con questa ultima puntata salutano gli appassionati e gli ascoltatori cogliendo l’occasione per una breve analisi dei fatti politici più importanti che abbiamo seguito in questa Quarta stagione di Fuori Tempi, a cavallo tra la seconda parte del 2014 e il 2015.

    Ho scelto per voi di ricordare e di approfondire, come ...

Questo sito utilizza cookies e tecnologie simili, anche di terze parti. Proseguendo accetti l'utilizzo dei cookies nel tuo browser Voglio saperne di più