Il Bolognino

Mercoledì, 31 Ottobre 2012 11:31

Il referendum si farà

Scritto da  Comitato Articolo 33

La raccolta firme per l’indizione del referendum consultivo cittadino, cominciata il 7 settembre e in corso fino al 6 dicembre, è a un ottimo punto: il referendum si farà! Abbiamo più di 10mila firme valide, numero ampiamente superiore alle 9000 necessarie. Un risultato eccezionale, il segno concreto che tantissimi bolognesi vogliono il referendum. In un contesto locale e nazionale di duro attacco al diritto alla pubblica istruzione e di progressiva privatizzazione dell’istruzione, l’ampio consenso che converge sulla iniziativa referendaria dimostra ancora una volta la tenacia con cui i cittadini sono pronti a rivendicare il valore e il diritto all’istruzione pubblica.

 

 

COINVOLTI, SOPRA OGNI ASPETTATIVA Quella del comitato referendario doveva essere una raccolta firme dedicata alla città nella sua pienezza (centro, periferia, scuole). Doveva essere una raccolta firme civica e trasversale, aperta e indipendente. Così è stato, anzi di più: la reazione della società civile ha superato le migliori aspettative. Donne e uomini, giovani e anziani, in tanti hanno fatto sentire il loro supporto ai banchetti e nelle altre occasioni di incontro. Ai cittadini che con le loro intelligenze e le loro energie stanno contribuendo alla raccolta delle firme, come volontari o semplicemente come firmatari, va il nostro grazie e l’invito a continuare a coinvolgere e sentirsi coinvolti. La raccolta delle firme non si ferma, continua a frequentare le strade e le piazze della città, continua a informare e coinvolgere bolognesi e non solo.

 

I NUMERI DI UN SUCCESSO Più di 100 banchetti in meno di due mesi, circa 200 volontari coinvolti, più di 20 autenticatori delle firme, 50mila volantini distribuiti. Più di 10mila firme certificate ad oggi, raccolte nel centro come nelle periferie di Bologna, con una presenza capillare nelle piazze, nei mercati, in prossimità delle scuole, dei luoghi di lavoro e di incontro. Notevole anche la risposta positiva dei cittadini fuori dalla festa dell’Unità. Tutti i quartieri sono stati coperti, e ulteriori luoghi verranno toccati nel prosieguo della raccolta, fino ai primi di dicembre. Vivace l’incontro in luoghi non solo fisici ma anche virtuali, a conferma dell’interesse diffuso per il referendum: 20mila utenti unici hanno visitato il sito dall’estate a oggi, 80mila gli accessi alla nostra fanpage su facebook in soli due mesi, ampia la rassegna stampa raccolta sul sito e su facebook, centinaia le comunicazioni diffuse via tweet dal Comitato; inoltre una rubrica settimanale, Diario di scuola, che sin dall’inizio dell’anno scolastico è online sul nostro sito tutti i lunedì e coinvolge in prima persona tanti cittadini.

 

PARMA, MODENA, MILANO: REFERENDUM DA ESPORTAZIONE Assieme al sostegno e alle tante firme dei bolognesi, è arrivato anche l’interessamento dei non residenti in città. Le questioni che il referendum affronta, riportando al centro il diritto alla pubblica istruzione e la necessità di coinvolgimento democratico, hanno una portata non solo locale ma ben più ampia. Non è un caso che già a Parma, nella provincia di Milano e in quella di Modena gruppi di cittadini ci abbiano fatto pervenire il loro interessamento ad “esportare” il referendum anche sui loro territori. Relazioni e alleanze che nascono, si costruiscono e si rafforzano dal basso, ma che sempre più dovranno far sentire il loro peso a una politica che troppo spesso mette in secondo piano, a livello locale come nazionale, il valore e il diritto alla pubblica istruzione.

E ORA? Ora, come e più di prima, la raccolta firme continua, coinvolgendo sempre più cittadini. I referendari promuovono il confronto nel merito e si appellano a soggetti collettivi, singoli cittadini, personalità della cultura, perché altri ancora aderiscano all’iniziativa referendaria. Il referendum non è più solo una possibilità, ma grazie al contributo di molti è una realtà, e senz’altro ci sarà da festeggiare questa vittoria. Lo faremo presto, sperando che altrettanto presto il referendum venga indetto. Ribadiamo la sollecitazione ad accorpare il referendum con le elezioni politiche. I referendari, pur riaffermando il valore prima che il costo di appuntamenti democratici come quello della consultazione dei cittadini, ritengono che non procedere all’accorpamento significherebbe rinunciare alla opportunità di riduzione dei costi.

Per il Nuovo Comitato Articolo 33,
la portavoce Francesca De Benedetti

Letto 4287 volte

Potrebbe interessarti anche:

  • Le mie ragioni per il Si alla riforma costituzionale

    In questi mesi ho ragionato se fosse opportuno scrivere una delle tante analisi sul prossimo voto referendario, ma poi ho pensato che comunque alla mia analisi è preferibile quella dei professori e degli estensori della riforma. Mi limito perciò a spiegare le ragioni personali che mi hanno convinto della bontà della riforma costituzionale che a breve dovremmo tutti votare con referendum.

  • Brexit!

    Il voto sull'uscita dall'Ue da parte della Gran Bretagna (Inghilterra+ Scozia+ Galles + Irlanda del Nord) svoltosi ieri, il cui risultato è stata la vittoria del fronte per il Brexit, cioè l'uscita dall'Ue, è stato un voto caratterizzato da molteplici aspetti sociali politici ed economici, ma in piena tradizione con il sentimento e con la cultura più autentica del popolo inglese.

  • Referendum 17 aprile, cosa c'è da sapere

    Il prossimo 17 aprile, il corpo elettorale sarà chiamato a decidere sul cosiddetto Referendum sulle "trivelle". Trattasi di un referendum abrogativo, che chiede ai cittadini se vogliano abrogare il rinnovo delle concessioni per l'estrazione di petrolio e gas (gas naturale e gasolina) sul territorio nazionale. La disinformazione corre veloce e popolare sul web, ma sopratutto sui social, primo tra tutti, Facebook. C'è chi lancia allarmi di fantomatici quanto inesistenti nuovi permessi per trivellare tutto il mare, chi scopre solo oggi che l'Italia è un piccolo produttore di gas naturale e - recentemente - di petrolio, chi andrà a votare Si - quindi abrogazione - senza considerare le conseguenze economiche di una tale scelta, ma solo per slancio ideale ambientalista ma condito da tante sbagliate certezze (ne parleremo in seguito). Inoltre c'è da considerare il "traino" emotivo che la vicenda dell'ex ministra Guidi, sta provocando.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna


Dove ci porta l'UE

Memoria Collettiva

  • Strage di Bologna, il giudice priore e l'ingiustizia a orologeria
    Scritto da

    Basta, non se ne può più. Si dice che, se sbagliare è umano, perseverare sarebbe diabolico. A prima vista non si direbbe che Rosario Priore possieda fattezze luciferine. Eppure l’insistenza di questo magistrato che, da sei anni a questa parte, non perde occasione per ravvivare, a mezzo stampa, il dolore dei familiari delle vittime d ...

    Venerdì, 08 Luglio 2016 16:13 in Memoria Collettiva

La voce di Bologna

  • Vaccini tra paure e realtà, la serata
    Scritto da

    L'iniziativa “Vaccini tra paure e realtà” promossa dall'associazione ‘Minerva Associazione di Divulgazione” e dal blog ‘Bufale un tanto al chilo’, si terrà sabato 21 Marzo alle ore 20.45 presso lasala sala consigliare Cenerini del quartiere Saragozza. Noi de ilbolognino.info segnaliamo ...

    Mercoledì, 18 Marzo 2015 15:31 in Bologna

Multimedia

  • Fuori Tempi 4x20 finale stagione

    Paolo Perini, in collaborazione con Ipn e ilbolognino.info, con questa ultima puntata salutano gli appassionati e gli ascoltatori cogliendo l’occasione per una breve analisi dei fatti politici più importanti che abbiamo seguito in questa Quarta stagione di Fuori Tempi, a cavallo tra la seconda parte del 2014 e il 2015.

    Ho scelto per voi di ricordare e di approfondire, come ...

Questo sito utilizza cookies e tecnologie simili, anche di terze parti. Proseguendo accetti l'utilizzo dei cookies nel tuo browser Voglio saperne di più