Il Bolognino

Mercoledì, 19 Dicembre 2012 17:08

Natale con sorpresa per Comitato art33

Scritto da 

Il 21 dicembre il mondo finirà? Certo che no, ma non paghi dell'ottimo risultato di partecipazione ottenuto, con ben 12800 firme valide, Comitato Articolo 33 propone ai bolognesi un Natale (anticipato) a sorpresa.

"Questo percorso noi referendari dobbiamo seguirlo da vicino e con attenzione, dobbiamo presidiare questa grande opportunità di partecipazione che la città si è conquistata, e che è il referendum" - affermano i refeerndari che si battono per ottenere il referndum comunale sui finanziamenti allle scuole dell'infanzia. La sorpresa si concretizzerà 10.30, nei pressi dell'albero natalizio in piazza del Nettuno, non solo per porgersi gli auguri, alle ore 11.00 infatti, una delegazione salirà a Palazzo d'Accursio in occasione del question-time ed esibirà dei cartelli a sostegno del referendum e dell'accorpamento tra referendum e elezioni politiche.


Dopo che alcuni esponenti del Pdl e dell'associazione delle scuole private avevano utilizzato anche l'argomento prestestuoso dell'eventuale costo della consultazione referendaria per convincere i bolognesi a non firmare, oggi, sembra proprio non si voglia cogliere l'occasione per ridurre l'esborso che inevitabilmente il referendum comporterà. E' proprio il Comune di Bologna e il sindaco, in particolare, a non aver colto l'occasione che le elezioni anticipate danno a Bologna: due piccioni con una fava - elezioni politiche e referndum accorpato, ridurrebbero ovviamente di molte decine di migliaia di euro il conto ai bolognesi.


Proprio per chiedere l'accorpamento permettendo così ai cittadini di esprimersi e non gravare troppo sul bilancio pubblico, i referendari di Comitato Articolo 33 chiedono grande partecipazione per il Natale con sorpresa; sorpresa - si intende - che faranno al consiglio comunale. Sappiamo come i finanziamenti pubblici alle scuole private siano irrinunciabili sia per l'amminsitrazione comunale, che per maggioranza quanto per l'opposizione.

Ma, visti i risultati della raccolta firme, pare proprio che buona parte dei bolognesi non siano d'accordo ne con l'attuael amministrazione comunale, ne con i maggiori partiti di maggioranza e opposizione.


La laicità dello Stato, non più un valore fatto proprio dalle Istituzioni, lo è ancora per la società civile. Che anzi rilancia, col sorriso sulle labbra. Per l'occasione, infatti, Babbo Natale in persona ha confermato la sua presenza: sarà anche lui sotto l'albero per "mettere nel sacco" le lettere che i cittadini vogliono spedire al sindaco, per chiedere l'accorpamento tra referendum e politiche.

Per chi vuole dare il contributo alla causa con la propria letterina, può prendere spunto dalla lettera che il Comitato ha spedito a Merola: http://bit.ly/QU7vpQ

Letto 1163 volte

Potrebbe interessarti anche:

  • Le mie ragioni per il Si alla riforma costituzionale

    In questi mesi ho ragionato se fosse opportuno scrivere una delle tante analisi sul prossimo voto referendario, ma poi ho pensato che comunque alla mia analisi è preferibile quella dei professori e degli estensori della riforma. Mi limito perciò a spiegare le ragioni personali che mi hanno convinto della bontà della riforma costituzionale che a breve dovremmo tutti votare con referendum.

  • Brexit!

    Il voto sull'uscita dall'Ue da parte della Gran Bretagna (Inghilterra+ Scozia+ Galles + Irlanda del Nord) svoltosi ieri, il cui risultato è stata la vittoria del fronte per il Brexit, cioè l'uscita dall'Ue, è stato un voto caratterizzato da molteplici aspetti sociali politici ed economici, ma in piena tradizione con il sentimento e con la cultura più autentica del popolo inglese.

  • Referendum 17 aprile, cosa c'è da sapere

    Il prossimo 17 aprile, il corpo elettorale sarà chiamato a decidere sul cosiddetto Referendum sulle "trivelle". Trattasi di un referendum abrogativo, che chiede ai cittadini se vogliano abrogare il rinnovo delle concessioni per l'estrazione di petrolio e gas (gas naturale e gasolina) sul territorio nazionale. La disinformazione corre veloce e popolare sul web, ma sopratutto sui social, primo tra tutti, Facebook. C'è chi lancia allarmi di fantomatici quanto inesistenti nuovi permessi per trivellare tutto il mare, chi scopre solo oggi che l'Italia è un piccolo produttore di gas naturale e - recentemente - di petrolio, chi andrà a votare Si - quindi abrogazione - senza considerare le conseguenze economiche di una tale scelta, ma solo per slancio ideale ambientalista ma condito da tante sbagliate certezze (ne parleremo in seguito). Inoltre c'è da considerare il "traino" emotivo che la vicenda dell'ex ministra Guidi, sta provocando.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna


Dove ci porta l'UE

Memoria Collettiva

  • Strage di Bologna, il giudice priore e l'ingiustizia a orologeria
    Scritto da

    Basta, non se ne può più. Si dice che, se sbagliare è umano, perseverare sarebbe diabolico. A prima vista non si direbbe che Rosario Priore possieda fattezze luciferine. Eppure l’insistenza di questo magistrato che, da sei anni a questa parte, non perde occasione per ravvivare, a mezzo stampa, il dolore dei familiari delle vittime d ...

    Venerdì, 08 Luglio 2016 16:13 in Memoria Collettiva

La voce di Bologna

  • Vaccini tra paure e realtà, la serata
    Scritto da

    L'iniziativa “Vaccini tra paure e realtà” promossa dall'associazione ‘Minerva Associazione di Divulgazione” e dal blog ‘Bufale un tanto al chilo’, si terrà sabato 21 Marzo alle ore 20.45 presso lasala sala consigliare Cenerini del quartiere Saragozza. Noi de ilbolognino.info segnaliamo ...

    Mercoledì, 18 Marzo 2015 15:31 in Bologna

Multimedia

  • Fuori Tempi 4x20 finale stagione

    Paolo Perini, in collaborazione con Ipn e ilbolognino.info, con questa ultima puntata salutano gli appassionati e gli ascoltatori cogliendo l’occasione per una breve analisi dei fatti politici più importanti che abbiamo seguito in questa Quarta stagione di Fuori Tempi, a cavallo tra la seconda parte del 2014 e il 2015.

    Ho scelto per voi di ricordare e di approfondire, come ...

Questo sito utilizza cookies e tecnologie simili, anche di terze parti. Proseguendo accetti l'utilizzo dei cookies nel tuo browser Voglio saperne di più