Il Bolognino

Mercoledì, 13 Marzo 2013 15:27

Chi ha paura della democrazia?

Scritto da  comitato articolo 33
il Sindaco di Bologna, Virginio Merola il Sindaco di Bologna, Virginio Merola

Il sindaco ha paura della democrazia? Gravissimo l’attacco di Merola al referendum. Il primo cittadino rivesta i panni di garante, invece di lanciare giudizi di parte. Merola nonostante le nostre richieste non ci ha ancora incontrati per discutere degli aspetti tecnici, non ci ha dato alcun preventivo, eppure ai giornali parla di costi del referendum. Chiediamo al Sindaco di riprendere immediatamente il suo ruolo di garante del diritto di partecipazione dei cittadini.


Ai sensi dello statuto e del regolamento di partecipazione il referendum comunale deve essere richiesto da almeno 9.000 cittadini. Ben 13.000 hanno sottoscritto la proposta del Comitato promotore. Il sindaco lo ha indetto il 9 gennaio. Da quel momento egli è il garante del diritto di voto.

Nell’incontro del 9 gennaio fra il sindaco e il comitato promotore egli si era impegnato a rispettare tale ruolo e ad attivarsi per l’avvio della procedura (nomina del responsabile del procedimento, individuazione del numero e della collocazione dei seggi, definizione dei costi ecc..). Sono passati due mesi da tale incontro, siamo a due mesi dal 26 maggio e il Sindaco non ha ancora compiuto alcun atto per iniziare e non ha ancora risposto al nostro sollecito in tal senso del 28 febbraio. Ora addirittura scende in campo nella campagna elettorale sollevando nuovamente il problema dei costi del referendum. Intanto non chiarisce da dove esca la cifra di 500.000 euro visto che non esiste alcun preventivo ufficiale, poi dovrebbe avere la correttezza di dire che la spesa è solo per questo anno, mentre il finanziamento alle scuole d’infanzia private per un milione di euro è previsto dal Comune (per scelta dell’amministrazione, non certo per obbligo) almeno per i prossimi 4 anni e si ripete da 15. A ciò si aggiunge che il sindaco aveva l’opportunità di favorire il risparmio delle casse pubbliche favorendo la partecipazione. Avevamo proposto l’election day. Il primo cittadino non ha voluto, e ora tira fuori l’argomento dei costi proprio per attaccare lo strumento di partecipazione.

 

Non finisce qui. Il sindaco accusa il quesito di essere fuorviante. Bisogna ricordare che il quesito è stato ritenuto rispondente alle prescrizioni dello statuto e del regolamento da un comitato di garanti (composto da 5 giuristi) eletto dal consiglio comunale. La grave presa di posizione di parte del Sindaco che definisce il referendum “un delirio” si aggiunge a dichiarazioni che considerano il referendum un teatrino o che “per la politica e gli amministratori l’unico referendum che abbia un riscontro sono le urne, e’ il voto”. Ci pare che qualcuno abbia perso l’orientamento e non da oggi. In tutti i paesi democratici come il nostro lo strumento del referendum è considerato essenziale per favorire la partecipazione dei cittadini alle decisioni di chi ci amministra. E’ il momento più alto nel quale si esprime direttamente la volontà popolare.
Mettere in discussione la legittimità del referendum significa minare i fondamenti stessi di una società democratica.


Questo referendum è consultivo, ciò significa che attraverso il voto i cittadini bolognesi possono orientare le priorità della politica del nostro Comune. Questo diritto di cittadinanza per il sindaco è un delirio? Il quesito chiede semplicemente ai cittadini di esprimersi su quale sia la scelta “di utilizzo delle risorse finanziarie comunali più idonea per assicurare il diritto costituzionale all’istruzione delle bambine e dei bambini che domandano di accedere alla scuola dell’infanzia:
a) utilizzarle per le scuole comunali e statali
b) utilizzarle per le scuole paritarie private.”

 

E’ un quesito chiaro e univoco che permette una scelta responsabile come richiesto dallo statuto comunale.
Chiediamo al Sindaco di riprendere immediatamente il suo ruolo di garante del diritto di partecipazione dei cittadini e di attivare la procedura referendaria affinché questo diritto sia esigibile nel modo migliore.
Per finire chiediamo agli organi istituzionali e di informazione di garantire fin da subito il ruolo istituzionale del Comitato promotore del referendum, fin qui ignorato.

Letto 2949 volte Ultima modifica il Mercoledì, 13 Marzo 2013 15:33

Potrebbe interessarti anche:

  • Le mie ragioni per il Si alla riforma costituzionale

    In questi mesi ho ragionato se fosse opportuno scrivere una delle tante analisi sul prossimo voto referendario, ma poi ho pensato che comunque alla mia analisi è preferibile quella dei professori e degli estensori della riforma. Mi limito perciò a spiegare le ragioni personali che mi hanno convinto della bontà della riforma costituzionale che a breve dovremmo tutti votare con referendum.

  • Brexit!

    Il voto sull'uscita dall'Ue da parte della Gran Bretagna (Inghilterra+ Scozia+ Galles + Irlanda del Nord) svoltosi ieri, il cui risultato è stata la vittoria del fronte per il Brexit, cioè l'uscita dall'Ue, è stato un voto caratterizzato da molteplici aspetti sociali politici ed economici, ma in piena tradizione con il sentimento e con la cultura più autentica del popolo inglese.

  • Referendum 17 aprile, cosa c'è da sapere

    Il prossimo 17 aprile, il corpo elettorale sarà chiamato a decidere sul cosiddetto Referendum sulle "trivelle". Trattasi di un referendum abrogativo, che chiede ai cittadini se vogliano abrogare il rinnovo delle concessioni per l'estrazione di petrolio e gas (gas naturale e gasolina) sul territorio nazionale. La disinformazione corre veloce e popolare sul web, ma sopratutto sui social, primo tra tutti, Facebook. C'è chi lancia allarmi di fantomatici quanto inesistenti nuovi permessi per trivellare tutto il mare, chi scopre solo oggi che l'Italia è un piccolo produttore di gas naturale e - recentemente - di petrolio, chi andrà a votare Si - quindi abrogazione - senza considerare le conseguenze economiche di una tale scelta, ma solo per slancio ideale ambientalista ma condito da tante sbagliate certezze (ne parleremo in seguito). Inoltre c'è da considerare il "traino" emotivo che la vicenda dell'ex ministra Guidi, sta provocando.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna


Dove ci porta l'UE

Memoria Collettiva

La voce di Bologna

  • Vaccini tra paure e realtà, la serata
    Scritto da

    L'iniziativa “Vaccini tra paure e realtà” promossa dall'associazione ‘Minerva Associazione di Divulgazione” e dal blog ‘Bufale un tanto al chilo’, si terrà sabato 21 Marzo alle ore 20.45 presso lasala sala consigliare Cenerini del quartiere Saragozza. Noi de ilbolognino.info segnaliamo ...

    Mercoledì, 18 Marzo 2015 15:31 in Bologna

Multimedia

  • Fuori Tempi 4x20 finale stagione

    Paolo Perini, in collaborazione con Ipn e ilbolognino.info, con questa ultima puntata salutano gli appassionati e gli ascoltatori cogliendo l’occasione per una breve analisi dei fatti politici più importanti che abbiamo seguito in questa Quarta stagione di Fuori Tempi, a cavallo tra la seconda parte del 2014 e il 2015.

    Ho scelto per voi di ricordare e di approfondire, come ...

Questo sito utilizza cookies e tecnologie simili, anche di terze parti. Proseguendo accetti l'utilizzo dei cookies nel tuo browser Voglio saperne di più