Il Bolognino

Martedì, 26 Marzo 2013 11:53

26 maggio, per cambiare rotta

Scritto da 

A Bologna ogni anno decine di bambini rimangono esclusi dalla scuola dell’infanzia. Questo succede in una delle città che furono tra le più civili e colte d’Italia, che è stata la culla dell’Università in Italia e in Europa. Il 26 maggio i cittadini bolognesi potranno decidere di cambiare rotta. Potrete dare un chiaro segnale alla politica e al Comune con il referendum consultivo sui finanziamenti alla scuola dell’infanzia.

 

Ogni anno qualche bambino resta escluso, ma non se lo merita. Non viene escluso perché si è comportato male, e neppure perché portatore di qualche malattia infettiva, come la varicella o gli orecchioni. Non è neanche una questione di mala sorte. A Bologna i bambini possono essere esclusi per esaurimento posti; Fin dagli albori della sua vita nella comunità a molti bambini e ai loro genitori, vengono imposte scelte che non hanno niente a che fare con la libertà. Sono scelte obbligatorie, o tutt’al più situazioni di ripiego. Questa ingiustizia è dovuta al fatto che le risorse comunali sono investite altrove. Pare che i principi di uguaglianza e di laicità non siano più le stelle polari della politica e dell’amministrazione comunale. Ma una città come Bologna non può rassegnarsi a questa ingiustizia.

 

Non è solo una questione di soldi, ma di libertà di scelta educativa. Oggi a Bologna, per molti genitori, non è più così. La scelta della scuola paritaria si sta trasformando in una scelta obbligata, una non – scelta. Ogni anno decine di bambini restano esclusi dalla scuola di tutti per scelte politiche sbagliate, che – guarda caso – infrangendo la lettera della Costituzione spendono le risorse finanziando scuole non pubbliche, private, o come vengono chiamate con un termine di neolingua “paritarie”.

La scelta della scuola paritaria dovrebbe essere una libera scelta, come previsto dalla stessa Costituzione, ma “senza oneri per lo Stato”, e ovviamente anche senza oneri per gli enti locali. Esauritisi i posti nella scuola pubblica, che ogni anno vede diminuire i finanziamenti, molti genitori si vedono costretti a iscrivere a istituti privati o paritari i propri figli. Questa è una grave ingiustizia, anche perché l’istituto privato chiede una retta onerosa, e non tutti riescono agilmente a fare fronte. All’ingiustizia si aggiunge pure la beffa, visto che parte considerevole dei soldi di tutti vanno a finanziare le scuole paritarie. Le paritarie, si badi bene, non pari: non si tratta di scuole uguali alle altre, perché i progetti didattici sono molto diversi da quelli della scuola pubblica.

 

Il 26 maggio prossimo i cittadini bolognesi possono dare un chiaro segnale di inversione di rotta alla politica bolognese e al Comune. Possono dire loro “vogliamo che nessun bambino rimanga escluso dalla scuola dell’infanzia”; “Vogliamo che i finanziamenti comunali vadano a finanziare esclusivamente le scuole pubbliche, le scuole di tutti, che non scelgono gli studenti in base al credo, al sesso, al censo, o al colore politico dei genitori”.

I soldi sono importanti, certo, ma il futuro delle giovani generazioni lo è di più. Tutti dovrebbero poter usufruire alla pari dei servizi pubblici laici e gratuiti, e Bologna, vista la sua lunga storia di battaglie e guerre per ottenere la libertà e aspirare all’uguaglianza, dovrebbe saperlo bene, anche se pare averlo dimenticato nel libro di scuola.

 

Perciò, il 26 maggio non si svolgerà un referendum di parte che chiede di togliere agli uni per dare agli altri, ma un referendum di tutti, per chiedere a tutti voi bolognesi di cambiare rotta, di destinare tutte le risorse per coprire le falle di un sistema misto pubblico – privato, che ogni anno lascia indietro decine di bambini. Le tasse di tutti, devono essere spese per la scuola di tutti, quella non escludente e inclusiva, non esclusiva.

Segnatevi la data sull’agenda, perché al di fuori di questa voce – Comitato Articolo 33 e di poche altre, nessuno ve ne parlerà o vi ricorderà che il potere decisionale tornerà nelle vostre mani il 26 maggio. Sta a voi decidere se usarlo, o farvi sfuggire l’occasione di dare a tutti i bambini una scuola laica, gratuita, includente. In una sola parola: pubblica.

 

 



Ho scritto questo articolo, per Comitato articolo 33 e lo trovate a questo indirizzo: http://referendum.articolo33.org/2013/03/28-diario-motivato/
Grazie a Radio Città Fujiko ogni lunedì alle 18,30 nel corso di Fujiko Focus On, e a partire dal pomeriggio anche sul sito, il diario del lunedì di Comitato articolo 33 è fruibile anche in formato audio, che in questa occasione ho registrato io stesso; sul sito della radio al link Clicca per l’AUDIODIARIO.

Letto 1406 volte

Potrebbe interessarti anche:

  • Le mie ragioni per il Si alla riforma costituzionale

    In questi mesi ho ragionato se fosse opportuno scrivere una delle tante analisi sul prossimo voto referendario, ma poi ho pensato che comunque alla mia analisi è preferibile quella dei professori e degli estensori della riforma. Mi limito perciò a spiegare le ragioni personali che mi hanno convinto della bontà della riforma costituzionale che a breve dovremmo tutti votare con referendum.

  • Brexit!

    Il voto sull'uscita dall'Ue da parte della Gran Bretagna (Inghilterra+ Scozia+ Galles + Irlanda del Nord) svoltosi ieri, il cui risultato è stata la vittoria del fronte per il Brexit, cioè l'uscita dall'Ue, è stato un voto caratterizzato da molteplici aspetti sociali politici ed economici, ma in piena tradizione con il sentimento e con la cultura più autentica del popolo inglese.

  • Referendum 17 aprile, cosa c'è da sapere

    Il prossimo 17 aprile, il corpo elettorale sarà chiamato a decidere sul cosiddetto Referendum sulle "trivelle". Trattasi di un referendum abrogativo, che chiede ai cittadini se vogliano abrogare il rinnovo delle concessioni per l'estrazione di petrolio e gas (gas naturale e gasolina) sul territorio nazionale. La disinformazione corre veloce e popolare sul web, ma sopratutto sui social, primo tra tutti, Facebook. C'è chi lancia allarmi di fantomatici quanto inesistenti nuovi permessi per trivellare tutto il mare, chi scopre solo oggi che l'Italia è un piccolo produttore di gas naturale e - recentemente - di petrolio, chi andrà a votare Si - quindi abrogazione - senza considerare le conseguenze economiche di una tale scelta, ma solo per slancio ideale ambientalista ma condito da tante sbagliate certezze (ne parleremo in seguito). Inoltre c'è da considerare il "traino" emotivo che la vicenda dell'ex ministra Guidi, sta provocando.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna


Dove ci porta l'UE

Memoria Collettiva

La voce di Bologna

  • Vaccini tra paure e realtà, la serata
    Scritto da

    L'iniziativa “Vaccini tra paure e realtà” promossa dall'associazione ‘Minerva Associazione di Divulgazione” e dal blog ‘Bufale un tanto al chilo’, si terrà sabato 21 Marzo alle ore 20.45 presso lasala sala consigliare Cenerini del quartiere Saragozza. Noi de ilbolognino.info segnaliamo ...

    Mercoledì, 18 Marzo 2015 15:31 in Bologna

Multimedia

  • Fuori Tempi 4x20 finale stagione

    Paolo Perini, in collaborazione con Ipn e ilbolognino.info, con questa ultima puntata salutano gli appassionati e gli ascoltatori cogliendo l’occasione per una breve analisi dei fatti politici più importanti che abbiamo seguito in questa Quarta stagione di Fuori Tempi, a cavallo tra la seconda parte del 2014 e il 2015.

    Ho scelto per voi di ricordare e di approfondire, come ...

Questo sito utilizza cookies e tecnologie simili, anche di terze parti. Proseguendo accetti l'utilizzo dei cookies nel tuo browser Voglio saperne di più