Il Bolognino

Riportiamo dai bollettini del Comitato art. 33:


A metà pomeriggio tiriamo le fila delle segnalazioni che ci arrivano dai cittadini, e segnaliamo anzitutto:

 

  • LE INEFFICIENZE DELLA AMMINISTRAZIONE
In diversi luoghi di voto dotati di numerosi seggi i funzionari del Comune, non essendo stati dotati di stradari per seggio, non sono in grado di fornire in un tempo ragionevole agli elettori le informazioni necessarie per individuare la propria sezione elettorale, provocando code e in alcuni casi abbandono del luogo.
PERCIO' IL COMITATO ART33 HA INVIATO UNA DIFFIDA alla respondabile del procedimento Lara Bonfiglioli a porre in essere tutti i provvedimenti necessari al fine di consentire agli elettori  di poter esercitare il proprio diritto di voto.
E' inaccettabile che i rappresentanti di lista di Art33 debbano supplire essi stessi alle mancanze della amministrazione, oppure che queste gravi lacune si ripercuotano in un grave disincentivo all'esercizio del diritto di voto.
(SI ALLEGA IL TESTO DELLA DIFFIDA)
 
Sabato, 13 Aprile 2013 17:18

B come Bugie sulla scuola

Scritto da

A Bologna, ma anche in tutto il resto d'Italia, infuriano battaglie comunali che hanno a che fare col principio della laicità e con la difesa della scuola pubblica. Da una parte Comitato Articolo 33 - composto da cittadini, qualche associazione e pochi partiti della sinistra esclusa dal Parlamento - è riuscito ad ottenere un referendum comunale consultivo tramite il quale i cittadini bolognesi potranno decidere, votando A il prossimo 26 maggio, di dare un indirizzo chiaro e netto per la fine dei finanziamenti comunali alle scuole private e paritarie. Il comitato del B invece è composto da Fism, Curia, Pd, Pdl, Udc e la Lega nord, comunali, provinciali e regionali, oltre al governo della città, marcatamente schierato a favore dei finanziamenti alle paritarie.
Qui Comitato Articolo 33 sfata alcune Bugie di chi sostiene la ineluttibilità e la bontà del sistema pubblico - privato.

Martedì, 26 Marzo 2013 11:53

26 maggio, per cambiare rotta

Scritto da

A Bologna ogni anno decine di bambini rimangono esclusi dalla scuola dell’infanzia. Questo succede in una delle città che furono tra le più civili e colte d’Italia, che è stata la culla dell’Università in Italia e in Europa. Il 26 maggio i cittadini bolognesi potranno decidere di cambiare rotta. Potrete dare un chiaro segnale alla politica e al Comune con il referendum consultivo sui finanziamenti alla scuola dell’infanzia.

Giovanni Cocchi è un insegnante bolognese, ha scritto questo testo di rara forza comunicativa per Comitato Articolo 33.Noi ve riportiamo:

 

Immaginate di avere un figlio di 3 anni.

Immaginate di volerlo o doverlo (probabilmente tutte due) iscrivere alla scuola materna.

E’ un vostro diritto, perché lo Stato ha l’obbligo costituzionale di darvi quella scuola (art. 33, comma 2: La Repubblica… istituisce scuole statali per tutti gli ordini e gradi).

Ma la scuola pubblica per voi non c’è. E però vi dicono che potete iscriverlo alla scuola privata parificata.

Mercoledì, 13 Marzo 2013 15:27

Chi ha paura della democrazia?

Scritto da

Il sindaco ha paura della democrazia? Gravissimo l’attacco di Merola al referendum. Il primo cittadino rivesta i panni di garante, invece di lanciare giudizi di parte. Merola nonostante le nostre richieste non ci ha ancora incontrati per discutere degli aspetti tecnici, non ci ha dato alcun preventivo, eppure ai giornali parla di costi del referendum. Chiediamo al Sindaco di riprendere immediatamente il suo ruolo di garante del diritto di partecipazione dei cittadini.


Dove ci porta l'UE

Memoria Collettiva

La voce di Bologna

  • Vaccini tra paure e realtà, la serata
    Scritto da

    L'iniziativa “Vaccini tra paure e realtà” promossa dall'associazione ‘Minerva Associazione di Divulgazione” e dal blog ‘Bufale un tanto al chilo’, si terrà sabato 21 Marzo alle ore 20.45 presso lasala sala consigliare Cenerini del quartiere Saragozza. Noi de ilbolognino.info segnaliamo ...

    Mercoledì, 18 Marzo 2015 15:31 in Bologna

Multimedia

  • Fuori Tempi 4x20 finale stagione

    Paolo Perini, in collaborazione con Ipn e ilbolognino.info, con questa ultima puntata salutano gli appassionati e gli ascoltatori cogliendo l’occasione per una breve analisi dei fatti politici più importanti che abbiamo seguito in questa Quarta stagione di Fuori Tempi, a cavallo tra la seconda parte del 2014 e il 2015.

    Ho scelto per voi di ricordare e di approfondire, come ...

Questo sito utilizza cookies e tecnologie simili, anche di terze parti. Proseguendo accetti l'utilizzo dei cookies nel tuo browser Voglio saperne di più