Il Bolognino

Lunedì, 17 Marzo 2014 10:35

Fuori Tempi stagione 3 ep 22 Renzi e i debiti della PA

Scritto da 

Ben ritrovati o ben venuti a Fuori Tempi. Ho studiato per voi il complesso meccanismo fiscale con il quale Renzi vuole pagare i 90 miliardi di debiti che le aziende hanno nei confronti delle PA e degli enti locali. Nella trattazione facciamo giusta e opportuna differenza tra i debiti in parte corrente, già erogati e quindi già messi all’interno del fatidico rapporto deficit/Pil con soglia psicologica del 3%, e i debiti in conto capitale.

 

Job Act, spesso scritto con una “s” di troppo, dovrebbe essere la riforma con la R maiuscola, ma fin’ora non si è visto nulla di concreto se non un ipotesi di disegno di legge, quindi sarà finalmente una legge fatta dall’organo competente alla legislazione, cioè il Parlamento. Sembrano comunque certe le riforme degli ammortizzatori sociali con la creazione di un ammortizzatore sociale unico e la riduzione delle forme contrattuali; entrambi i provvedimenti saranno contenuti nel famoso Job Act. A quanto pare però non rientreranno gli inoccupati e quindi i precari.

Parte esteri, sempre occhi puntati sulla Crimea e sull’Ucraina e sul referendum della repubblica autonoma di Crimea, che vuole passare alla Federazione Russa.

 


  • Per scaricare l’episodio di Fuori Tempi clicca col tasto destro qui e seleziona salva con nome
  • Per abbonarsi gratuitamente a Fuori Tempi tramite iTunes clicca qui
  • Per abbonarsi gratuitamente a Fuori Tempi tramite altri FeedReader clicca qui

Interni

  • Pagamento debiti PA entro l’estate: un meccanismo finanziario con la Cassa depositi e prestiti che fa da intermediario tra creditore e Stato
  • Job Act, le novità finora presentate alla stampa, ma non ancora legge (riforma ammortizzatori sociali e ridefinizione delle forme contrattuali di lavoro)

Esteri

  • Referendum della discordia per l’indipendenza dall’Ucraina della Crimea, e l’adesione della stessa alla federazione Russa
Letto 1040 volte Ultima modifica il Lunedì, 17 Marzo 2014 10:46

Potrebbe interessarti anche:

  • Renzi il neo-proporzionalista alla ricerca dell'elettorato moderato

    Renzi si affacciò sulla politica italiana come un tornado. Cercò di trasformare il PD dal partito della fusione a freddo e delle élite ancora ancorate alla Prima Repubblica in un partito nuovo, più liberale e meno strutturato, fluido. Per un periodo breve ci riuscì in parte, a suon di vittorie nei ben due Congressi stravinti. Ma il PD è sempre stato un partito fatto di correnti, e le stesse vittorie di Renzi si sono dovute anche al sostegno dei Dem (ex DC) che lo avevano sostenuto, ma che dopo la sconfitta referendaria e successiva sconfitta alle urne decisero di non sostenerlo più, impedendo in questo modo a Renzi di tornare in sella nel PD e costringendolo ad abbandonare anche il suo progetto politico. Quale progetto politico? Non certo quello di distruggere il PD, come hanno martellato per anni i suoi oppositori di sinistra interni.

  • Epic Fail USA e CIA
    50 anni passati a finanziare logge coperte, la massoneria deviata, Gladio, la DC, a investire in Italia con il Piano
  • Primo governo populista al via
    Lega e M5S sono finalmente congolati a nozze, a breve l'annuncio della lista degli invitati, con la benedizione di Papi Silvio Berlusconi. Ovviamente la prima cosa che non si farà sarà la legge sul conflitto di interessi, già stralciata dal "contratto" di governo.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna


Dove ci porta l'UE

Memoria Collettiva

La voce di Bologna

  • Vaccini tra paure e realtà, la serata
    Scritto da

    L'iniziativa “Vaccini tra paure e realtà” promossa dall'associazione ‘Minerva Associazione di Divulgazione” e dal blog ‘Bufale un tanto al chilo’, si terrà sabato 21 Marzo alle ore 20.45 presso lasala sala consigliare Cenerini del quartiere Saragozza. Noi de ilbolognino.info segnaliamo ...

    Mercoledì, 18 Marzo 2015 15:31 in Bologna

Multimedia

  • Fuori Tempi 4x20 finale stagione

    Paolo Perini, in collaborazione con Ipn e ilbolognino.info, con questa ultima puntata salutano gli appassionati e gli ascoltatori cogliendo l’occasione per una breve analisi dei fatti politici più importanti che abbiamo seguito in questa Quarta stagione di Fuori Tempi, a cavallo tra la seconda parte del 2014 e il 2015.

    Ho scelto per voi di ricordare e di approfondire, come ...

Questo sito utilizza cookies e tecnologie simili, anche di terze parti. Proseguendo accetti l'utilizzo dei cookies nel tuo browser Voglio saperne di più