Il Bolognino

Domenica, 04 Novembre 2012 11:39

Sla: chi ha di più dia di più

Scritto da  Sen. Ignazio Marino

I tagli non possono colpire persone già indebolite dalla malattia. Zero euro per un malato significa rinunciare all'assistenza specializzata; quando poi si tratta di malattie crudeli come la Sla, la sclerosi multipla e la distrofia muscolare, il dramma è totalizzante, investe come un fiume in piena non soltanto i malati ma anche le loro famiglie.

Dal 2011, queste persone ricevono zero euro dallo Stato perché il Fondo per la non autosufficienza non stato più finanziato per decisione del governo di Silvio Berlusconi. Senza quelle risorse sono allora i figli, le mogli e i mariti, i genitori a lasciare il lavoro per stare vicino ai loro cari e accudirli giorno e notte.


Io credo che il governo non possa ignorare questa situazione: è necessario ricostituire il fondo per la non autosufficienza, che è prima di tutto una risorsa per la dignità delle persone.
Se la crisi morde e c'è la necessità di far quadrare i conti, penso sia giusto chiedere a chi ha di più di dare di più. Il governo istituisca una tassa di scopo per i redditi sopra i 150mila euro all'anno in modo da non penalizzare persone che ogni giorno devono già vivere le difficoltà di una malattia devastante.


In Italia i malati di sclerosi laterale amiotrofica sono circa cinquemila. Da sette giorni, una sessantina di loro sono in sciopero della fame, si è unita alla loro protesta estrema anche Mina Welby.

 



pubblicato originariamente sul blog  del Senatore Ignazio Marino col titolo: Malati Sla: chi ha di più, dia di più

Letto 4708 volte Ultima modifica il Domenica, 04 Novembre 2012 12:01

Potrebbe interessarti anche:

  • Epic Fail USA e CIA
    50 anni passati a finanziare logge coperte, la massoneria deviata, Gladio, la DC, a investire in Italia con il Piano
  • Primo governo populista al via
    Lega e M5S sono finalmente congolati a nozze, a breve l'annuncio della lista degli invitati, con la benedizione di Papi Silvio Berlusconi. Ovviamente la prima cosa che non si farà sarà la legge sul conflitto di interessi, già stralciata dal "contratto" di governo.
  • Capire il problema lavoro significa amministrare il presente

    Poletti, Fornero o Sacconi, a quanto pare non possiamo avere dei ministri del lavoro capaci di benché minima empatia nei confronti dei giovani italiani senza lavoro.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna


Dove ci porta l'UE

Memoria Collettiva

La voce di Bologna

  • Vaccini tra paure e realtà, la serata
    Scritto da

    L'iniziativa “Vaccini tra paure e realtà” promossa dall'associazione ‘Minerva Associazione di Divulgazione” e dal blog ‘Bufale un tanto al chilo’, si terrà sabato 21 Marzo alle ore 20.45 presso lasala sala consigliare Cenerini del quartiere Saragozza. Noi de ilbolognino.info segnaliamo ...

    Mercoledì, 18 Marzo 2015 15:31 in Bologna

Multimedia

  • Fuori Tempi 4x20 finale stagione

    Paolo Perini, in collaborazione con Ipn e ilbolognino.info, con questa ultima puntata salutano gli appassionati e gli ascoltatori cogliendo l’occasione per una breve analisi dei fatti politici più importanti che abbiamo seguito in questa Quarta stagione di Fuori Tempi, a cavallo tra la seconda parte del 2014 e il 2015.

    Ho scelto per voi di ricordare e di approfondire, come ...

Questo sito utilizza cookies e tecnologie simili, anche di terze parti. Proseguendo accetti l'utilizzo dei cookies nel tuo browser Voglio saperne di più