Il Bolognino

Martedì, 19 Novembre 2013 18:40

Parlare di scienza.. da persone serie

Scritto da  Scientificast

Quando giornali nazionali dedicano speciali al presunto rapporto tra vaccini e autismo o ai vaneggiamenti del santone che propone la panacea di turno; quando si registrano scivoloni gravissimi anche in periodici di tutto rispetto e nelle trasmissioni televisive “impegnate”; quando una banale operazione di fact-checking rivela una realtà ben diversa rispetto a quella che titoli sbattuti in prima pagina sembrano adombrare… è in questi casi che si deve dedurre che in Italia abbiamo un problema. Grave. Comunichiamo pseudoscienza chiamandola scienza, scambiamo il sensazionalismo per informazione, chiamiamo la diffusione di bufale giornalismo, anzi, “giornalismo scientifico d’inchiesta”.

 

Quando si parla di scienza, in effetti, il giornalismo italiano sembra dare il peggio di sé. Impreparazione? Pura e semplice ignoranza? Forse anche questo, ma se dovessi indicare la “causa prima” di questa deriva dell’informazione scientifica punterei su un altro difetto. Quello che i greci chiamavano hybris, il vizio più grave e meno scusabile nell’uomo, cioè la scarsa consapevolezza dei propri limiti, che si traduce nella tracotanza di chi crede di saper tutto e, quindi, di essere infallibile. All’ignoranza si può sopperire con lo studio; molto più difficile porre rimedio alla mancanza di umiltà.

 

Come sottolineano egregiamente Silvia Bencivelli e Francesco Paolo de Ceglia nel loro recente saggio Comunicare la scienza (Carocci editore), quello del giornalista scientifico è un mestiere per persone serie e umili. Che conoscono il valore dello studio, innanzitutto. Una laurea in materie scientifiche non sembra una condicio sine qua non: illustri comunicatori della scienza provengono da facoltà umanistiche. D’altra parte, l’universo delle scienze è così ampio e variegato – nonché in continuo aggiornamento – che è praticamente impossibile sperare di avere una preparazione di base che ne abbracci l’intero complesso in modo adeguato. Ma coloro che vogliono mantenere una buona dignità professionale in questo campo sanno che tutto parte dallo studio. Che non sempre avrà una ricaduta immediata su quello che si deve scrivere, ma è necessario per approcciarsi a un problema con serietà, anche solo per capire davvero di che cosa si stia parlando. E questo comporta un costante aggiornamento fatto della lettura di saggi, monografie, articoli (nella versione completa), che rimandano ad altro materiale da prendere in considerazione.

 

Ma vuol dire anche riconoscere con umiltà i propri limiti, ammettere che non si può comprendere tutto e, di conseguenza, capire che si avrà frequentemente il bisogno di ricorrere ad esperti del settore, di “alzare la cornetta per fare la giusta telefonata”, come sottolinea Silvia Bencivelli. Peraltro si avrà modo di scoprire che il più delle volte gli scienziati sono felici di condividere le proprie conoscenze. Dal momento che la scienza contemporanea procede attraverso un lavoro in team, che sfocia poi nella condivisione dei risultati raggiunti, atteggiamenti di chiusura in stile “torre d’avorio” sono sempre più rari. Nella maggioranza dei casi basta avere la buona volontà e l’umiltà di porre domande per ottenere i necessari chiarimenti.

 

Ma accostarsi a questo lavoro con serietà vuol dire anche fare delle rinunce. Significa rimandare l’uscita del pezzo per il quale non ci si sente adeguatamente preparati, perché, nonostante gli sforzi, non si è riusciti a terminare lo studio della questione e non è permesso essere approssimativi. E, nel frattempo, può accadere che l’interesse del pubblico sull’argomento cali e si sia persa l’occasione di un facile scoop. “Stare sul pezzo” è importante, spesso addirittura vitale per il giornalista scientifico, ma l’etica impone di privilegiare l’accuratezza alla tempestività.

 

E se, nonostante tutto, inevitabilmente si cade nell’errore – non c’è professionista che ne sia immune – il rispetto per il lettore impone di ammetterlo e di rettificare, perché anche questa sia un’occasione per fare corretta informazione, pur partendo da uno scivolone.

Se ci pensiamo si tratta di poche banalità, di regolette che dovrebbero essere self-evident. Il problema sta, come sempre, nella loro applicazione.

di Anna Rita Longo per Scientificast

Letto 1447 volte

Potrebbe interessarti anche:

  • Silvia Romano: non è odio ma odio di classe

    Le reazioni scomposte, esagerate, reazionarie, sguaiate, offensive, retrograde alla visione del ritorno in Patria della cooperante Silvia Romano in abito musulmano non si spiegano secondo un interpretazione superficiale - razzismo e misoginia - fatta propria dalle persone di sinistra. Non è tanto per Silvia che abbiamo gioito o sbavato rabbia, ma per ciò che Silvia rappresenta.

     

  • 25 Aprile Oltre il ponte

    Oggi festeggiamo la liberazione dal nazifascismo con la bellissima poesia di Italo Calvino e Sergio Liberovici, messa in musica dalla MCR. Tutti i diritti sono riservati. (il Bolognino è copyleft)

  • Sanità privata Lombarda e Bologna, il gruppo San Donato

    La Lombardia come sappiamo è la Regione d'Italia e d'Europa che peggio sta subendo l'offensiva di covid-19, da molti osservatori si fa strada anche l'osservazione che la sanità lombarda sia stata ampiamente privatizzata negli scorsi decenni e l'efficienza ed efficacia del sistema sanitario lombardo è sotto gli occhi di tutto il mondo. Una correlazione non è una causalità, ma ci teniamo a mettere i puntini sulle i con il buon lavoro di Riccardo Lenzi, che ci ricorda chi controlla il maggiore gruppo italiano della sanità privata, il gruppo San Donato che annovera ben 17 ospedali inn Lombardia.

Commenti   

 
google apps for
0 #1 google apps for 2014-10-18 04:05
Being inside Ad - Sense program also encourages you to boost your site
and get targeted traffic to it. Yellow pages are a fantastic method to obtain off-line telephone leads via fliers and business cards, online is an alternate but referrals, depending on whatever you do, are local.
Well social network sites are only for reaching maximum customers simply speaking duration.
Citazione | Segnala all'amministratore
 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna


Dove ci porta l'UE

  • Esclusi Eurobond sì a MES e Sure
    Scritto da Marco Zuccaro

    Esclusi in modo categorico gli Eurobond e ogni forma di mutualizzazione del debito (come ampiamente previsto), escluso ogni tipo di intervento a fondo perduto. No, il Recovery Fund non sarà composto da sovvenzioni a fondo perduto, altrimenti sarebbe stato approvato oggi stesso.

    Venerdì, 24 Aprile 2020 07:15 in Dove ci porta l'UE

Memoria Collettiva

La voce di Bologna

  • Vaccini tra paure e realtà, la serata
    Scritto da

    L'iniziativa “Vaccini tra paure e realtà” promossa dall'associazione ‘Minerva Associazione di Divulgazione” e dal blog ‘Bufale un tanto al chilo’, si terrà sabato 21 Marzo alle ore 20.45 presso lasala sala consigliare Cenerini del quartiere Saragozza. Noi de ilbolognino.info segnaliamo ...

    Mercoledì, 18 Marzo 2015 15:31 in Bologna

Multimedia

  • Fuori Tempi 4x20 finale stagione

    Paolo Perini, in collaborazione con Ipn e ilbolognino.info, con questa ultima puntata salutano gli appassionati e gli ascoltatori cogliendo l’occasione per una breve analisi dei fatti politici più importanti che abbiamo seguito in questa Quarta stagione di Fuori Tempi, a cavallo tra la seconda parte del 2014 e il 2015.

    Ho scelto per voi di ricordare e di approfondire, come ...

Questo sito utilizza cookies e tecnologie simili, anche di terze parti. Proseguendo accetti l'utilizzo dei cookies nel tuo browser Voglio saperne di più