Il Bolognino

Mercoledì, 05 Marzo 2014 00:44

L'Italia de "La grande bellezza"

Scritto da 
una scena del film una scena del film foto di Gianni Fiorito

Ho visto "La grande bellezza" di Paolo Sorrentino e devo dire che mi è piaciuto assai, ma non per piaggeria all'Oscar o per nazionalismo cinefilo tristo. Mi piace ancor di più il day after della trasmissione televisiva che vede gran parte del pubblico denigrare questo film, indispettita, quasi incattivita. 

Per chi non l'ha capito - e sono la maggioranza - trattasi della storia di uno scrittore di successo Jep (servillo), che ha fatto successo da giovane e ora, che è vecchio, capisce che che la sua vita passata a divertirsi (poco) e ad apparire (tanto) nei festini dell'alta borghesia romana, in fondo è stato tempo sprecato.



Questa rivelazione lo porterà a tornare a scrivere, quarant'anni dopo. E lo veniamo a sapere proprio negli ultimi secondi del film, un film felliniano, lunghissimo e quasi senza storia, proprio come i film di Fellini. In più di Fellini ha però questa forte critica sociale molto ben celata, all'arroganza dell'eccesso e del lusso. L'unica velata polemica che mi viene da fare nei confronti dell'audience italiana sbadigliante, è: perché tutti applaudite come foche al circo Fellini e questo che ne è del tutto simile invece non piace e annoia? Ve lo dico io, il perché. Perché siamo un popolo di pecoroni, in cui pochi hanno il coraggio di un opinione personale. Altra grande cosa che viene messa in risalto dal film, per inciso.

 

L'ho visto in tv, come tanti altri e non me ne vergogno affatto, e penso che bisogna scendere dal piedistallo dell'intellettualismo, senza magari scadere negli abissi di grettezza e bagaglino, così ben descritti dall'opera in questione.



La pellicola è nient'affatto un omaggio alla bellezza italiana o a quella di Roma, ma un omaggio alla bellezza di ogni singolo caso umano presentatoci: dai conti che si vendono a serata (mi sono rimasti impressi), alla spogliarellista malata, triste e sola figlia del magnaccia, al prete che fa di tutto per essere il centro dell'attenzione della cena senza riuscirvi e poi va via ingrugnito sul suo lussuoso Suv, agli scrittori pseudo-intellettuali debosciati e decaduti, amici del protagonista. Un protagonista che come tutti nel film, fingono e dissimulano di avere un ruolo e di essere altri e altro da ciò che sono, per nascondere la loro pochezza, i loro vizi, le poche virtù, la vecchiaia, la morte.

Sorrentino aiutato dal suo enorme attore, Peppe Servillo, vera maschera di ogni (o quasi) suo film, è diventato negli anni il mio regista preferito, il che, non ve ne fregherà niente, ma è compito arduo. E' il suo film più impegnativo. E chi dopo averlo visto "deve ancora metabolizzarlo", è purtroppo un altro spettatore abituato a spettacoli andrenalinici e film sparati ai cento all'ora, ricchi di citazionionismi futili o di effetti speciali, per non far annoiare un pubblico abituato a consumare il film, più che a vederlo come un opera d'arte, quale dovrebbe essere. E come opera d'arte, anche La Grande Bellezza può essere definito anche "La grande noiezza", come ho visto scrivere a uno molto popolare che considera Youtube una gran cosa, o "una cagata pazzesca", in un meme di Fb che scimmiottava un altro colosso del cinema italiano come Fantozzi. Tutte le opinioni sono valide e equivalenti di fronte a un opera d'arte.

Prima di mettermi alla visione, avevo già giudicato il film e gli americani che lo hanno insignito dell'Oscar come null'altro che un insieme di stereotipi dell'italiano medio, cazzeggiatore e sognatore, che all'americano medio piace molto.

Dopo averlo visto, devo ricredermi. La Grande Bellezza è anche la grande bellezza della lentezza della narrazione, ma non dello stereotipo. Ci sono molti "tipi" umani a noi familiari in Italia, macchiettistici nelle loro bizzarrie molto felliniane e molto italiane, ma mai banalizzati.
Vivevo di pregiudizi, e mi sono ritrovato a vergognarmene, come dovrebbe accadere sempre.

Spero tuttavia che al di là del singolo film, attore o regista, il premietto internazionale dia visibilità all'industria culturale di qualità che ancora esiste in Italia e che ha bisogno, appunto, di visibilità e considerazione, e non solo di denari pubblici, spesso usati male.

Letto 1953 volte Ultima modifica il Mercoledì, 05 Marzo 2014 10:21

Potrebbe interessarti anche:

  • Silvia Romano: non è odio ma odio di classe

    Le reazioni scomposte, esagerate, reazionarie, sguaiate, offensive, retrograde alla visione del ritorno in Patria della cooperante Silvia Romano in abito musulmano non si spiegano secondo un interpretazione superficiale - razzismo e misoginia - fatta propria dalle persone di sinistra. Non è tanto per Silvia che abbiamo gioito o sbavato rabbia, ma per ciò che Silvia rappresenta.

     

  • 25 Aprile Oltre il ponte

    Oggi festeggiamo la liberazione dal nazifascismo con la bellissima poesia di Italo Calvino e Sergio Liberovici, messa in musica dalla MCR. Tutti i diritti sono riservati. (il Bolognino è copyleft)

  • Sanità privata Lombarda e Bologna, il gruppo San Donato

    La Lombardia come sappiamo è la Regione d'Italia e d'Europa che peggio sta subendo l'offensiva di covid-19, da molti osservatori si fa strada anche l'osservazione che la sanità lombarda sia stata ampiamente privatizzata negli scorsi decenni e l'efficienza ed efficacia del sistema sanitario lombardo è sotto gli occhi di tutto il mondo. Una correlazione non è una causalità, ma ci teniamo a mettere i puntini sulle i con il buon lavoro di Riccardo Lenzi, che ci ricorda chi controlla il maggiore gruppo italiano della sanità privata, il gruppo San Donato che annovera ben 17 ospedali inn Lombardia.

Commenti   

 
mario
0 #1 mario 2014-03-08 09:56
Bella riflessione,
anche io ho letto alcuni che accusavano la noia, pensandone male e pensando male di chi li accusa di non essere Italiani perché non sono orgogliosi a prescindere di cose che fanno l'Italia nota, ma in questo caso tutti le posizioni prese sono sbagliate, per qualche motivo.

Come puoi essere orgogliosi di un film che é la summa della critica alla società in cui vivi? Se lo sei o non hai capito nulla, o non vivi nella società citata, se non lo sei non apprezzi lo sforzo di mettere in luci i difetti del mondo in cui viviamo.

Alla fine penso che lo vedrò (me culpa!) e deciderò strada facendo se vergognarmi o non capire di cosa si sta parlando.

Saluti Teutonici,
da Berlino é tutto.
Citazione | Segnala all'amministratore
 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna


Dove ci porta l'UE

  • Esclusi Eurobond sì a MES e Sure
    Scritto da Marco Zuccaro

    Esclusi in modo categorico gli Eurobond e ogni forma di mutualizzazione del debito (come ampiamente previsto), escluso ogni tipo di intervento a fondo perduto. No, il Recovery Fund non sarà composto da sovvenzioni a fondo perduto, altrimenti sarebbe stato approvato oggi stesso.

    Venerdì, 24 Aprile 2020 07:15 in Dove ci porta l'UE

Memoria Collettiva

La voce di Bologna

  • Vaccini tra paure e realtà, la serata
    Scritto da

    L'iniziativa “Vaccini tra paure e realtà” promossa dall'associazione ‘Minerva Associazione di Divulgazione” e dal blog ‘Bufale un tanto al chilo’, si terrà sabato 21 Marzo alle ore 20.45 presso lasala sala consigliare Cenerini del quartiere Saragozza. Noi de ilbolognino.info segnaliamo ...

    Mercoledì, 18 Marzo 2015 15:31 in Bologna

Multimedia

  • Fuori Tempi 4x20 finale stagione

    Paolo Perini, in collaborazione con Ipn e ilbolognino.info, con questa ultima puntata salutano gli appassionati e gli ascoltatori cogliendo l’occasione per una breve analisi dei fatti politici più importanti che abbiamo seguito in questa Quarta stagione di Fuori Tempi, a cavallo tra la seconda parte del 2014 e il 2015.

    Ho scelto per voi di ricordare e di approfondire, come ...

Questo sito utilizza cookies e tecnologie simili, anche di terze parti. Proseguendo accetti l'utilizzo dei cookies nel tuo browser Voglio saperne di più