Il Bolognino

Giovedì, 01 Marzo 2012 00:00

MMT, una teoria per non soccombere

Scritto da 
mmt convegno di Rimini 2012 mmt convegno di Rimini 2012

L’ultimo fine settimana del febbraio appena trascorso ha visto svolgersi un curioso evento a Rimini. Cinque macroeconomisti hanno tenuto una lezione di economia a duemila persone provenienti da tutta Italia per ascoltarli. Il summit, organizzato dal giornalista Paolo Barnard, tra i fondatori di Report e collaboratore di molti giornali nazionali, aveva come temi centrali la presentazione della MMT e l’analisi della crisi europea.

L’ultimo fine settimana del febbraio appena trascorso ha visto svolgersi un curioso evento a Rimini. Cinque macroeconomisti hanno tenuto una lezione di economia a duemila persone provenienti da tutta Italia per ascoltarli. Il summit, organizzato dal giornalista Paolo Barnard, tra i fondatori di Report e collaboratore di molti giornali nazionali, aveva come temi centrali la presentazione della MMT e l’analisi della crisi europea.

La MMT, ossia Modern Money Theory, è l’ultima evoluzione del pensiero economico che fa capo a J.M. Keynes e che si presenta come un totale rovesciamento della imperante teoria neoliberista. Punto di partenza di detta teoria è che la spesa a deficit non solo non sia un problema, per un paese a moneta sovrana, ma che anzi questa sia speculare alla ricchezza dei cittadini.

A patto che si tenga conto di due elementi: 1) la moneta deve essere sovrana; 2) bisogna utilizzare l’analisi dei bilanci settoriali a tre, ossia settore governativo, privato e bilancia pagamenti esteri, al posto di quello a due, come comunemente si fa nelle analisi. Mentre i tre caratteri della moneta sovrana sono i seguenti: a) lo stato deve detenere il monopolio d'emissione, b) non convertibile in oro o qualsiasi altra materia e c) libera di fluttuare sul mercato dei cambi. Se si verificano queste premesse lo stato non potrà mai essere non solvibile e di conseguenza anche il suo debito pubblico. La MMT di fatto elimina tutti i vincoli finanziari della spesa a deficit dello stato. Come immediata conseguenza di ciò la prof.ssa Kelton ha illustrato la possibilità da parte del governo, di attuare piani di Job Guarantee per l’assorbimento della disoccupazione e l’utilizzo di tutti strumenti necessari per stabilizzare i beni. Gli altri relatori si sono maggiormente concentrati invece sul problema delle banche, in particolare William Black, provando che Balzac, quando diceva dietro ogni grande fortuna c’è un grande crimine, aveva profondamente ragione. Tutti gli scandali della finanza, nonché i meccanismi che stanno azzoppando l’intera Europa risiedono, non unicamente ma in gran parte, in una deregolamentazione che è andata avanti per decenni a partire dagli anni ’70 e che ha assestato un colpo da KO con l’abolizione del Glass – Steagal Act negli anni della presidenza Clinton. Questa finanza deregolamentata, in aggiunta con l’adozione dell’Euro, moneta non sovrana che tutti e cinque i relatori hanno definito un cappio al collo, sono le cause della crisi europea, come ha sottolineato il Prof. Alain Parguez. Il quale si è soffermato in particolare sulla costruzione dell’unione europea mostrandone i limiti soprattutto a livello di politiche del duopolio francotedesco che stanno causando la deflazione e la decrescita in tutta l’europa meridionale.

I cinque, oltre a quelli citati sono intervenuti Auerback e Hudson, hanno poi risposto a molte domande poste dal pubblico che si sono concentrate sulla possibile uscita dall’euro, sui rischi di default, sulle problematiche della finanza deregolamentata e su altri temi fino alla chiusura del summit.
Al momento in cui si scrive, i relatori si sono impegnati a sostenere Barnard nel portare il Summit in Grecia, che si terrà nel periodo di Giugno, in cui si parlerà di nuovo dell’approccio MMT e nello specifico del caso Grecia. Chiunque volesse sostenere l’iniziativa può trovare tutti i riferimenti sul sito democraziammt.info
 

Letto 1832 volte Ultima modifica il Venerdì, 16 Marzo 2012 17:44

Potrebbe interessarti anche:

  • I risultati tedeschi e gli Stati Uniti d'Europa che si allontanano

    Lunedì 25 settembre 2017 l'Europa è scossa dal risultato delle elezioni tedesche, svoltesi il giorno prima, in cui la Cancelliera uscente Merkel ha ri-ottenuto per la quarta volta consecutiva il mandato, ma i consensi al suo partito, la CDU, sono calati nonostante la floridità economica tedesca, e si è avuta una decisa affermazione di AFD, partito di ispirazione nazionalsocialista, con il 12,6% dei voti.

  • La lontananza tra working class e riformisti in Francia e Italia

    C'è un filo che lega Italia e Francia. Non è solo la comune identità romanza, l'amore per il vino, le belle donne, l'arte e la cultura. Si tratta di una dinamica politica molto simile, dove pare rinascere e riprendere vigore la teoria politica della maggiore possibilità di vittoria se si occupa lo spazio politico detto centro. Macron, da ieri sera il più giovane Presidente della Repubblica Francese, ne è un indizio.

  • Tra austerity e populismo, la grande sfida dei socialisti democratici europei

    Il Weltanschauung o spirito del tempo dell’Europa di oggi è stato testimoniato dalle elezioni olandesi, dove a un blocco anti-Europeo e populista, ormai presente in tutti gli Stati d’Europa si contrappone una destra pro-europeista, pro-austerity e pro-Merkel/BCE.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna


Dove ci porta l'UE

Memoria Collettiva

La voce di Bologna

  • Vaccini tra paure e realtà, la serata
    Scritto da

    L'iniziativa “Vaccini tra paure e realtà” promossa dall'associazione ‘Minerva Associazione di Divulgazione” e dal blog ‘Bufale un tanto al chilo’, si terrà sabato 21 Marzo alle ore 20.45 presso lasala sala consigliare Cenerini del quartiere Saragozza. Noi de ilbolognino.info segnaliamo ...

    Mercoledì, 18 Marzo 2015 15:31 in Bologna

Multimedia

  • Fuori Tempi 4x20 finale stagione

    Paolo Perini, in collaborazione con Ipn e ilbolognino.info, con questa ultima puntata salutano gli appassionati e gli ascoltatori cogliendo l’occasione per una breve analisi dei fatti politici più importanti che abbiamo seguito in questa Quarta stagione di Fuori Tempi, a cavallo tra la seconda parte del 2014 e il 2015.

    Ho scelto per voi di ricordare e di approfondire, come ...

Questo sito utilizza cookies e tecnologie simili, anche di terze parti. Proseguendo accetti l'utilizzo dei cookies nel tuo browser Voglio saperne di più