Il Bolognino

Domenica, 29 Novembre 2015 17:18

Antagonisti sbagliati, un Occidente in lotta con se stesso

Scritto da 
Antagonisti sbagliati, un Occidente in lotta con se stesso Il Giornale

Il colmo della libertà ma sopratutto dell'individualismo a cui siamo arrivati nelle nazioni occidentali è aver cullato e cresciuto generazioni di ignoranti anti-occidentali. Occidentali anti-occidentali, e già questo, se non facesse già abbastanza ridere sarebbe quanto meno un paradosso.

Stavolta non mi riferisco agli stranieri o ai figli di stranieri - che di fatto non sono occidentali - ma ad occidentali che odiano talmente cosa è oggi l'occidente da non capire più quando si tratta di propaganda del potere, e quando, invece si tratta di popolare e umano dolore per le persone scomparse. Mi sto riferendo al fatto increscioso di oggi, accaduto a Parigi, dove I soliti noti dei centri sociali - chiamati "black block" (ma che stavolta coi black block hanno nulla a che vedere) -alla riunione sul clima, hanno "simpaticamente" distrutto il memoriale per le vittime degli attentati terroristici islamici.

 

Probabilmente, il loro odio nei confronti di quello che vedono come occidente, nasce dalla loro gretta ignoranza che vede ai loro occhi identificare i nostri valori fondanti - libertà personale e di espressione, eccetera - con il potere che dovrebbe rappresentarli (Hollande, Renzi ecc..) e con il sistema capitalistico.

Peccato che il sistema capitalistico - quello che fa vendere le armi per fare soldi, per intenderci - è sono una parte della sterminata e ricchissima cultura occidentale, e tra l'altro ci ha arricchito tutti, loro compresi. Di certo questi ragazzi e ragazze avranno pensato di fare chissà quale atto di ribellione simil-sessantottina nel distruggere il memoriale delle vittime delle stragi, pensando di lanciare così il messaggio che loro sono contrari all'ipocrisia che ha fatto innalzare quel quel memoriale. Peccato che l'ipocrisia dell'occidente non sia superiore all'ipocrisia dell'oriente, specie del mondo arabo del golfo e del medio oriente che si nutre dei soldi derivanti dalle ricche rojalties del petrolio. Stessa ipocrisia la ritroviamo, ma all'ennesima potenza nello stesso Isis, o Daesh che dir si voglia, che vive solo grazie a tecnologie, soldi e a una sistema economico inventato proprio dal'Occidente che esso stesso dice di voler combattere e distruggere. 


Gli antagonisti europei stavolta se la sono presa con il simbolo sbagliato. Non già con un simbolo che "giustifica la guerra"
- ammesso che ci siano simboli che giustificano la guerra - ma con un simbolo di riconciliazione e di umano e giustissimo lutto per le vittime innocenti di una lucida follia islamica. Nella loro foga di marcare la loro diversità e la loro diversità dalle politiche messe in campo dai principali paesi occidentali ed europei per contrastare Isis e terrorismi, si sono "scordati" di fare parte di una delle due parti in "guerra", cioè di essere anche loro occidentali, e di essere visti e percepiti come occidentali da chi occidentale non è.


Tuttavia, in alcuni discorsi giustificazionisti (la colpa degli attentati sarebbe "nostra" perché gli vendiamo le armi e acqusitiamo il petrolio) che ho sentito e letto anche qui sul mio profilo facebook, qui o altrove, ovunque ho in quei giorni successivi alla strage spiegato il mio punto di vista, già mi aspettavo la logica conseguenza di quelle parole idiote e avventate che puntualmente è arrivata. Distruggere le foto e ricordi messi dai famigliari per ricordare delle vittime innocenti, di certo non farà un dispetto a Hollande. Non scongiurerà nemmeno la prossima guerra. Però avrà fatto sentire gli artefici di tale asinata dei duri e puri. Per me dovrebbero vergognarsi, in quanto ignoranti e in quanto irrispettosi del dolore degli altri.

 
Inoltre, il discorso giustificazionista è smontabile in quattro e quattrotto. Se davvero siamo "noi" e con noi intendo le potenze del mondo occidentale a vendere armi e ad acquistare petrolio i cui proventi vengono poi utilizzati dai terroristi per farci gli attentati, provate a rispondere seriamente a queste domande: chi vende armi e a chi? Le si vende in nero o alla luce del sole? Se alcune aziende occidentali vendono armi ai paesi del golfo e questi poi li rivendono in nero a Isis, dov'è la nostra colpa? Se qualche intermediario vende ad aziende occidentali il petrolio di Isis, io cittadino occidentale perché mi dovrei sentire in colpa? Se esistono delle fabbriche che producono armi, perché dovrei sentirmi in colpa? Per il fatto che le abbiamo prodotte? Le armi sono un mercato e una merce, non più squallida di tante altre, ma di certo più tecnologica e remunerativa. Se non le vendessero gli occidentali pensate davvero che non ci sarebbe nessun altro che le produrrebbe e le venderebbe? 

Le armi ci sono sempre state, la stupidità c'è sempre stata e purtroppo c'è sempre stata anche la guerra anche prima della vendita delle armi ci si faceva la guerra, con le spade e con le pietre. Ciò che invece è nuovo è la cecità di certa parte dell'occidente che non si sente più tale, e pensa di essere "figlio del mondo", di avere ormai una cultura "unica e mondiale", di non sentirsi più figlio dei nostri luoghi. Peccato che io, così come voi, e anche i black block e di cui sopra, e persino Salvini, beh tutti noi siamo occidentali. E indipendentemente da come percepiamo noi stessi, ragioniamo come occidentali, agiamo da occidentali, parliamo lingue occidentali, consumiamo quasi sempre cibi occidentali, e sopratutto abbiamo un idea di individuo, di diritto, di potere, di libertà e di antagonismo che è propria di noi occidentali. E che non è e non sarà mai quella che può avere una persona che non è occidentale come noi.

Letto 1476 volte Ultima modifica il Domenica, 29 Novembre 2015 18:25

Potrebbe interessarti anche:

  • Basta spartizioni di potere o spariremo

    Ieri parlavo al bar con un amico di politica. Lo faccio spesso, sopratutto con chi non la pensa come me e non è del PD. E' l'esercizio che mi aiuta a restare collegato alla realtà e a non chiudermi in una bolla di eco di opinioni a me comode. Mi diceva che sui temi potremmo anche pensarla allo stesso modo ma che non sa per chi votare alle Europee perché nel PD e nei partiti politici quello che piace meno è la spartizione di poltrone e che è proprio questa sensazione che ha allontanato tanti dalla politica o li ha avvicinati ai populisti M5S e Lega.

  • Nessuna Immacolata in uno Stato Laico

    L'Immacolata concezione è una delle tante fake news (balle) delle religioni e una delle più ingiuste feste cristiane, a mio modo di vedere. Infatti in quanto mammiferi non possiamo concepire senza prima avere fatto sesso: siamo animali e gli animali si riproducono così. Non siamo piante che si riproducono anche per talea (e non solo).

  • Vincino e la Pietas Post Mortem

    Il piagnisteo sulla morte di Vincino emblema del disagio dei vecchi sessantottini come lui. Non è che se uno è famoso, debba per forza essere un esempio.

Commenti   

 
BestJacinto
0 #1 BestJacinto 2018-11-16 12:58
I see you don't monetize your website, don't waste your traffic, you can earn additional cash every month.

You can use the best adsense alternative for any type of website (they
approve all websites), for more details simply search in gooogle: boorfe's tips monetize your
website
Citazione | Segnala all'amministratore
 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna


Dove ci porta l'UE

Memoria Collettiva

La voce di Bologna

  • Vaccini tra paure e realtà, la serata
    Scritto da

    L'iniziativa “Vaccini tra paure e realtà” promossa dall'associazione ‘Minerva Associazione di Divulgazione” e dal blog ‘Bufale un tanto al chilo’, si terrà sabato 21 Marzo alle ore 20.45 presso lasala sala consigliare Cenerini del quartiere Saragozza. Noi de ilbolognino.info segnaliamo ...

    Mercoledì, 18 Marzo 2015 15:31 in Bologna

Multimedia

  • Fuori Tempi 4x20 finale stagione

    Paolo Perini, in collaborazione con Ipn e ilbolognino.info, con questa ultima puntata salutano gli appassionati e gli ascoltatori cogliendo l’occasione per una breve analisi dei fatti politici più importanti che abbiamo seguito in questa Quarta stagione di Fuori Tempi, a cavallo tra la seconda parte del 2014 e il 2015.

    Ho scelto per voi di ricordare e di approfondire, come ...

Questo sito utilizza cookies e tecnologie simili, anche di terze parti. Proseguendo accetti l'utilizzo dei cookies nel tuo browser Voglio saperne di più