Il Bolognino

Sabato, 08 Dicembre 2018 20:52

Nessuna Immacolata in uno Stato Laico

Scritto da 

L'Immacolata concezione è una delle tante fake news (balle) delle religioni e una delle più ingiuste feste cristiane, a mio modo di vedere. Infatti in quanto mammiferi non possiamo concepire senza prima avere fatto sesso: siamo animali e gli animali si riproducono così. Non siamo piante che si riproducono anche per talea (e non solo).

 

Suppongo che Maria non fosse un cactus, perciò se Maria è mai esistita ed ha partorito, prima deve avere fatto sesso. "Immacolata" invece allude proprio al fatto che il concepimento di Maria sarebbe stato senza peccato perché senza sesso e quindi equipara il sesso al peccato. Di più, equipara il sesso a scopo riproduttivo a peccato! Con buona pace di tutti i benpensanti che invece hanno sempre affermato che la religione cristiana non sia sessuofoba, semmai a favore dell'amore. Tutt'altro: se si equipara il sesso anche riproduttivo a peccato, figuriamoci cosa si dovrebbe pensare del sesso a scopo ricreativo.

La religione cristiana ci vorrebbe perciò imporre un ingiustificato senso di colpa nei confronti del sesso che invece fa parte dei nostri bisogni primari e primordiali (il sesso e la sessualità sono inoltre il meccanismo biologico che ci spinge a riprodurci, perciò a creare nuova vita). In uno Stato laico, quindi a-confessionale, trovo sia assurdo che si permetta ancora una festa religiosa come quella dell'Immacolata Concezione, proprio per via del fatto che si festeggi una dottrina che ci riempie di sensi di colpa.

Le religioni ci vogliono non pensanti (accettare passivamente verità assolute e indimostrabili - una donna che partorisce senza fare sesso) e pieni di sensi di colpa per poterci controllare meglio. E' così dall'inizio dei tempi, infatti la religione è stato ed è tuttora il principale strumento di potere sulle masse: tu invece sii uomo, dotato di ragione e pertanto libero. Una festa così in uno Stato laico non dovrebbe essere festeggiata.

Letto 55 volte Ultima modifica il Sabato, 08 Dicembre 2018 21:01

Potrebbe interessarti anche:

  • Epic Fail USA e CIA
    50 anni passati a finanziare logge coperte, la massoneria deviata, Gladio, la DC, a investire in Italia con il Piano
  • 1° Maggio, sindacato dove sei?

    Se i sindacati usassero il 1° Maggio per capire i propri errori invece di fare il Concertone, forse, sarebbe meglio per tutti. La butto là come riflessione, non come polemica, ma come critica costruttiva. Sopratutto alla luce del fatto che la produttività del settore privato italiano è pari a quella di Francia e Germania, le ore lavorate sono 1/3 in più, ma gli stipendi sono la metà.

  • L'ennesima strategia dei perdenti

    Stiamo assistente in questi ultimi mesi all'ultima strategia per spaccare il Pd da parte dei capi della sinistra Pd a tutto vantaggio del M5S.

Altro in questa categoria: « La politica fatta con le sparate

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna


Dove ci porta l'UE

Memoria Collettiva

  • Strage di Bologna, il giudice priore e l'ingiustizia a orologeria
    Scritto da

    Basta, non se ne può più. Si dice che, se sbagliare è umano, perseverare sarebbe diabolico. A prima vista non si direbbe che Rosario Priore possieda fattezze luciferine. Eppure l’insistenza di questo magistrato che, da sei anni a questa parte, non perde occasione per ravvivare, a mezzo stampa, il dolore dei familiari delle vittime d ...

    Venerdì, 08 Luglio 2016 16:13 in Memoria Collettiva

La voce di Bologna

  • Vaccini tra paure e realtà, la serata
    Scritto da

    L'iniziativa “Vaccini tra paure e realtà” promossa dall'associazione ‘Minerva Associazione di Divulgazione” e dal blog ‘Bufale un tanto al chilo’, si terrà sabato 21 Marzo alle ore 20.45 presso lasala sala consigliare Cenerini del quartiere Saragozza. Noi de ilbolognino.info segnaliamo ...

    Mercoledì, 18 Marzo 2015 15:31 in Bologna

Multimedia

  • Fuori Tempi 4x20 finale stagione

    Paolo Perini, in collaborazione con Ipn e ilbolognino.info, con questa ultima puntata salutano gli appassionati e gli ascoltatori cogliendo l’occasione per una breve analisi dei fatti politici più importanti che abbiamo seguito in questa Quarta stagione di Fuori Tempi, a cavallo tra la seconda parte del 2014 e il 2015.

    Ho scelto per voi di ricordare e di approfondire, come ...

Questo sito utilizza cookies e tecnologie simili, anche di terze parti. Proseguendo accetti l'utilizzo dei cookies nel tuo browser Voglio saperne di più