Il Bolognino

Giovedì, 14 Giugno 2012 08:54

Chi fermerà Grillo? La rete

Scritto da  Pietro Orsatti
Grillo elezioni amministrative 2012 Grillo elezioni amministrative 2012

Nato come fenomeno politico grazie alla Rete (almeno così dice), Beppe Grillo oggi nella Rete ha il suo più grande avversario. Proprio oggi che i risultati delle elezioni amministrative lo hanno premiato e i sondaggi lo posizionano come secondo partito se si votasse nelle prossime settimane, il feticcio di Internet rischia di smontargli la sua creatura, il Movimento 5 Stelle. 

Ha lavorato per anni il leader di M5S, con pazienza e determinazione, utilizzando la rete per avvicinare il disagio diffuso, e non solo fra i giovani, verso la politica tradizionale ormai implosa dopo un ventennio di berlusconismo diretto e indiretto. Avvicinare e poi incamerare in strutture apparentemente aperte ma invece fortemente identitarie, chiuse e controllate dal “centro”. Non da lui, o solo da lui.


Il controllo è esercitato dal suo editore e socio fondatore (per sua stessa ammissione) dell’M5S, Gianroberto Casaleggio, che del controllo attraverso gli strumenti informatici e la comunicazione in rete ne ha fatto professione con la sua Casaleggio associati, azienda specializzata in marketing virale, e-commerce e sistemi aziendali intranet e che da anni pubblicizza senza nessun pudore tecniche di controllo e di condizionamento dei flussi di consenso e di dissenso attraverso la rete. Per avere un’idea del curriculum di Casaleggio e dei suoi soci e delle tecniche da loro utilizzate e dei rapporti aziendali e con determinati salotti non certo marginali italiani e internazionali, basti leggere l’ampia inchiesta che pubblicai su Micromega nel luglio 2010.

La loro tecnica di marketing politico, sconosciuta allo scenario politico italiano fino ad oggi, ha ottenuto un risultato  in breve tempo di proporzioni inaspettate. Anche perché totalmente incontrastata e ampiamente sottovalutata. Rifiuto del dialogo, del riconoscimento dell’avversario, demonizzazione dello stesso attraverso una campagna virale di informazione tutta diretta all’interno della cerchia di attivisti. Unico terreno di comunicazione (non di scontro) la rete. Sulla rete e solo sulla rete c’è la verità, questo il loro messaggio. E chi fa la verità sulla rete attraverso l’indicizzazione e il posizionamento dei contenuti? Google e gli altri motori di ricerca. E quindi un meticoloso e massivo lavoro di Seo, la moltiplicazione dei contenuti su ogni tipo di sito, blog etc etc, in maniera da tenere basse le altre notizie e tenere fra le prime

venti le versioni del “movimento”.

 Immagine 

Grillo e Casaleggio durante la presentazione di un libro

Il caso della presunta soluzione islandese alla crisi ne è un formidabile esempio. Leggo in un articolo pubblicato da Agoravox.it :

Dire che “Gli islandesi… evitarono di svendere il loro paese e di metterlo sotto tutela del Fmi“, oltre ad essere ridicolo è platealmente falso, com’è falso scrivere che “Venne allora indetto un referendum che bloccò la nazionalizzazione (delle banche)”, visto che le banche islandesi sono state nazionalizzate senza colpo ferire e che il referendum aveva come oggetto solo il rimborso del debito estero cumulato da Icesave. Eppure si si mettono le parole “islanda+debito+FMI” su un motore di ricerca escono migliaia di voci in italiano che riportano questa bufalaccia, che da noi è particolarmente diffusa, mentre con ”iceland+debt+IMF” escono articoli e studi aderenti alla realtà, che è quella per la quale proprio il prestito del Fondo Monetario Internazionale è stato uno dei pilastri dell’azione islandese in risposta al fallimento delle proprie banche.

Provare per credere. E’ esattamente come riportato nel brano qui sopra.

Questo tipo di manipolazione dell’informazione sulla rete (non riesco a trovare altro termine) è ovviamente applicato a ciascuno dei temi più “urlati” dal movimento e in particolare a ogni posizione del megafono/leader. Se associamo poi il controllo formale di ogni lista e gruppo (il simbolo è solo di Grillo e non delle liste e lui, e solo lui grazie alle regole disegnate da Casaleggio, lo concede o lo ritira), le deroghe al cosiddetto non statuto (nessun politico da altri partiti e nessuno può fare più di due mandati) che ci si è ben guardati di rendere pubblici (caso Genova con il candidato Sindaco Putti del M5S già nei Verdi e candidato nelle precedenti amministrative con quel partito e caso Bologna con un consigliere M5S eletto in un municipio con due mandati precedenti già espletati sempre con i Verdi), l’onnipresenza di Casaleggio e dei suoi soci/dipendenti nel controllo del dibattito e dei commenti sui siti ufficiali (dal blog di Grillo all’ultimo dei Meet Up) è facile capire come sia stato possibile formare un gruppo di attivisti così coesi, omogenei e chiusi a ogni connessione con l’esterno per quanto riguarda il confronto e le acquisizioni di informazioni che non siano quelle ufficiali fornite da Grillo e Casaleggio.

 

In questa epoca dove attivismo e militanza sono diventati residuali, un gruppo così monolitico e strutturato e con una tale forza d’urto nella comunicazione in rete (e infatti qui finora si è giocata tutta la propaganda di M5S) e nella manipolazione dei flussi delle notizie ha gioco facile. E assorbe e attira il disagio diffuso verso il sistema politico e l’astensionismo. Ma la rete stessa ha i suoi anticorpi per svelare le manipolazioni. Un po’ lenti, finora, vista l’abituale e cronica pigrizia italiana, ma che da qualche settimana si sono accesi con il moltiplicarsi di domande (puntualmente senza risposta), commenti, notizie varie e rivelazioni su Grillo, Casaleggio e i criteri di selezione di liste e candidati e portavoce locali di M5S. Comincia quindi a fluire, in particolare dai social network, una versione molto diversa della creatura di Grillo & co.

 

E la reazione è stata scomposta e probabilmente controproducente per M5S. Ovvero la tempesta di insulti, tentativi ossessivi di cambiare discorso, spostare l’attenzione, fino a sfociare a deliri veri e propri, negazioni, balle, fino ad arrivare a tentativi di intimidazioni, calunnie e neanche troppo velate minacce. Centinaia, migliaia, decine di migliaia di commenti (prodotti fra l’altro quasi sempre dagli stessi soggetti spesso con identità multiple) che hanno inondato le pagine di chi ha fatto qualche domanda, abbia espresso dubbi, abbia descritto i rapporti Grillo/Casaleggio/M5S, etc.

Personalmente l’insulto più delicato che mi è stato rivolto è stato quello di essere uno “sciacallo”, l’insinuazione meno calunniosa quella di essere a libro paga del PD e il meglio è stato dato augurandomi una morte fra le peggiori sofferenze.

Il tentativo era quello di “sputtanare” gli interlocutori, i giornalisti, i blogger e chiunque esprimesse dissenso e dubbi. Una tattica antica, negli Usa in particolare, affinata da alcuni multinazionali dell’energia qualche anno fa per azzittire alcuni scienziati che parlavano di cambiamenti climatici. Essendo qui in Italia agli albori dell’uso della rete il tentativo è stato più goffo e controproducente. Controproducente perché si è schiantato nella libertà della rete, nella libera circolazione delle informazioni, nei rapporti liberi fra persone nelle reti sociali.

 

E Casaleggio & co se ne devono essere resi conto in fretta. E sono andati in affanno. Anche se l’offensiva dei presunti elettori qualunque (con 10 account a testa minimo) rimane invariata, la macchina della propaganda politica grillina si è rivolta a sistemi più tradizionale. I giornali. Anzi, un giornale. Il Fatto. E anche questo inzerbinarsi davanti a Grillo di Travaglio&co sta rivelandosi, ancora più velocemente, controproducente. E’ stata talmente sfacciata la partigianeria del quotidiano diretto da Padellaro (?) da essere segnata all’indice dalla comunità della rete in pochi giorni. E certo l’uscita dal giornale di Telese e la reazione stizzita e scomposta de il Fatto hanno fatto il resto.

Ecco. La tanta osannata rete diventa il principale ostacolo per Grillo e i suoi soci esperti di comunicazione virale. La rete non perdona. Soprattutto chi cerca di controllarla.

p.s. (una cosa poi ho imparato in queste settimane di pazziamento. Gli ex grillini non stanno messi meglio per quanto riguarda l’ossessività autoreferenziale. Si sono fatti danni enormi in questi anni di manipolazione. Enormi)

Letto 5282 volte Ultima modifica il Giovedì, 14 Giugno 2012 09:03

Potrebbe interessarti anche:

  • Basta spartizioni di potere o spariremo

    Ieri parlavo al bar con un amico di politica. Lo faccio spesso, sopratutto con chi non la pensa come me e non è del PD. E' l'esercizio che mi aiuta a restare collegato alla realtà e a non chiudermi in una bolla di eco di opinioni a me comode. Mi diceva che sui temi potremmo anche pensarla allo stesso modo ma che non sa per chi votare alle Europee perché nel PD e nei partiti politici quello che piace meno è la spartizione di poltrone e che è proprio questa sensazione che ha allontanato tanti dalla politica o li ha avvicinati ai populisti M5S e Lega.

  • Stupro: se l'informazione segue la facile indignazione

    E' di questi giorni la notizia che la Corte Costituzionale avrebbe, in una sua sentenza, riconosciuto che se la vittima di uno stupro si è precedentemente ubriacata, allora lo stupro è senza aggravante. La notizia ha ovviamente destato grande indignazione sul web. Per fortuna però, la notizia ha distorto il contenuto della sentenza. Purtroppo la notizia distorta è stata ripresa indistintamente da molte testate nazionali, anche di comprovata serietà. Ma vediamo di cosa si tratta effettivamente.

  • La politica fatta con le sparate

    Oggi i gruppi parlamentari del PD di Camera e Senato hanno presentato delle proposte concrete per estendere il REI (Reddito di inclusione) corredate da coperture economiche (quindi attuabili!) e direttamente efficaci se fossero votate. Hanno fatto cioè il lavoro dei partiti di maggioranza, del governo e del Parlamento che ancora deve costituire le commissioni (che sono il luogo dove si svolge l'attività parlamentare).

Commenti   

 
Son
0 #3 Son 2015-08-28 00:30
Eventually you will webmd be replaced by desire and the low calorie restriction and fad dieting approach.
Use d-limolene products Want to get that way, which are incredibly hard to burn more calories each day with
exercise that will melt pounds away while you sleep.
Citazione | Segnala all'amministratore
 
 
Eusebia
0 #2 Eusebia 2015-07-19 13:56
In response to this many people struggling to lose those pounds diet returning and pretty soon they
are still easy to munch on and digest regular-size meals.
Citazione | Segnala all'amministratore
 
 
title max
0 #1 title max 2015-01-17 06:14
If you're unsure, contact other programs outside your market and inquire
them for inside information about precisely how
to make money lending on car titles.

Feel free to visit my blog - title
max: http://horrorsquad.horrorshow.com/node/83506
Citazione | Segnala all'amministratore
 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna


Dove ci porta l'UE

Memoria Collettiva

La voce di Bologna

  • Vaccini tra paure e realtà, la serata
    Scritto da

    L'iniziativa “Vaccini tra paure e realtà” promossa dall'associazione ‘Minerva Associazione di Divulgazione” e dal blog ‘Bufale un tanto al chilo’, si terrà sabato 21 Marzo alle ore 20.45 presso lasala sala consigliare Cenerini del quartiere Saragozza. Noi de ilbolognino.info segnaliamo ...

    Mercoledì, 18 Marzo 2015 15:31 in Bologna

Multimedia

  • Fuori Tempi 4x20 finale stagione

    Paolo Perini, in collaborazione con Ipn e ilbolognino.info, con questa ultima puntata salutano gli appassionati e gli ascoltatori cogliendo l’occasione per una breve analisi dei fatti politici più importanti che abbiamo seguito in questa Quarta stagione di Fuori Tempi, a cavallo tra la seconda parte del 2014 e il 2015.

    Ho scelto per voi di ricordare e di approfondire, come ...

Questo sito utilizza cookies e tecnologie simili, anche di terze parti. Proseguendo accetti l'utilizzo dei cookies nel tuo browser Voglio saperne di più