Il Bolognino

Iperdemocrazia, democrazia liquida, e-democracy, ultimamente questi termini compaiono spesso nella discussione politica, in Italia il Movimento Cinque Stelle si fa portatore di questi nuovi paradigmi della gestione dello Stato e del governo della cosa pubblica, ma ancor prima fu il partito pirata Svedese, nato per inserire nella discussione politica il superamento del concetto di copyright, che evolvendo la sua proposta politica, divenne il primo portatore di queste istanze di democrazia liquida in Europa.

Pubblicato in Società

L' agenzia nazionale di polizia giapponese ha iniziato un'azione tesa a bloccare l'uso di Tor agli utenti nipponici.
Nonostante l'intento sia chiaramente quello di impedire usi malevoli del famoso software per l'anonimato in internet, il blocco di Tor sembra un'esagerazione che comprometterebbe la libertà degli internauti.

Pubblicato in Società

Sottoposta ad un procedimento disciplinare dall'Ordine dei Giornalisti a causa di un tweet, mandato dal proprio account personale. Questa è la storia di Cristiana Chiarani, giornalista di RTTR, televisione locale trentina, colpevole di aver inviato tramite il noto social network un messaggio che a qualcuno deve essere sembrato un po' troppo sopra le righe.

Pubblicato in Società

Ancora una volta Twitter sfida i governi per proteggere i propri utenti. Siamo in Aprile di quest'anno quando lo Stato di New York ha aperto una causa nei confronti di Malcolm Harris, attivista di Occupy Wall Street. Il governo ha fatto uso (oserei addirittura dire abuso) di un ordine 2703(d) per costringere l'azienda a comunicare dati e tweet privati dell'account di Harris, @destructuremal. L'imputato, informato della cosa ha rifiutato di concedere i suoi dati (possibilità prevista dalla legge americana), e l'azienda ha rispettato il suo volere.

Pubblicato in Società
Mercoledì, 04 Luglio 2012 16:54

ACTA muore, la democrazia vince.

ACTA è morto. Questa è la frase con cui centinaia di utenti su twitter (e sugli altri social network) oggi festeggiano una vittoria a lungo attesa.

Questa mattina (Mercoledì 4 Luglio) il Parlamento Europeo si è espresso riguardo l'Anti-Counterfeiting Trade Agreement, e il graditissimo risultato è stato un plebiscito di NO: 478 contro, 39 pro, 165 astenuti.

Pubblicato in Società
Giovedì, 14 Giugno 2012 08:54

Chi fermerà Grillo? La rete

Nato come fenomeno politico grazie alla Rete (almeno così dice), Beppe Grillo oggi nella Rete ha il suo più grande avversario. Proprio oggi che i risultati delle elezioni amministrative lo hanno premiato e i sondaggi lo posizionano come secondo partito se si votasse nelle prossime settimane, il feticcio di Internet rischia di smontargli la sua creatura, il Movimento 5 Stelle. 

Ha lavorato per anni il leader di M5S, con pazienza e determinazione, utilizzando la rete per avvicinare il disagio diffuso, e non solo fra i giovani, verso la politica tradizionale ormai implosa dopo un ventennio di berlusconismo diretto e indiretto. Avvicinare e poi incamerare in strutture apparentemente aperte ma invece fortemente identitarie, chiuse e controllate dal “centro”. Non da lui, o solo da lui.

Pubblicato in Opinioni

Maggio 2011. La polizia tedesca arresta un uomo sospettato di essere un membro della nota organizzazione terroristica al-Qaeda. Al momento dell'arresto l'uomo portava con sè una memory card contenente una cartella protetta da password, i cui contenuti sono stati in seguito svelati dalla Bundeskriminalamt, la polizia criminale federale tedesca, che ha trovato all'interno della cartella incriminata quello che in apparenza sembrava essere un semplice filmato pornografico nominato KickAss.
Non sorprende certo il trovare un uomo che protegge con password la directory in cui nasconde i suoi video hard; sorprende forse un pò di più lo scoprire 141 documenti di testo appartenenti ad al Qaeda nascosti all'interno del suddetto filmato con la tecnica della Steganografia. Documenti dai nomi eloquenti come "Lavori Futuri" "Lezioni Apprese", "Rapporto sulle Operazioni".

Pubblicato in Società

Gli USA sono decisi a giocare duro in quella che Ars Technica definisce “Copyright war”. Dopo la celebre richiesta di estradizione nei confronti di Kim “Dotcom” Schmitz, fondatore di Megaupload, è il turno di Richard O’Dwyer, stavolta non un ex-hacker multimilionario, ma uno studente inglese di 23 anni, proprietario di tvShack.

In Giugno 2010 il dominio tvShack.net che ospitava il sito è stato sequestrato dall’Immigration and Customs Enforcement (ICE), un’agenzia governativa statunitense. Ma il ragazzo ha ben presto spostato il sito su un nuovo dominio, tvShack.cc che, non richiedendo un domain registrar americano, non sarebbe dovuto ricadere nella giurisdizione degli States....

Pubblicato in Società
Mercoledì, 15 Febbraio 2012 00:00

ACTA, la nuova minaccia alla libertà del web

Sventata la minaccia di SOPA e PIPA, il primo cancellato e la discussione del secondo rimandata a data da definirsi dopo l'accesa opposizione popolare (e il più grosso attacco hacker della storia a firma Anonymous), ecco che 22 stati europei, tra cui l'Italia, firmano ACTA (Anti-Counterfeiting Trade Agreement), un accordo commerciale internazionale fortemente voluto dagli USA che, ancora una volta, minaccia la libertà in Rete.

Pubblicato in Società

Dove ci porta l'UE

Memoria Collettiva

La voce di Bologna

  • Vaccini tra paure e realtà, la serata
    Scritto da

    L'iniziativa “Vaccini tra paure e realtà” promossa dall'associazione ‘Minerva Associazione di Divulgazione” e dal blog ‘Bufale un tanto al chilo’, si terrà sabato 21 Marzo alle ore 20.45 presso lasala sala consigliare Cenerini del quartiere Saragozza. Noi de ilbolognino.info segnaliamo ...

    Mercoledì, 18 Marzo 2015 15:31 in Bologna

Multimedia

  • Fuori Tempi 4x20 finale stagione

    Paolo Perini, in collaborazione con Ipn e ilbolognino.info, con questa ultima puntata salutano gli appassionati e gli ascoltatori cogliendo l’occasione per una breve analisi dei fatti politici più importanti che abbiamo seguito in questa Quarta stagione di Fuori Tempi, a cavallo tra la seconda parte del 2014 e il 2015.

    Ho scelto per voi di ricordare e di approfondire, come ...

Questo sito utilizza cookies e tecnologie simili, anche di terze parti. Proseguendo accetti l'utilizzo dei cookies nel tuo browser Voglio saperne di più