Il Bolognino

A Ferrara, ieri mattina, un gruppo di poliziotti aderenti al sindacato di polizia Coisp, pochi per fortuna – una trentina- hanno indetto una manifestazione a favore dei colleghi assassini, condannati in via definitiva per l'omicidio di Federico Aldrovandi. Hanno deciso di svolgerla, con chiaro intento provocatorio e dileggiatorio, sotto l'ufficio della mamma di Federico, Patrizia Moretti. In pieno centro cittadino. La gravità dell'accaduto mi ha scosso.

 

La Gran Bretagna e gli Stati Uniti D'America hanno istituito le loro rispettive leggi elettorali secoli fa e nessuno le ha mai volute modificare, se non sparute minoranze le cui istanze sono rimaste disattese. A prescindere dall'essere estimatori o detrattori di questi due sistemi molto più che consolidati, qualcuno direbbe, nei rispettivi paesi, che se sorgono dei problemi istituzionali è colpa della legge elettorale? No di certo; e per il semplice motivo che questi paesi credono nelle loro istituzioni politiche.

Domenica, 04 Novembre 2012 11:39

Sla: chi ha di più dia di più

Scritto da

I tagli non possono colpire persone già indebolite dalla malattia. Zero euro per un malato significa rinunciare all'assistenza specializzata; quando poi si tratta di malattie crudeli come la Sla, la sclerosi multipla e la distrofia muscolare, il dramma è totalizzante, investe come un fiume in piena non soltanto i malati ma anche le loro famiglie.

Martedì, 23 Ottobre 2012 19:47

Giusto il carcere per Sallusti, il martire

Scritto da

Cassazione: giusto il carcere per Sallusti. La politica risponde con il SalvaSallusti bipartisan


La vicenda è arrivata agli oneri della cronaca il mese scorso. L'ormai ex direttore de Il Giornale, Alessandro Sallusti, rischia il carcere per diffamazione a mezzo stampa. Oggi la Cassazione ha stabilito che la condanna al carcere è proporzionata alla gravità dell'attività diffamatoria e intimidatoria di Sallusti nei confronti del giudice Giuseppe Cocilovo.

Mercoledì, 27 Giugno 2012 20:14

"Il lavoro non è un diritto"

Scritto da

Badate, non c'è nessuna gaffe o fraintendimento nelle parole del ministro Fornero, "il lavoro non è un diritto", estrapolate dall'intervista della stessa a un noto quotidiano americano. La Fornero non è neanche nient'affatto ignorante! 

Per lei e per i circoli potenti che la sostengono, il lavoro, cioè il potersi sostenere con il proprio ingegno e fatica, non è un diritto. Per l'articolo 4 della Costituzione lo è, anzi, ormai possiamo dire, lo era. lo si poteva capiva dalla "riforma" che ha fatto.


Dove ci porta l'UE

Memoria Collettiva

  • Strage di Bologna, il giudice priore e l'ingiustizia a orologeria
    Scritto da

    Basta, non se ne può più. Si dice che, se sbagliare è umano, perseverare sarebbe diabolico. A prima vista non si direbbe che Rosario Priore possieda fattezze luciferine. Eppure l’insistenza di questo magistrato che, da sei anni a questa parte, non perde occasione per ravvivare, a mezzo stampa, il dolore dei familiari delle vittime d ...

    Venerdì, 08 Luglio 2016 16:13 in Memoria Collettiva

La voce di Bologna

  • Vaccini tra paure e realtà, la serata
    Scritto da

    L'iniziativa “Vaccini tra paure e realtà” promossa dall'associazione ‘Minerva Associazione di Divulgazione” e dal blog ‘Bufale un tanto al chilo’, si terrà sabato 21 Marzo alle ore 20.45 presso lasala sala consigliare Cenerini del quartiere Saragozza. Noi de ilbolognino.info segnaliamo ...

    Mercoledì, 18 Marzo 2015 15:31 in Bologna

Multimedia

  • Fuori Tempi 4x20 finale stagione

    Paolo Perini, in collaborazione con Ipn e ilbolognino.info, con questa ultima puntata salutano gli appassionati e gli ascoltatori cogliendo l’occasione per una breve analisi dei fatti politici più importanti che abbiamo seguito in questa Quarta stagione di Fuori Tempi, a cavallo tra la seconda parte del 2014 e il 2015.

    Ho scelto per voi di ricordare e di approfondire, come ...

Questo sito utilizza cookies e tecnologie simili, anche di terze parti. Proseguendo accetti l'utilizzo dei cookies nel tuo browser Voglio saperne di più