Il Bolognino

Domenica, 20 Ottobre 2013 12:04

Il Nobel tricolore

Scritto da  Scientificast

In questi giorni si sono celebrate, come ogni anno ormai da 112 anni, le cerimonie di assegnazione del premio più prestigioso nel campo della fisica, medicina, chimica, letteratura, economia e pace, ovvero il premio Nobel. Come molti sapranno, la fondazione di questo premio trae origine dalla generosità dell’imprenditore e chimico svedese Alfred Nobel, che volle lasciare in eredità il suo ingente patrimonio sotto forma di cospicui premi in denaro. Ma quello che molti non sanno è che c'è una parte d'Italia anche nel famoso premio Nobel

Ma se esaminiamo la storia di questo nordico filantropo, scopriamo che all’origine di tutto questo c’é anche un pizzico d’Italia, e, per esserne un po’ orgogliosi, possiamo affermare che la fortuna di Nobel deriva tutta dall’ingegno di un nostro connazionale. Infatti, nel 1847, un medico italiano di Casale Monferrato, Ascanio Sobrero, trattando la glicerina con acido nitrico e acido solforico, scoprì una nuova sostanza: la nitroglicerina. Questo avvenne a Parigi, nei laboratori del chimico Théophile Pelouze, dove Ascanio stava lavorando, e dove conobbe il piccolo Alfred.

 

Molte delle sostanze nitro derivate hanno una peculiarità: l’esplosività. Molti esperimenti precedenti avevano causato esplosioni (una delle quali lo  aveva anche ferito), e, come previsto, anche questo nuovo liquido era altamente esplosivo. Ascanio intuì subito il potenziale di questa scoperta, e non voleva che venisse utilizzata per  scopi malvagi. Inoltre, da buon chimico e medico, assaggiò la nuova sostanza (chi non lo farebbe?) guadagnandone un gran mal di testa. Sarà solo nel 1878 che il Dr. Murrell, studiando in dettaglio gli effetti della nitroglicerina, ne scoprirà l’efficacia come farmaco vasodilatatore, proprietà tutt’ora utilizzata in terapia per vari disturbi cardiovascolari.

  

La struttura della nitroglicerina               Ascanio Sobrero (1812- 1888), foto di Wikipedia

Sarà poi l’ingegnoso Alfred Nobel a sfruttare l’uso della sostanza come esplosivo. Il problema, però, era la sua instabilità, che la rendeva particolarmente pericolosa da maneggiare,  cosa che provocò diversi incidenti nelle sue prime fabbriche: le numerose esplosioni causarono la morte di molti collaboratori di Nobel, tra i quali quella di suo fratello Emil, nel 1864. La sua tenacia lo spinse, tuttavia, a continuare in quest’impresa, riuscendo, alla fine, a trovare un metodo per stabilizzare la nitroglicerina. Combinandola con della terra di diatomee (un materiale inerte) lo svedese riuscì a ottenere una pasta abbastanza stabile da essere maneggiata e trasportata, ma altrettanto esplosiva: la dinamite. Brevettando questa invenzione, e numerose altre successive, Alfred diventò estremamente ricco, fondando fabbriche in tutta Europa.

 

                                                      Alfred Nobel (1833-1896), foto di Wikipedia

Negli ultimi anni di vita Alfred fu costretto a curarsi usando la nitroglicerina, che nel frattempo era stata studiata e approvata come farmaco per l’angina. Una strana coincidenza! Nel 1896, ricco ma senza eredi diretti, decise di lasciare in eredità tutto il suo patrimonio alla scienza e alla cultura, probabilmente per un senso di colpa causato da tutte le vittime che le sue fabbriche avevano provocato. I soldi che vengono donati ai vincitori del premio, infatti, provengono dagli interessi del suo patrimonio, motivo per cui ogni anno la cifra cambia (negli ultimi anni si aggira intorno al milione di Euro a premio!). Alfred Nobel morì nella sua villa a Sanremo, in Italia,  paese con il quale ebbe un legame particolare,  per il fatto che diede i natali alla persona che fece la scoperta che gli cambiò la vita e lo rese immortale. Ascanio Sobrero ottenne come riconoscimento della sua scoperta una discreta pensione, un altro atto generoso di Alfred.

 

di Fabio La Spisa per Scientificast

Letto 1413 volte Ultima modifica il Domenica, 20 Ottobre 2013 12:09

Potrebbe interessarti anche:

  • Silvia Romano: non è odio ma odio di classe

    Le reazioni scomposte, esagerate, reazionarie, sguaiate, offensive, retrograde alla visione del ritorno in Patria della cooperante Silvia Romano in abito musulmano non si spiegano secondo un interpretazione superficiale - razzismo e misoginia - fatta propria dalle persone di sinistra. Non è tanto per Silvia che abbiamo gioito o sbavato rabbia, ma per ciò che Silvia rappresenta.

     

  • 25 Aprile Oltre il ponte

    Oggi festeggiamo la liberazione dal nazifascismo con la bellissima poesia di Italo Calvino e Sergio Liberovici, messa in musica dalla MCR. Tutti i diritti sono riservati. (il Bolognino è copyleft)

  • Sanità privata Lombarda e Bologna, il gruppo San Donato

    La Lombardia come sappiamo è la Regione d'Italia e d'Europa che peggio sta subendo l'offensiva di covid-19, da molti osservatori si fa strada anche l'osservazione che la sanità lombarda sia stata ampiamente privatizzata negli scorsi decenni e l'efficienza ed efficacia del sistema sanitario lombardo è sotto gli occhi di tutto il mondo. Una correlazione non è una causalità, ma ci teniamo a mettere i puntini sulle i con il buon lavoro di Riccardo Lenzi, che ci ricorda chi controlla il maggiore gruppo italiano della sanità privata, il gruppo San Donato che annovera ben 17 ospedali inn Lombardia.

Commenti   

 
FirstIrma
0 #1 FirstIrma 2017-10-14 05:20
I see you don't monetize your blog, don't waste your traffic, you can earn additional
bucks every month because you've got high quality content.
If you want to know how to make extra bucks, search for: Mrdalekjd methods for $$$
Citazione | Segnala all'amministratore
 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna


Dove ci porta l'UE

  • Esclusi Eurobond sì a MES e Sure
    Scritto da Marco Zuccaro

    Esclusi in modo categorico gli Eurobond e ogni forma di mutualizzazione del debito (come ampiamente previsto), escluso ogni tipo di intervento a fondo perduto. No, il Recovery Fund non sarà composto da sovvenzioni a fondo perduto, altrimenti sarebbe stato approvato oggi stesso.

    Venerdì, 24 Aprile 2020 07:15 in Dove ci porta l'UE

Memoria Collettiva

La voce di Bologna

  • Vaccini tra paure e realtà, la serata
    Scritto da

    L'iniziativa “Vaccini tra paure e realtà” promossa dall'associazione ‘Minerva Associazione di Divulgazione” e dal blog ‘Bufale un tanto al chilo’, si terrà sabato 21 Marzo alle ore 20.45 presso lasala sala consigliare Cenerini del quartiere Saragozza. Noi de ilbolognino.info segnaliamo ...

    Mercoledì, 18 Marzo 2015 15:31 in Bologna

Multimedia

  • Fuori Tempi 4x20 finale stagione

    Paolo Perini, in collaborazione con Ipn e ilbolognino.info, con questa ultima puntata salutano gli appassionati e gli ascoltatori cogliendo l’occasione per una breve analisi dei fatti politici più importanti che abbiamo seguito in questa Quarta stagione di Fuori Tempi, a cavallo tra la seconda parte del 2014 e il 2015.

    Ho scelto per voi di ricordare e di approfondire, come ...

Questo sito utilizza cookies e tecnologie simili, anche di terze parti. Proseguendo accetti l'utilizzo dei cookies nel tuo browser Voglio saperne di più