Il Bolognino

Giovedì, 10 Marzo 2016 10:32

Il ricercatore contagiato da Hiv in laboratorio

Scritto da  Scientficast

Le principali testate giornalistiche hanno riportato il caso di un ricercatore che ha contratto il virus dell’HIV in laboratorio. Il contagio risale a qualche anno fa ma la notizia è stata diramata soltanto in occasione del recente congresso di Boston (Conference on Retrovirus and Opportunistic Infections).

 

Il ricercatore ha scoperto di essersi contagiato in occasione di una donazione di sangue, in cui viene di routine fatto un controllo per la sieropositività al virus dell’HIV. Dal momento che era sicuro di non aver contratto il virus secondo le normali vie di infezione, è emersa la possibilità che il contagio fosse avvenuto in laboratorio, nonostante avesse sempre utilizzato sequenze di HIV modificate, dette difettive in quanto non in grado di replicarsi. Attraverso il sequenziamento, ovvero la lettura del genoma del virus, è emerso come questo corrispondesse a diversi costrutti dei virus utilizzati in laboratorio, mentre non coincideva con nessun HIV precedentemente circolante nella popolazione. Si pensa quindi che il virus che ha generato il contagio sia frutto di una ricombinazione tra diversi virus difettivi usati in laboratorio.

Il ricercatore non ha riportato però nessuna esposizione traumatica al virus – ad esempio tagli o punture con aghi infetti – e quindi si sospetta che la trasmissione possa essere avvenuta per via aerea.

Ed è questo l’aspetto che dovrebbe far saltare sulla sedia chi fosse informato su HIV, o avesse letto il nostro post in occasione del 1 dicembre. Il virus dell’HIV, infatti, normalmente non si trasmette per via respiratoria, ma nei laboratori si usano virus modificati, più adatti ad infettare diversi tipi cellulari. Nel caso del ricercatore sembra che venissero utilizzate porzioni di DNA anche del virus della stomatite vescicolare (VSV), in particolare della glicoproteina di superficie del virus che consentirebbe l’infezione di svariati tipi cellulari. Quest’ultima avrebbe potenzialmente consentito l’infezione per via aerea, anche se non esiste ancora prova diretta. Speriamo di avere maggiori dettagli dall’articolo scientifico riguardante il caso, che si dice debba essere pubblicato a breve.

Sicuramente questi risultati sottolineano come i livelli di sicurezza all’interno dei laboratori spesso non siano adeguati: sembra infatti che il ricercatore lavorasse ad un livello di sicurezza inferiore a quello richiesto. Ma, soprattutto, ci ricordano che le capacità di adattamento e ricombinazione dei virus sono ancora più alte di quanto ci si aspetti.

 

http://www.croiconference.org/sessions/hiv-1-laboratory-contagion-during-recombination-procedures-defective-constructs

http://www.adnkronos.com/salute/medicina/2016/02/24/contagiato-virus-hiv-nato-laboratorio-primo-caso-mondo_QTox2rLEsDdHWMHtNZIC9I.html?refresh_ce

Letto 852 volte

Potrebbe interessarti anche:

  • Inutili autodafé

    Temo che la normale procedura che si segue dopo aver perso le elezioni, non sia più granché utile. Parlo dell'autodafé, anche detta autocritica. Autocritica invocata in questi giorni dai molti che la chiedono al PD e sopratutto a Renzi, già dimesso. Questi richiedenti autocritica sono proprio da chi non ha votato PD, il che come minimo è strano o sospetto. Sembra che dietro quella di richiesta non ci sia una vera necessità di autocritica, ma piuttosto una voglia molto porcina e inconfessabile di chiedere la pubblica gogna dopo aver finalmente aver scornato il toro.

  • La lontananza tra working class e riformisti in Francia e Italia

    C'è un filo che lega Italia e Francia. Non è solo la comune identità romanza, l'amore per il vino, le belle donne, l'arte e la cultura. Si tratta di una dinamica politica molto simile, dove pare rinascere e riprendere vigore la teoria politica della maggiore possibilità di vittoria se si occupa lo spazio politico detto centro. Macron, da ieri sera il più giovane Presidente della Repubblica Francese, ne è un indizio.

  • Se credere di fare controinformazione porta a fare disinformazione

    Negli ultimi due anni a questa parte stiamo assistendo a un evoluzione imprevista dell'informazione e temi che dovrebbero essere a-politici stanno diventando delle carte tornasole della collocazione politica della redazione. Una di queste cartine tornasole è di certo il tema vaccini.

Commenti   

 
BestIva
0 #1 BestIva 2018-11-01 10:46
I see you don't monetize your page, don't waste your traffic, you can earn extra cash every
month. You can use the best adsense alternative for any
type of website (they approve all websites),
for more details simply search in gooogle: boorfe's tips monetize your website
Citazione | Segnala all'amministratore
 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna


Dove ci porta l'UE

Memoria Collettiva

La voce di Bologna

  • Vaccini tra paure e realtà, la serata
    Scritto da

    L'iniziativa “Vaccini tra paure e realtà” promossa dall'associazione ‘Minerva Associazione di Divulgazione” e dal blog ‘Bufale un tanto al chilo’, si terrà sabato 21 Marzo alle ore 20.45 presso lasala sala consigliare Cenerini del quartiere Saragozza. Noi de ilbolognino.info segnaliamo ...

    Mercoledì, 18 Marzo 2015 15:31 in Bologna

Multimedia

  • Fuori Tempi 4x20 finale stagione

    Paolo Perini, in collaborazione con Ipn e ilbolognino.info, con questa ultima puntata salutano gli appassionati e gli ascoltatori cogliendo l’occasione per una breve analisi dei fatti politici più importanti che abbiamo seguito in questa Quarta stagione di Fuori Tempi, a cavallo tra la seconda parte del 2014 e il 2015.

    Ho scelto per voi di ricordare e di approfondire, come ...

Questo sito utilizza cookies e tecnologie simili, anche di terze parti. Proseguendo accetti l'utilizzo dei cookies nel tuo browser Voglio saperne di più