Il Bolognino

Venerdì, 18 Marzo 2016 17:30

ExoMars: continua la ricerca di vita su Marte

Scritto da  Scientficast

Siamo ai blocchi di partenza per la missione ExoMars, realizzata da una collaborazione tra le agenzie spaziali europea (ESA) e russa (Roscosmos). La sonda sta per essere lanciata da Bajkonur, nel sud del Kazakistan, e si prevede che raggiungerà Marte dopo un viaggio di nove mesi.


L’obiettivo della missione è trovare tracce dell’esistenza presente o passata di forme vita sul pianeta rosso. Nella prima fase, la sonda madre ExoMars Trace Gas Orbiter si stabilizzerà in orbita a una quota di circa 400 km dalla superficie marziana, ed effettuerà misurazioni accurate sulla composizione chimica della tenue atmosfera marziana, soprattutto sulle tracce di metano e altri gas che potrebbero derivare da attività biologica o geologica, oltre che su potenziali siti di produzione di queste sostanze. 


La sonda trasporta anche il lander Schiaparelli, che sarà sganciato tre giorni prima di raggiungere l’atmosfera marziana. Si tratta di un lander di dimensioni superiori rispetto a quelli atterrati finora su Marte, e le fasi di sgancio, discesa nell’atmosfera e atterraggio saranno le più complesse di tutta la missione. Schiaparelli effettuerà misurazioni dell’atmosfera di Marte lungo la discesa, e non appena atterrato avrà un tempo limitato (da 2 a 8 giorni marziani) per portare a termine una serie di esperimenti tramite la strumentazione chiamata DREAMS, di concezione e realizzazione italiana. Il progetto è stato sviluppato principalmente dall’Università di Padova e dall’Osservatorio Astronomico di Capodimonte. Si tratta di un insieme di sensori per misurare la velocità e la direzione del vento, l’umidità, la pressione, la temperatura, la presenza di polveri nell’atmosfera e il campo elettrico nei pressi della superficie.


L’orbiter dovrà fungere anche da supporto per le comunicazioni nella seconda parte delle missione, prevista per il 2018. L’obiettivo questa volta sarà quello di portare su Marte unrover particolarmente sofisticato, in grado di muoversi in tutte le dimensioni e di trapanare il suolo marziano fino alla profondità di due metri. Infatti, non essendo dotato di un campo magnetico, il pianeta rosso è continuamente investito da particelle ionizzanti ad altissima energia provenienti dal vento solare, che rendono di fatto impossibile (o quanto meno estremamente improbabile) la permanenza di vita sulla sua superficie. Se vogliamo avere una qualche speranza di trovare forme di vita attiva su Marte, dobbiamo cercare più in profondità, dove le rocce possono schermare almeno in parte la radiazione solare (e dove può anche trovarsi acqua stabilmente allo stato liquido). I campioni così estratti saranno poi analizzati all’interno del laboratorio geochimico a bordo del rover.

Se la missione avrà successo, il prossimo obiettivo sarà riportare i campioni sulla Terra, in modo da poterli analizzare in prima persona.

 

 

Fonti:

http://exploration.esa.int/mars/

Immagine di copertina: il rover della missione in prova sulla Terra (foto da wikimedia commons)

Scritto originariamente per Scientificast da Silvia Kuna Ballero 

Letto 756 volte

Potrebbe interessarti anche:

  • Inutili autodafé

    Temo che la normale procedura che si segue dopo aver perso le elezioni, non sia più granché utile. Parlo dell'autodafé, anche detta autocritica. Autocritica invocata in questi giorni dai molti che la chiedono al PD e sopratutto a Renzi, già dimesso. Questi richiedenti autocritica sono proprio da chi non ha votato PD, il che come minimo è strano o sospetto. Sembra che dietro quella di richiesta non ci sia una vera necessità di autocritica, ma piuttosto una voglia molto porcina e inconfessabile di chiedere la pubblica gogna dopo aver finalmente aver scornato il toro.

  • La lontananza tra working class e riformisti in Francia e Italia

    C'è un filo che lega Italia e Francia. Non è solo la comune identità romanza, l'amore per il vino, le belle donne, l'arte e la cultura. Si tratta di una dinamica politica molto simile, dove pare rinascere e riprendere vigore la teoria politica della maggiore possibilità di vittoria se si occupa lo spazio politico detto centro. Macron, da ieri sera il più giovane Presidente della Repubblica Francese, ne è un indizio.

  • Se credere di fare controinformazione porta a fare disinformazione

    Negli ultimi due anni a questa parte stiamo assistendo a un evoluzione imprevista dell'informazione e temi che dovrebbero essere a-politici stanno diventando delle carte tornasole della collocazione politica della redazione. Una di queste cartine tornasole è di certo il tema vaccini.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna


Dove ci porta l'UE

Memoria Collettiva

La voce di Bologna

  • Vaccini tra paure e realtà, la serata
    Scritto da

    L'iniziativa “Vaccini tra paure e realtà” promossa dall'associazione ‘Minerva Associazione di Divulgazione” e dal blog ‘Bufale un tanto al chilo’, si terrà sabato 21 Marzo alle ore 20.45 presso lasala sala consigliare Cenerini del quartiere Saragozza. Noi de ilbolognino.info segnaliamo ...

    Mercoledì, 18 Marzo 2015 15:31 in Bologna

Multimedia

  • Fuori Tempi 4x20 finale stagione

    Paolo Perini, in collaborazione con Ipn e ilbolognino.info, con questa ultima puntata salutano gli appassionati e gli ascoltatori cogliendo l’occasione per una breve analisi dei fatti politici più importanti che abbiamo seguito in questa Quarta stagione di Fuori Tempi, a cavallo tra la seconda parte del 2014 e il 2015.

    Ho scelto per voi di ricordare e di approfondire, come ...

Questo sito utilizza cookies e tecnologie simili, anche di terze parti. Proseguendo accetti l'utilizzo dei cookies nel tuo browser Voglio saperne di più