Il Bolognino

Lunedì, 30 Gennaio 2017 15:33

Quanta astronomia c'è nel vostro smartphone?

Scritto da  Scientificast
Quanta astronomia c'è nel vostro smartphone? N_Sakarin by Shutterstock

L’astronomia è la più antica delle scienze e da sempre ha un grande impatto sulla visione del mondo che ci circonda. Attraverso secoli di storia, gli esseri umani hanno rivolto gli occhi al cielo per navigare gli oceani, per decidere quando piantare le sementi ma soprattutto per cercare la risposta alle domande fondamentali, quali “da dove veniamo?”, “dove andiamo?” e  magari la risposta alla fine è davvero 42 se solo sapessimo formulare la giusta domanda…

 

Proprio la ricerca di risposte non banali a queste domande ha fatto sì che l’astronomia e i campi di ricerca a essa collegati siano sempre stati all’avanguardia, trainando l’innovazione in campo tecnologico. I titoloni – certo a volte un po’ troppo approssimativi – dei quotidiani ci ricordano, infatti, come l’astronomia si spinga sempre oltre i suoi limiti, stabilendo di continuo nuovi record: distanze sempre più lontane, oggetti sempre più massivi, temperature sempre più alte e non dimentichiamo le esplosioni più violente dell’Universo!

Per ottenere questi successi la ricerca astronomica dà costantemente il massimo per realizzare nuovi strumenti, processi e software che sono attualmente al di là delle nostre capacità. Questi progressi in ambito tecnologico possono poi essere “trasferiti” e usati in altri settori, come la medicina, l’industria, l’energia e incidere in maniera significativa sulla vita quotidiana. Le ricadute della ricerca astronomica sono numerose e approfondire in maniera esaustiva è un obiettivo un po’ troppo ambizioso per un solo articolo, per cui mi concentro su un caso particolare che racchiude molte sorprese ovvero lo smartphone.

Gli smartphone sono dei piccoli gioielli della tecnologia moderna , ma vi siete mai chiesti quanta astronomia c’è in uno smartphone? O meglio, quanta tecnologia di origine astronomica “toccate” con mano ogni volta che usate il vostro cellulare o smartphone?

Ecco quindi un elenco in quattro punti più uno delle innovazioni tecnologiche di origine “astronomica” che sono finite nei nostri cellulari:

  1. Il GPS. Probabilmente ad alcuni di voi sarà venuto in mente quando ho posto prima la domanda. Certamente, per il sistema di geolocalizzazione GPS bisogna ringraziare l’astronomia moderna, e non tanto perché il GPS funziona solo grazie alla teoria della relatività generale di Einstein, ma perché i satelliti del GPS hanno bisogno di utilizzare alcuni particolari oggetti celesti, come galassie distanti e quasar, per stabilire posizioni accurate. Questi oggetti celesti*, distribuiti su tutta la sfera celeste e le cui coordinate sono state misurate con estrema precisione con radio telescopi, sono stati scelti dalla IAU per definire quello che è noto come sistema internazionale di riferimento celeste e che viene utilizzato ogni qualvolta siano necessarie misure accurate di posizione sia in astronomia che per usi civili come il GPS appunto.
  2. L’antenna. I cellulari moderni sfruttano delle antenne che sono dei ricevitori radio a basso rumore, sviluppati in origine dagli astronomi.
  3. Le chiamate di emergenza. Avrete notato che anche se non è inserita una SIM il telefono vi permette di effettuare una chiamata di emergenza – notate bene che questo però non è possibile in tutti i paesi del mondo. Quando effettuate una chiamata di emergenza, è possibile per i soccorsi localizzare la vostra posizione in modo da potervi raggiungere più rapidamente: questo viene fatto analizzando i segnali ricevuti dai vari ripetitori delle rete cellulare con le stesse tecniche di interferometria radio sviluppate in origine per studiare gli oggetti celesti con radio telescopi come il Very Large Array.
  4. Il Wi-Fi. Anche in questo caso a far da padrone sono i radio astronomi. Nel 1977 John O’Sullivan trovò un metodo per usare una serie di equazioni matematiche note come trasformate di Fourier per mettere a fuoco le immagini ottenute da un telescopio. La sua tecnica venne poi estesa ai segnali radio in generale, in particolare a quelli che erano dedicati al potenziamento dei network di computer, e ora è parte integrale di tutte le implementazioni wireless local area network o WLAN, di cui il Wi-Fi costituisce una classe. Nel 2009 John O’Sullivan ha ricevuto per i suoi contributi allo sviluppo del Wi-Fi un prestigioso riconoscimento, l’Australian Prime Ministers Special Prize in Science for 2009. Per cui, ogni volta che usate il Wi-Fi per connettervi a internet e leggere Scientificast, che siate a casa, in ufficio o in aeroporto, ricordate per fare questo state utilizzando tecnologia brevettata nata dal lavoro di O’Sullivan e dei suoi colleghi. Sicuramente la storia del Wi-Fi è un esempio da manuale di come la ricerca in campo astronomico possa portare alla più pratica delle applicazioni con ricadute notevoli sulla vita quotidiana di ciascuno di noi. Tuttavia, è altresì importante sottolineare che l’applicazione tecnologica non è il motivo principale per il quale gli astronomi dedicano la loro vita alla ricerca, piuttosto si tratta di uno spin-off, e successi come il Wi-Fi sono una sorta di risultato inatteso.
  5. La fotocamera. L’ho lasciata per ultima, e vale come +1: i dispositivi mobili utilizzano la tecnologia CMOS che ha via via sostituito nelle fotocamere il CCD, tecnologia al cui sviluppo invece hanno partecipato attivamente gli astronomi. L’avvento del CCD segnò la nascita della fotografia digitale, compiendo una vera e propria rivoluzione nel campo e i cui “frutti” sono, in un certo senso, anche i moderni cellulari in grado di scattare fotografie.

Note:

* sono 212 sorgenti

Scritto da Sara Turriziani per Scientificast: http://www.scientificast.it/2017/01/12/quanta-astronomia-ce-nel-vostro-smartphone/


Bibliografia e letture consigliate:

https://www.nrao.edu/news/Technology_doc_final.pdf

http://astro.cornell.edu/academics/courses/astro3310/Books/Howell_ASP_V23.pdf

 

Letto 2202 volte Ultima modifica il Lunedì, 30 Gennaio 2017 15:38

Potrebbe interessarti anche:

  • Tra bufale e clickbaiting, le insidie dell'informazione web

    Viviamo nell'epoca della comunicazione. Per quel che riguarda le tematiche dell'attualità, della politica e della scienza. assistiamo con sconsolante e crescente capacità di penetrazione tra sempre più ampie fasce di popolazione a ciò che negli ultimi anni si sono definite come "bufale", cioè delle informazioni errate, fraudolente o palesemente inventate.

  • E' più facile trovare un alieno o l'anima gemella?

    “Cavolo ma è possibile che non riesco a trovare una ragazza? Oramai è diventato più facile trovare un alieno!”  Quanti di noi hanno detto o si sono sentiti dire questa frase davanti a un bicchiere di birra in una serata non particolarmente euforica?

  • Il buco dell'ozono si sta richiudendo?

Commenti   

 
health tips
0 #28 health tips 2019-08-05 18:10
I will immediately take hold of your rss as I can not to
find your email subscription hyperlink or newsletter service.
Do you've any? Please let me know so that I may just subscribe.

Thanks.
Citazione | Segnala all'amministratore
 
 
kent glo
0 #27 kent glo 2019-07-29 08:30
That is really interesting, You are a very skilled blogger.
I've joined your feed and sit up for seeking more of your fantastic post.
Also, I have shared your web site in my social networks
Citazione | Segnala all'amministratore
 
 
One Plus
0 #26 One Plus 2019-07-27 20:52
Hi there! This is kind of off topic but I need some help from an established
blog. Is it hard to set up your own blog? I'm not very techincal
but I can figure things out pretty quick. I'm thinking about making my own but I'm not sure
where to start. Do you have any points or suggestions?

Many thanks
Citazione | Segnala all'amministratore
 
 
Fanny
0 #25 Fanny 2019-07-26 21:10
Simply want to say your article is as amazing. The
clarity in your post is just nice and i can assume you are an expert on this subject.
Well with your permission let me to grab your feed to keep updated with forthcoming post.
Thanks a million and please keep up the gratifying work.
Citazione | Segnala all'amministratore
 
 
kent glo
0 #24 kent glo 2019-07-24 23:15
I for all time emailed this website post page to all my
friends, because if like to read it afterward my
friends will too.
Citazione | Segnala all'amministratore
 
 
Uwe
0 #23 Uwe 2019-07-15 13:37
Hello, I check your new stuff on a regular basis.
Your writing style is witty, keep doing what you're doing!
Citazione | Segnala all'amministratore
 
 
Gidget
0 #22 Gidget 2019-01-16 03:53
I visited various web sites however the audio quality for audio songs existing at this web page is really wonderful.
Citazione | Segnala all'amministratore
 
 
Tami
0 #21 Tami 2019-01-13 07:08
Hello it's me, I am also visiting this web page regularly, this site
is really good and the users are in fact sharing nice thoughts.
Citazione | Segnala all'amministratore
 
 
Cara
0 #20 Cara 2019-01-13 05:07
Quality articles or reviews is the main to be a focus for
the users to go to see the web page, that's what this
web site is providing.
Citazione | Segnala all'amministratore
 
 
Berenice
0 #19 Berenice 2019-01-12 20:32
Highly energetic blog, I enjoyed that a lot. Will there be a part 2?
Citazione | Segnala all'amministratore
 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna


Dove ci porta l'UE

Memoria Collettiva

La voce di Bologna

  • Vaccini tra paure e realtà, la serata
    Scritto da

    L'iniziativa “Vaccini tra paure e realtà” promossa dall'associazione ‘Minerva Associazione di Divulgazione” e dal blog ‘Bufale un tanto al chilo’, si terrà sabato 21 Marzo alle ore 20.45 presso lasala sala consigliare Cenerini del quartiere Saragozza. Noi de ilbolognino.info segnaliamo ...

    Mercoledì, 18 Marzo 2015 15:31 in Bologna

Multimedia

  • Fuori Tempi 4x20 finale stagione

    Paolo Perini, in collaborazione con Ipn e ilbolognino.info, con questa ultima puntata salutano gli appassionati e gli ascoltatori cogliendo l’occasione per una breve analisi dei fatti politici più importanti che abbiamo seguito in questa Quarta stagione di Fuori Tempi, a cavallo tra la seconda parte del 2014 e il 2015.

    Ho scelto per voi di ricordare e di approfondire, come ...

Questo sito utilizza cookies e tecnologie simili, anche di terze parti. Proseguendo accetti l'utilizzo dei cookies nel tuo browser Voglio saperne di più