Il Bolognino

Mercoledì, 05 Dicembre 2012 12:37

Il processo di Palermo è più importante della scontata sentenza della Corte costituzionale

Scritto da 
Paolo Perini e Riccardo Lenzi tengono lo scriscione esposto il 29 ottobre 2012 a Bologna (piazza Tribunali) durante il sit-in promosso dalle Agende Rosse in tutta Italia. Paolo Perini e Riccardo Lenzi tengono lo scriscione esposto il 29 ottobre 2012 a Bologna (piazza Tribunali) durante il sit-in promosso dalle Agende Rosse in tutta Italia.

Premesso che rispettare una sentenza non significa necessariamente rispettare gli individui che l'hanno pronunciata, mi pare sciocco compiacersi o scandalizzarsi, oggi, per la sentenza della Corte costituzionale sul conflitto d'attribuzione tra Quirinale e Procura di Palermo.

 

L'esito era scontato. Gustavo Zagrebelsky (che non è certo accusabile di giustizialismo) lo aveva annunciato il 17 agosto su Repubblica: «Nel momento stesso in cui il ricorso è stato proposto, è stato anche già vinto. Non è una contesa ad armi pari, ma, di fatto, la richiesta d'una alleanza in vista d'una sentenza schiacciante»


Speriamo che ora il processo possa proseguire nonostante altri, prevedibili, tentativi di sabotaggio. Perché, come ha detto il procuratore nazionale antimafia Piero Grasso: «la verità va cercata, anche a costo di avere un'immagine negativa in Italia e nel mondo. Dobbiamo conoscere la verità e lottare per averla. Non solo la mafia aveva interesse a eliminare Giovanni Falcone. Lui voleva tagliare le relazioni tra la mafia e gli altri poteri. E su questo le indagini sono ancora attuali»

Lo stesso Presidente della Repubblica lo ha più volte ribadito:

«Meritano il massimo sostegno le indagini tuttora in corso su aspetti ancora oscuri del contesto in cui si svolsero i fatti devastanti di quel drammatico periodo»

 

Insomma, ora ciò che conta è non perdere di vista l'oggetto del processo in corso a Palermo: la ricerca della verità (e delle responsabilità) sulle origini criminose della "Seconda Repubblica". Perché, come dice Salvatore Sechi, consulente della commissione parlamentare antimafia, «di sicuro c’è stata più di una trattativa fra Cosa Nostra e lo Stato»

 

Pretendere verità e giustizia sulle stragi del 1992/93 - e su tutte le altre stragi che, dal 1947 in poi, hanno segnato il cammino della nostra debolissima democrazia - era e rimane un dovere imprescindibile di ogni cittadino/a consapevole e responsabile. A prescindere dallo spread. Un dovere pari a quello di contrastare le mafie presenti (e ormai radicate) in Emilia-Romagna, in Lombardia e in tutto il nord Italia.

 

Buon impegno a tutti/e.

 

Letto 3152 volte

Potrebbe interessarti anche:

  • Nessuna Immacolata in uno Stato Laico

    L'Immacolata concezione è una delle tante fake news (balle) delle religioni e una delle più ingiuste feste cristiane, a mio modo di vedere. Infatti in quanto mammiferi non possiamo concepire senza prima avere fatto sesso: siamo animali e gli animali si riproducono così. Non siamo piante che si riproducono anche per talea (e non solo).

  • Stupro: se l'informazione segue la facile indignazione

    E' di questi giorni la notizia che la Corte Costituzionale avrebbe, in una sua sentenza, riconosciuto che se la vittima di uno stupro si è precedentemente ubriacata, allora lo stupro è senza aggravante. La notizia ha ovviamente destato grande indignazione sul web. Per fortuna però, la notizia ha distorto il contenuto della sentenza. Purtroppo la notizia distorta è stata ripresa indistintamente da molte testate nazionali, anche di comprovata serietà. Ma vediamo di cosa si tratta effettivamente.

  • Non facciamo che siano solo i trumpisti ad avere soluzioni

    Per frenare l'avanzata dei sovranisti alla Trump, la gogna mediatica e la protesta di piazza (le marce Usa, che sono già iniziate) serviranno a poco, o li rafforzeranno. Per frenare l'avanzata inarrestabile dei sovranisti, di Trump, di Salvini – Meloni – Grillo, di Le Pen e di altri, servono risposte politiche da parte dei loro oppositori, che definiremo per semplicità progressisti-internazionalisti. Risposte che ad oggi non ci sono.

Commenti   

 
judi online terperca
0 #1 judi online terperca 2014-11-07 08:53
As I Site Possessor I Believe The Content Material Here Is Rattling Great , Appreciate It For Your Hard Work. You Should Keep It Up Forever! Good Luck.
Citazione | Segnala all'amministratore
 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna


Dove ci porta l'UE

Memoria Collettiva

La voce di Bologna

  • Vaccini tra paure e realtà, la serata
    Scritto da

    L'iniziativa “Vaccini tra paure e realtà” promossa dall'associazione ‘Minerva Associazione di Divulgazione” e dal blog ‘Bufale un tanto al chilo’, si terrà sabato 21 Marzo alle ore 20.45 presso lasala sala consigliare Cenerini del quartiere Saragozza. Noi de ilbolognino.info segnaliamo ...

    Mercoledì, 18 Marzo 2015 15:31 in Bologna

Multimedia

  • Fuori Tempi 4x20 finale stagione

    Paolo Perini, in collaborazione con Ipn e ilbolognino.info, con questa ultima puntata salutano gli appassionati e gli ascoltatori cogliendo l’occasione per una breve analisi dei fatti politici più importanti che abbiamo seguito in questa Quarta stagione di Fuori Tempi, a cavallo tra la seconda parte del 2014 e il 2015.

    Ho scelto per voi di ricordare e di approfondire, come ...

Questo sito utilizza cookies e tecnologie simili, anche di terze parti. Proseguendo accetti l'utilizzo dei cookies nel tuo browser Voglio saperne di più