Il Bolognino

Lunedì, 05 Agosto 2013 10:53

Perché nelle scuole italiane non si fa scienza

Scritto da  Scientificast

I ragazzi italiani soffrono di allergia alle materie scientifiche? A giudicare dai deprimenti esiti delle prove PISA sembrerebbe proprio di sì. Ma non c’è bisogno di tirare in ballo il discusso strumento di analisi dell’OCSE, sulla cui capacità di leggere la realtà, lo confesso, anch’io nutro qualche dubbio. Le difficoltà degli studenti nel rapportarsi con l’universo delle scienze sono sotto gli occhi di tutti i docenti, che vedono di anno in anno crescere il numero dei debiti formativi nelle relative materie. Lo scotto si paga quando è il momento di sostenere i test per l’ammissione alle facoltà scientifiche: pubblicati gli esiti, si scopre che anche studenti con ottimi voti sono stati respinti per via delle diffuse lacune in matematica, fisica, scienze.

 

Le questioni di scuola, peraltro, non sono mai neutre. Bisognerebbe ricordarsi del fatto che l’abbandono del settore scientifico è direttamente collegato con l’abbassamento del PIL. La tecnologia, il più importante dei “figli” della scienza, è tra le principali fonti di benessere per la società. Ma sfornare diplomati semi-analfabeti sul piano scientifico vuol anche dire dar vita a una classe politica impreparata, che non è in grado di prendere decisioni razionali in settori vitali come la sanità e la politica ambientale. Vicende come l’affaire Stamina-Vannoni o le polemiche contro l’uso degli OGM sono  paradigmatiche da questo punto di vista. In questi come in altri casi consimili, esponenti politici anche illustri hanno contribuito a orientare il dibattito facendo vera e propria disinformazione. E il discorso vale anche per i media, perché i giornalisti si sono formati nelle medesime scuole.

Ma che cos’è che non va nell’insegnamento all’italiana delle discipline scientifiche? La risposta è semplice, oserei dire scontata. Perché sia efficace, l’insegnamento di una disciplina deve rispettarne lo statuto epistemologico, ovvero l’oggetto e il caratteristico modo di costruire la conoscenza. Un esempio renderà il discorso più concreto. Temporibus illis la letteratura si insegnava riempiendo le teste dei malcapitati ragazzi di notizie biografiche sugli autori e di osservazioni sulla poetica. Poi ci si rese conto che la letteratura è fondamentalmente lo studio dei testi letterari e che, naturalmente, perché fosse efficace, si doveva partire da questi e arrivare in seguito a ricavare il dato teorico. Per analogia, che senso ha prendere una disciplina che nasce sperimentale, come la chimica, e trasformarla nell’arte di bilanciare reazioni tra composti scritti alla lavagna, senza che di questi si conosca l’aspetto, l’odore, la consistenza? Per uno studente non è più facile trovare la motivazione a imparare a bilanciare le reazioni redox dopo aver predisposto e osservato in azione una pila Daniell? Un discorso analogo può essere fatto per la fisica e la biologia: le discipline che procedono dall’osservazione della realtà, dalla raccolta di dati e dall’elaborazione della relativa teoria non possono essere trasformate nell’arte di mandare a memoria. Ne va della motivazione, che nell’apprendimento è tutto.


Allo stesso modo, la matematica, ridotta a mero esercizio di calcolo, patisce il suo scollamento dalla logica e dalle discipline sperimentali delle quali è il sostegno.

Ma restituire il loro status epistemologico alle discipline di studio serve davvero? Per convincersene basta osservare gli eccellenti risultati che registrano iniziative nei quali tale principio è rispettato. Nel liceo scientifico dove insegnavo qualche anno addietro, gli studenti vennero coinvolti in un progetto caratterizzato da un approccio fortemente sperimentale: gli esiti si rivelarono eccellenti anche sul piano delle competenze teoriche.

L’obiezione che più spesso viene messa in campo, riguardo a ciò, è la mancanza di fondi e strutture di cui soffre la scuola italiana. Il problema è senza dubbio esistente e la miope politica dei tagli alla formazione ne è la “causa prima”. Ma l’Italia è anche il paese dove i fondi a disposizione (quelli europei, ad esempio) non vengono sfruttati o vengono sprecati. O dove si lasciano marcire, per incuria o inutilizzo, i laboratori di cui molte scuole sono dotate. Riflettiamo, dunque, sulle nostre responsabilità e cerchiamo di restituire la scienza ai nostri ragazzi.

 

di Anna Rita Longo

Letto 4104 volte Ultima modifica il Lunedì, 05 Agosto 2013 11:02

Potrebbe interessarti anche:

  • Silvia Romano: non è odio ma odio di classe

    Le reazioni scomposte, esagerate, reazionarie, sguaiate, offensive, retrograde alla visione del ritorno in Patria della cooperante Silvia Romano in abito musulmano non si spiegano secondo un interpretazione superficiale - razzismo e misoginia - fatta propria dalle persone di sinistra. Non è tanto per Silvia che abbiamo gioito o sbavato rabbia, ma per ciò che Silvia rappresenta.

     

  • 25 Aprile Oltre il ponte

    Oggi festeggiamo la liberazione dal nazifascismo con la bellissima poesia di Italo Calvino e Sergio Liberovici, messa in musica dalla MCR. Tutti i diritti sono riservati. (il Bolognino è copyleft)

  • Sanità privata Lombarda e Bologna, il gruppo San Donato

    La Lombardia come sappiamo è la Regione d'Italia e d'Europa che peggio sta subendo l'offensiva di covid-19, da molti osservatori si fa strada anche l'osservazione che la sanità lombarda sia stata ampiamente privatizzata negli scorsi decenni e l'efficienza ed efficacia del sistema sanitario lombardo è sotto gli occhi di tutto il mondo. Una correlazione non è una causalità, ma ci teniamo a mettere i puntini sulle i con il buon lavoro di Riccardo Lenzi, che ci ricorda chi controlla il maggiore gruppo italiano della sanità privata, il gruppo San Donato che annovera ben 17 ospedali inn Lombardia.

Commenti   

 
Aundrea
0 #1 Aundrea 2017-04-02 16:45
If some one desires expert view regarding running a blog
afterward i advise him/her to pay a quick visit this weblog,
Keep up the good work.
Citazione | Segnala all'amministratore
 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna


Dove ci porta l'UE

  • Esclusi Eurobond sì a MES e Sure
    Scritto da Marco Zuccaro

    Esclusi in modo categorico gli Eurobond e ogni forma di mutualizzazione del debito (come ampiamente previsto), escluso ogni tipo di intervento a fondo perduto. No, il Recovery Fund non sarà composto da sovvenzioni a fondo perduto, altrimenti sarebbe stato approvato oggi stesso.

    Venerdì, 24 Aprile 2020 07:15 in Dove ci porta l'UE

Memoria Collettiva

La voce di Bologna

  • Vaccini tra paure e realtà, la serata
    Scritto da

    L'iniziativa “Vaccini tra paure e realtà” promossa dall'associazione ‘Minerva Associazione di Divulgazione” e dal blog ‘Bufale un tanto al chilo’, si terrà sabato 21 Marzo alle ore 20.45 presso lasala sala consigliare Cenerini del quartiere Saragozza. Noi de ilbolognino.info segnaliamo ...

    Mercoledì, 18 Marzo 2015 15:31 in Bologna

Multimedia

  • Fuori Tempi 4x20 finale stagione

    Paolo Perini, in collaborazione con Ipn e ilbolognino.info, con questa ultima puntata salutano gli appassionati e gli ascoltatori cogliendo l’occasione per una breve analisi dei fatti politici più importanti che abbiamo seguito in questa Quarta stagione di Fuori Tempi, a cavallo tra la seconda parte del 2014 e il 2015.

    Ho scelto per voi di ricordare e di approfondire, come ...

Questo sito utilizza cookies e tecnologie simili, anche di terze parti. Proseguendo accetti l'utilizzo dei cookies nel tuo browser Voglio saperne di più