Il Bolognino

Giovedì, 01 Marzo 2012 00:00

Crisi del Manifesto, crisi dell'editoria

Scritto da 
Magri, Rossanda, Pintor, fondatori de Il Manifesto Magri, Rossanda, Pintor, fondatori de Il Manifesto

La crisi de Il Manifesto è sia endogena alla struttura stessa del giornale comunista e legata alla crisi profonda della sinistra italiana, sia esogena ad esso, più ampia e riguarda tutto il mondo dell'editoria italiana. Il Manifesto è nato prima come esperienza politica di critica interna al comunismo italiano e al Partito Comunista italiano di Lucio Magri e Rossana Rossanda e altri, poi è diventato un quotidiano di critica radicale al capitalismo e al consumismo. I problemi interni al quotidiano stesso, sviscerati a Bologna, il 25 febbraio scorso in occasione della nazionale dei circoli de Il Manifesto sono principalmente di ordine economico, ma non solo. Il Manifesto è in rosso, ma non stavolta non parliamo di politica...

 

La crisi de Il Manifesto è sia endogena alla struttura stessa del giornale comunista e legata alla crisi profonda della sinistra italiana, sia esogena ad esso, più ampia e riguarda tutto il mondo dell'editoria italiana. Il Manifesto è nato prima come esperienza politica di critica interna al comunismo italiano e al Partito Comunista italiano di Lucio Magri e Rossana Rossanda e altri, poi è diventato un quotidiano di critica radicale al capitalismo e al consumismo. I problemi interni al quotidiano stesso, sviscerati a Bologna, il 25 febbraio scorso in occasione della nazionale dei circoli de Il Manifesto sono principalmente di ordine economico, ma non solo. Il Manifesto è in rosso, ma non stavolta non parliamo di politica. Il giornale ad oggi perde 5000 euro al giorno, infatti vengono stampate 40 mila copie ma vendute solo 17 mila copie al giorno a livello nazionale. Per tornare in pari, dovrebbe venderne almeno 25 mila. L'occupazione è in continuo calo, oggi sono in 70 di cui 46 in redazione. Altri 24 dipendenti sono in cassa. Solo questi tre dati però spiegano a chi è del mestiere che la gestione non è oculata. La soluzione non può essere però il sostegno pubblico all'editoria, anche perché anche contando il milione di euro di finanziamento che ora non c'è più, il giornale era comunque in crisi grazie ai debiti pregressi. Attualmente la gestione straordinaria dovrà cercare una soluzione. Ma lo smarrimento dello storico giornale riguarda anche la posizione politica ed editoriale. Il problema però non è il mancato sostegno pubblico all'editoria. Molte sono le testate in crisi. Dietro alla crisi dell'editoria ci sono appunto anche dinamiche esogene al giornale stesso, che riguardano l'intero comparto dell'editoria: Le cause esogene sono sia di natura economica che politica. Tra quelle di natura politica è lampante la mancanza di una seria legge sul conflitto d'interessi e sulla pubblicità in Italia. I quotidiani più schierati col potere sono pieni di pubblicità, quindi hanno più introiti a parità di lettori e non falliscono. Tra le cause esogene di carattere economico c'è anche però il progressivo esaurimento dell'esperienza secolare del quotidiano cartaceo, che è di per se nella fase finale del suo percorso storico. Il giornale cartaceo in generale conosce una crisi senza precedenti che anno dopo anno si acutizza sempre di più, d'altronde oggi ci si informa sempre di più in tempo reale con internet, e il nuovo giornale sono i siti dei quotidiani e i mezzi sono gli schermi dei pc, dei tablet e degli smartphone. E' il progresso e non si può fermare, ci si deve adattare, pena estinzione come i dinosauri.

Letto 1954 volte Ultima modifica il Venerdì, 16 Marzo 2012 01:10

Potrebbe interessarti anche:

  • Se credere di fare controinformazione porta a fare disinformazione

    Negli ultimi due anni a questa parte stiamo assistendo a un evoluzione imprevista dell'informazione e temi che dovrebbero essere a-politici stanno diventando delle carte tornasole della collocazione politica della redazione. Una di queste cartine tornasole è di certo il tema vaccini.

  • Tra bufale e clickbaiting, le insidie dell'informazione web

    Viviamo nell'epoca della comunicazione. Per quel che riguarda le tematiche dell'attualità, della politica e della scienza. assistiamo con sconsolante e crescente capacità di penetrazione tra sempre più ampie fasce di popolazione a ciò che negli ultimi anni si sono definite come "bufale", cioè delle informazioni errate, fraudolente o palesemente inventate.

  • Fantagiornalismo e Democrazia

    L’informazione in Italia non è mai stata messa così male dalla nascita della Repubblica ad oggi. Non sto parlando solo della carta stampata e neanche del sistema radio televisivo. Su carta o sul digitale terrestre la situazione da grave si sta avvicinando al limite del disastro, in termini sia economici ma soprattutto di qualità e libertà dell’informazione. Anche in rete la qualità e i ritorni economici sono risibili.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna


Dove ci porta l'UE

  • Esclusi Eurobond sì a MES e Sure
    Scritto da Marco Zuccaro

    Esclusi in modo categorico gli Eurobond e ogni forma di mutualizzazione del debito (come ampiamente previsto), escluso ogni tipo di intervento a fondo perduto. No, il Recovery Fund non sarà composto da sovvenzioni a fondo perduto, altrimenti sarebbe stato approvato oggi stesso.

    Venerdì, 24 Aprile 2020 07:15 in Dove ci porta l'UE

Memoria Collettiva

La voce di Bologna

  • Vaccini tra paure e realtà, la serata
    Scritto da

    L'iniziativa “Vaccini tra paure e realtà” promossa dall'associazione ‘Minerva Associazione di Divulgazione” e dal blog ‘Bufale un tanto al chilo’, si terrà sabato 21 Marzo alle ore 20.45 presso lasala sala consigliare Cenerini del quartiere Saragozza. Noi de ilbolognino.info segnaliamo ...

    Mercoledì, 18 Marzo 2015 15:31 in Bologna

Multimedia

  • Fuori Tempi 4x20 finale stagione

    Paolo Perini, in collaborazione con Ipn e ilbolognino.info, con questa ultima puntata salutano gli appassionati e gli ascoltatori cogliendo l’occasione per una breve analisi dei fatti politici più importanti che abbiamo seguito in questa Quarta stagione di Fuori Tempi, a cavallo tra la seconda parte del 2014 e il 2015.

    Ho scelto per voi di ricordare e di approfondire, come ...

Questo sito utilizza cookies e tecnologie simili, anche di terze parti. Proseguendo accetti l'utilizzo dei cookies nel tuo browser Voglio saperne di più