Il Bolognino

Giovedì, 15 Gennaio 2015 14:38

Leo Ortolani: io non sono il Corriere della Sera

Scritto da  Leo Ortolani
Leo Ortolani: io non sono il Corriere della Sera crediti Leo Ortolani

Sai cosa ho fatto di recente? Ho scoperto che IL CORRIERE DELLA SERA ha preso le vignette che tanti autori italiani hanno pubblicato per solidarietà ai colleghi francesi e ci si è fatto un bel libretto da vendere a euro 4,90. E quando dico che le ha prese, intendo dire che le ha prese senza chiedere niente a nessuno.


Tipo che avete un motorino, vi girate, non c'è più. Ve lo ha preso il Corriere della Sera per farci un giro. A scopo di beneficenza, eh? Il motorino è sempre vostro.
Ora. Io sarò anche un povero geologo che fatica a stare al mondo, ma qui si comincia a perdere il senso delle cose.
Chiedimelo. Magari ti dico di sì. Luca Bertuzzi di WOW, lo Spazio Fumetto di Milano me lo ha chiesto, se poteva usarla per esporla, gli ho detto di sì. Lo vedi, come è semplice, quando si è tra persone educate?
Ma tu, Corriere della Sera sei venuto qui, hai preso una foto (UNA FOTO!!) di un disegno che ho messo in rete fotografandolo con il cellulare, perchè non ho lo scanner attaccato al sedere e a volte si fanno dei disegni sulla spinta emotiva, come quello, e si pubblicano in qualche modo, per fare sapere che quello che è successo ti ha colpito e molto, e tu, dicevo, Corriere dei Piccoli, vieni qui e te la prendi. Una foto. E te la stampi. A bassa risoluzione, ovvio.
Che oltretutto non è che mi fai un favore, pubblicando una foto di un mio disegno, a bassa risoluzione. Nemmeno la decenza del controllo artistico.
Nemmeno quella. Che Luca Bertuzzi mi ha chiesto la cortesia di un file ad alta risoluzione. E gliel'ho mandato.

Ora, corriere dell sera, ti insegno come fossi mia figlia, che però lei ha otto anni, è nata nel 2006, può succedere, tu invece sei nato nel 1876, dice wikipedia, non si capisce cosa tu abbia imparato in tutto questo tempo. Facciamo così. Ora, uno dei tuoi redattori, magari lo stesso che si è premurato di venire a prendere le cose senza chiedermele, viene qui e si scusa. Davanti a tutti.
Mica che scrivi che "sei a disposizione degli aventi diritti". Eh, grazie al ciuffo. Mi prendi il motorino e ora dici che me lo devo pure venire a riprendere a casa tua. Adesso, tipo della sera, vieni qui e ti scusi per quello che hai fatto. Tranquillo, nessuno ti sparerà. Non hai mica fatto satira.

Ci va giù ancora più duro Roberto Recchioni, caporedattore di Sergio Bonelli editore e illustratore, che spiega la vicenda lasciando a Facebook la propria indignazione:

"Oggi sono diventato un autore pubblicato da Rizzoli-Lizard visto che il volume di vignette rubate edito da Corriere arriva anche in libreria di varia sotto questo marchio. Mai voluto pubblicare per Rizzoli-Lizard. Mai voluto essere presente in un instant book. Mai voluto partecipare a un libro benefico i cui confini benefici sono piuttosto oscuri. Questa storia mi fa SCHIFO".

Recchoni, poi aggiorna nuovamente il proprio status affermando che solo nella tarda mattinata di giovedì 15 gennaio, a libretto già pubblicato, il Corriere ha mandato alcune richieste di pubblicazione ad alcuni autori, ma non a lui.

Letto 1289 volte Ultima modifica il Giovedì, 15 Gennaio 2015 15:17

Potrebbe interessarti anche:

  • Vincino e la Pietas Post Mortem

    Il piagnisteo sulla morte di Vincino emblema del disagio dei vecchi sessantottini come lui. Non è che se uno è famoso, debba per forza essere un esempio.

  • Manuale di conversazione in caso di Catastrofe Naturale
    Nessuna vittima delle catastrofi naturali, si sa, è preziosa quanto il galateo. In quest’epoca di social vediamo purtroppo moltissime persone reagire a uno tsunami o a un terremoto senza la minima idea del bon ton e delle più elementari regole del buon conversare su Facebook. A questo proposito vi sottopongo tempestivamente un utile vademecum, sì da poter agilmente sopravvivere alle peggiori scosse o alle più cocenti eruzioni vulcaniche senza mai far cadere il vostro stile. Certo dell’attenzione, attendo i vostri contributi.

  • Il conflitto d'interessi si allarga nell'indifferenza generale

    Se da un lato una parte dell'opinione pubblica critica e avversa il governo Renzi per via dell'accordo sulle riforme siglato con Berlusconi, poco o nulla si fa per il suo grande conflitto d'interessi, problema economico e politico di prima importanza, tanto pervasivo da non essere neanche più percepito. E così mentre il governo procede con le sue riforme, Berlusconi cerca di avvantaggiarsi acquistando le imprese concorrenti, nel silezio generale.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna


Dove ci porta l'UE

Memoria Collettiva

La voce di Bologna

  • Vaccini tra paure e realtà, la serata
    Scritto da

    L'iniziativa “Vaccini tra paure e realtà” promossa dall'associazione ‘Minerva Associazione di Divulgazione” e dal blog ‘Bufale un tanto al chilo’, si terrà sabato 21 Marzo alle ore 20.45 presso lasala sala consigliare Cenerini del quartiere Saragozza. Noi de ilbolognino.info segnaliamo ...

    Mercoledì, 18 Marzo 2015 15:31 in Bologna

Multimedia

  • Fuori Tempi 4x20 finale stagione

    Paolo Perini, in collaborazione con Ipn e ilbolognino.info, con questa ultima puntata salutano gli appassionati e gli ascoltatori cogliendo l’occasione per una breve analisi dei fatti politici più importanti che abbiamo seguito in questa Quarta stagione di Fuori Tempi, a cavallo tra la seconda parte del 2014 e il 2015.

    Ho scelto per voi di ricordare e di approfondire, come ...

Questo sito utilizza cookies e tecnologie simili, anche di terze parti. Proseguendo accetti l'utilizzo dei cookies nel tuo browser Voglio saperne di più