Il Bolognino

Lunedì, 08 Maggio 2017 09:56

La lontananza tra working class e riformisti in Francia e Italia

Scritto da 
Macron - Renzi Macron - Renzi

C'è un filo che lega Italia e Francia. Non è solo la comune identità romanza, l'amore per il vino, le belle donne, l'arte e la cultura. Si tratta di una dinamica politica molto simile, dove pare rinascere e riprendere vigore la teoria politica della maggiore possibilità di vittoria se si occupa lo spazio politico detto centro. Macron, da ieri sera il più giovane Presidente della Repubblica Francese, ne è un indizio.

 

Dopo poco meno di un lustro nel quale la teoria politica detta Paradosso dei due gelatai sembrava essere stata messa definitivamente in crisi da un nuovo modello, quello della radicalizzazione degli elettorati, con Macron in Francia, abbiamo avuto un ritorno al Paradosso dei due gelatai, che descrive come si hanno maggiori possibilità di vittoria se il candidato occupa uno spazio politico non estremo, in grado di attirare sia i radicali che i moderati.

La tendenza alla polarizzazione verso le estreme degli elettorati appariva come cosa assodata, soprattutto dalle primarie del Labour in GB che hanno incoronato il radicale Corbin e poi fatto vincere i conservatori sulla Brexit, parallelamente sembrava assodato in Europa dell'est con il trionfo Orban, l'estrema destra al potere in Ucraina, la chiusura delle frontiere e i muri e sopratutto con l'avvento di Donald Trump negli Usa. 

 

Con Macron invece, Il Paradosso dei due gelatai e della vittoria al centro appare restaurato. Il Paradosso tuttavia, è un derivato del modello di Hotelling, sviluppato per un sistema politico marcatamente bipolare e di stampo anglosassone, dove cioè lo spazio politico non è sinistra contro destra ma progressismo contro conservatorismo. Il caso Macron è diverso, in Francia non esiste e non è mai esistito un compiuto bipolarismo, seppure lo spazio politico sia sempre stato diviso in sinistra destra - proprio Macron - ha rotto, come prima di lui ha fatto Matteo Renzi in Italia, la consolidata cultura politica locale, fatta di una polarizzazione almeno ideale tra sinistra e destra. In Italia e in Francia è sempre esistito anche un centro - seppure nella cosiddetta Prima Repubblica - si sia assistito più che altro a una dinamica politica e partitica viziata dalla situazione internazionale della Guerra Fredda che in certo qual modo ha sempre spinto i moderati, anche di sinistra, a votare per il partito di centro (la Dc e i suoi piccoli alleati), ma che dal punto di vista della dottrina politica era un partito sostanzialmente conservatore.



Macron, e Renzi prima di lui, "nascono" politicamente, all'interno di partiti di sinistra, o come li definiamo in Italia partiti di centro sinistra, il PSf e il PD, entrambi parte del Partito Socialista e Riformista Europeo, ma la loro storia politica, i loro ideali e il loro modello ideale, pare più improntato alla Terza Via di Blair e Clinton piuttosto che al socialismo di tipo europeo continentale. Macron ha avuto l'onore e il coraggio - e la possibilità anche economica ( è milionario) - di uscire nel 2009 dal PSf ormai alla deriva per poi fondare il suo movimento En Marche, col quale ha fatto la campagna elettorale presidenziale e vinto, anche grazie al sistema istituzionale che al secondo turno catalizza il voto sul candidato Presidente più moderato.


Renzi, non è mai uscito dal PD, anche se la vecchia nomenclatura ha fatto di tutto per farlo fuori politicamente. La Ditta Bersanian- Dalemiana, stanca ormai della forza politica, non solo mediatica, ma anche elettorale e di popolo di Renzi, ha deciso, non più tardi di tre mesi fa la scissione dopo ben due anni di guerra civile interna al PD (che ha fiaccato il partito tutto). Una scissione burocratica, sofferta e che non ha portato con sé tutto il proprio popolo, che anzi, in massima parte è rimasto a fare battaglia a Renzi all'interno del PD e alle primarie ha sostenuto in massima parte Orlando. Nonostante la battaglia, tuttavia, Renzi ha stravinto il Congresso, sopratutto grazie alle primarie aperte, a quel bacino di elettori di centro-sinistra non iscritti che con un bagno di voto popolare ne hanno ricostruito la forza, persa, anche per causa sua, col referendum del 4 dicembre scorso.



Macron e Renzi si assomigliano e molto, dal punto di vista anagrafico e politico. Macron però ha un profilo più istituzionale di Matteo Renzi, che invece ha sempre fatto della disintermediazione tra lui e "il popolo" il suo tratto più caratteristico, nonché probabilmente il tratto del suo carattere che più è andato di traverso alla sinistra PD, che lo ritiene un populista. Macron e Renzi sono il trionfo del Paradosso dei gelatai, e hanno ottenuto buona parte dei loro consensi annacquando l'elettorato storico di sinistra con un elettorato moderato, delle professioni, mediamente colto e cittadino. Macron e Renzi non sono ben descritti dall'orizzonte sinistra - destra. Proprio come non lo sono i loro oppositori principali, Marine Le Pen in Francia e M5S in Italia.

La "Clevages" o frattura sociale che descrive al meglio Macron- Renzi è l'orizzonte nuovo che vede da una parte l'apertura, la globalizzazione, l'europeismo e dall'altra la chiusura, la paura, il nazionalismo (o nel caso del M5S i dazi e la critica velata al libero mercato). 

Macron e Renzi, ottengono buona parte dei loro consensi dall'elettorato maturo e dai giovanissimi.


Invece, come le attendibili stime di Ipsos France e Soprasteria hanno evidenziato per il voto francese di ieri, e proprio come è stato evidenziato dai dati Ipsos PA per il Corriere della Sera in Italia col referendum costituzionale prima e con le primarie PD poi, i due hanno un problema con la fascia d'età più produttiva, quella 30 - 50.

 

Sono proprio i giovani adulti, con un educazione medio bassa, di solito di sesso maschile e che abitano in piccole città o paesi, ad essere la fascia di popolazione che è relativamente più distante dal modello descritto dal Paradosso dei gelatai e dall'offerta politica di Macron in Francia e Renzi in Italia.
In altre parole, è la fascia 30 - 50 dove in Italia trionfa il M5S, e in Francia ha avuto comunque un discreto risultato la Le Pen. Forse è molto più che un caso. Seppure dal punto di vista metodologico un elezione primaria di un partito e un elezione generale per la presidenza non siano tra esse direttamente confrontabili per ovvie ragioni, i dati danno comunque un riscontro sulla nostra tesi, la fascia 30- 50 è la fascia di popolazione, sia in Francia che in Italia, dove meno hanno presa Macron e Renzi.


La fascia 30 - 50, maschile, non troppo acculturata e che non vive nelle grandi città è quella che finora ha perso di più nei confronti della globalizzazione, che l'ha subita, non vinta e quindi che vede la globalizzazione e l'apertura come una minaccia. (E' successo lo stesso anche negli USA, dove la working class ha votato in massa per Trump). E sulla quale perciò fa presa il messaggio anti-establishment e anti-europeo e anti-globalizzazione di Marine Le Pen e del M5S (e di Trump e di Putin negli Us e in Russia).



Cambiare la politica Europea creando un Europa sociale e non solo più economica è nei programmi e nelle dichiarazione sia di Macron che di Renzi.
Ma per giungere a questo obiettivo, prima va risolto, sopratutto in Italia, l'ostacolo della distanza dal centro dell'elettorato mediano 30 - 50, assolutamente lontano da Renzi e dal moderatismo e orientato a votare per la contestazione - M5S, o per la destra - Salvini in primis. Riuscirà Renzi a farsi piacere anche dall'elettorato che lo ha ormai additato come suo nemico? Difficile, se non impossibile.


Ma ammesso e non concesso, che la Merkel possa perdere le prossime elezioni in Germania a favore di Shultz cioè della socialdemocrazia tedesca, nulla cambierà in Europa, se la Francia riformista di Macron a livello europeo non sarà sostenuta anche da una ritrovata Italia guidata da Matteo Renzi. Le elezioni sono vicine, ma appaiono assai lontane in Italia, nel 2018. C'è da sciogliere il nodo della legge elettorale, in base al quale si definiranno i campi da gioco. Ma i profili di una possibile competizione e gli elettorati appaiono definiti. Il tempo dirà se le strategie di Renzi e e le promesse di Macron si tramuteranno in fatti in grado di cambiare Italia e Francia e con esse l'Europa e le sue Istituzioni.

Letto 341 volte Ultima modifica il Lunedì, 08 Maggio 2017 11:58

Potrebbe interessarti anche:

  • 1° Maggio, sindacato dove sei?

    Se i sindacati usassero il 1° Maggio per capire i propri errori invece di fare il Concertone, forse, sarebbe meglio per tutti. La butto là come riflessione, non come polemica, ma come critica costruttiva. Sopratutto alla luce del fatto che la produttività del settore privato italiano è pari a quella di Francia e Germania, le ore lavorate sono 1/3 in più, ma gli stipendi sono la metà.

  • Se credere di fare controinformazione porta a fare disinformazione

    Negli ultimi due anni a questa parte stiamo assistendo a un evoluzione imprevista dell'informazione e temi che dovrebbero essere a-politici stanno diventando delle carte tornasole della collocazione politica della redazione. Una di queste cartine tornasole è di certo il tema vaccini.

  • Tra austerity e populismo, la grande sfida dei socialisti democratici europei

    Il Weltanschauung o spirito del tempo dell’Europa di oggi è stato testimoniato dalle elezioni olandesi, dove a un blocco anti-Europeo e populista, ormai presente in tutti gli Stati d’Europa si contrappone una destra pro-europeista, pro-austerity e pro-Merkel/BCE.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna


Dove ci porta l'UE

Memoria Collettiva

  • Strage di Bologna, il giudice priore e l'ingiustizia a orologeria
    Scritto da

    Basta, non se ne può più. Si dice che, se sbagliare è umano, perseverare sarebbe diabolico. A prima vista non si direbbe che Rosario Priore possieda fattezze luciferine. Eppure l’insistenza di questo magistrato che, da sei anni a questa parte, non perde occasione per ravvivare, a mezzo stampa, il dolore dei familiari delle vittime d ...

    Venerdì, 08 Luglio 2016 16:13 in Memoria Collettiva

La voce di Bologna

  • Vaccini tra paure e realtà, la serata
    Scritto da

    L'iniziativa “Vaccini tra paure e realtà” promossa dall'associazione ‘Minerva Associazione di Divulgazione” e dal blog ‘Bufale un tanto al chilo’, si terrà sabato 21 Marzo alle ore 20.45 presso lasala sala consigliare Cenerini del quartiere Saragozza. Noi de ilbolognino.info segnaliamo ...

    Mercoledì, 18 Marzo 2015 15:31 in Bologna

Multimedia

  • Fuori Tempi 4x20 finale stagione

    Paolo Perini, in collaborazione con Ipn e ilbolognino.info, con questa ultima puntata salutano gli appassionati e gli ascoltatori cogliendo l’occasione per una breve analisi dei fatti politici più importanti che abbiamo seguito in questa Quarta stagione di Fuori Tempi, a cavallo tra la seconda parte del 2014 e il 2015.

    Ho scelto per voi di ricordare e di approfondire, come ...

Questo sito utilizza cookies e tecnologie simili, anche di terze parti. Proseguendo accetti l'utilizzo dei cookies nel tuo browser Voglio saperne di più