Il Bolognino

Domenica, 15 Novembre 2015 11:12

Dietro al terrorismo c'è tanta geopolitica

Scritto da
Ci sono all'incirca un miliardo di cose che si potrebbero dire sui tragici eventi di Parigi, che forse sono stati dette, anche grazie a quel megafono di opinioni personali che sono i social. Tuttavia oggi, Boko Haram, la versione africana dell'Isis, ha fatto un altro attacco terroristico e ha ucciso quasi 2000 persone. Giusto 1600 - 1700 morti in più che a Parigi.

Saper distinguere. Un esercizio mentale che una buona scuola e, soprattutto, una buona società dovrebbero insegnare ai suoi cittadini. La cronaca di questi giorni ce ne offre un’occasione. Leggo sul web vari commenti alla sentenza che ha assolto Erri De Luca dall’accusa di istigazione a delinquere, per aver affermato che è giusto “sabotare” i cantieri del Tav in Val di Susa.

Se non fosse in galera – dove speriamo rimanga a lungo, diversamente dai radicalcamerati Francesca Mambro e Giusva Fioravanti* – Massimo Carminati avrebbe impedito questa pacchiana e controproducente (per i Casamonica e non solo) “esposizione”: gli uomini d’affari seri non vogliono riflettori. Molto più preoccupante, a ben vedere, il silenzio delle mafie padane. E il silenzio sul processo in corso a Palermo; silenzio assordante che prosegue nonostante la discesa di Napolitano dal Colle. In teoria il funerale del boss Casamonica è l’ennesimo buon motivo per chiedere (pretendere, se fossimo un Paese serio) le dimissioni di Alfano, che ovviamente anche stavolta non saranno concesse. Più probabile, si fa per dire, che la Chiesa pretenda le dimissioni dell’ennesimo parroco amico degli amici.

La difficile questione sui diritti di sessualità e procreazione femminili continua a rimanere irrisolta nel nostro Paese e con la sempre maggiore diffusione di ginecologi obiettori - obiettori per lo più sulla carta, disponibilissimi a qualsiasi intervento nella loro pratica privata - per una donna che decida di abortire in sicurezza l'iter da seguire è sempre meno praticabile.

Se da un lato una parte dell'opinione pubblica critica e avversa il governo Renzi per via dell'accordo sulle riforme siglato con Berlusconi, poco o nulla si fa per il suo grande conflitto d'interessi, problema economico e politico di prima importanza, tanto pervasivo da non essere neanche più percepito. E così mentre il governo procede con le sue riforme, Berlusconi cerca di avvantaggiarsi acquistando le imprese concorrenti, nel silezio generale.


Dove ci porta l'UE

  • Esclusi Eurobond sì a MES e Sure
    Scritto da Marco Zuccaro

    Esclusi in modo categorico gli Eurobond e ogni forma di mutualizzazione del debito (come ampiamente previsto), escluso ogni tipo di intervento a fondo perduto. No, il Recovery Fund non sarà composto da sovvenzioni a fondo perduto, altrimenti sarebbe stato approvato oggi stesso.

    Venerdì, 24 Aprile 2020 07:15 in Dove ci porta l'UE

Memoria Collettiva

La voce di Bologna

  • Vaccini tra paure e realtà, la serata
    Scritto da

    L'iniziativa “Vaccini tra paure e realtà” promossa dall'associazione ‘Minerva Associazione di Divulgazione” e dal blog ‘Bufale un tanto al chilo’, si terrà sabato 21 Marzo alle ore 20.45 presso lasala sala consigliare Cenerini del quartiere Saragozza. Noi de ilbolognino.info segnaliamo ...

    Mercoledì, 18 Marzo 2015 15:31 in Bologna

Multimedia

  • Fuori Tempi 4x20 finale stagione

    Paolo Perini, in collaborazione con Ipn e ilbolognino.info, con questa ultima puntata salutano gli appassionati e gli ascoltatori cogliendo l’occasione per una breve analisi dei fatti politici più importanti che abbiamo seguito in questa Quarta stagione di Fuori Tempi, a cavallo tra la seconda parte del 2014 e il 2015.

    Ho scelto per voi di ricordare e di approfondire, come ...

Questo sito utilizza cookies e tecnologie simili, anche di terze parti. Proseguendo accetti l'utilizzo dei cookies nel tuo browser Voglio saperne di più